Lo shock anafilattico è una reazione allergica acuta che richiede cure mediche di emergenza. Shock con la stessa frequenza si verifica in maschio e femmina.

Anche fornendo chiaramente assistenza medica, i medici non sono sempre in grado di salvare la vittima. Nel 10% dei casi, l'anafilassi termina con la morte.

Pertanto, è importante riconoscere rapidamente lo shock anafilattico e chiamare una squadra di emergenza.

Sintomi e manifestazioni di shock anafilattico

La velocità di sviluppo di una reazione allergica può variare da pochi secondi a 4-5 ore dopo il contatto con l'allergene. Nella formazione dello shock, la quantità e la qualità della sostanza e il modo in cui è entrata nel corpo non giocano un ruolo. Anche con le microdosi si può sviluppare anafilassi. Tuttavia, quando l'allergene è in grandi quantità, aumenta la gravità dello shock e complica il suo trattamento.

Il primo e principale sintomo di sospettare l'anafilassi è un dolore severo e grave nella sede di un morso o iniezione. Se una persona ha preso l'allergene all'interno, il dolore sarà localizzato nell'addome e nell'ipocondrio.

Indica inoltre lo shock:

  • grande gonfiore e gonfiore nel sito di contatto con l'allergene;
  • prurito generalizzato della pelle, che si diffonde gradualmente a tutto il corpo;
  • improvviso calo della pressione sanguigna;
  • nausea, vomito, diarrea, gonfiore delle mucose della bocca e della lingua (quando si assume la sostanza per via orale);
  • pelle pallida, labbra e arti blu;
  • visione e udito compromessi;
  • un senso di paura della morte, non senso;
  • aumento della frequenza cardiaca e della respirazione;
  • bronco e laringi, a seguito del quale il paziente inizia a soffocare;
  • perdita di coscienza e convulsioni.

È impossibile far fronte allo shock anafilattico da solo, è necessario l'aiuto di personale medico qualificato.

Primo soccorso per shock anafilattico

Dopo aver chiamato un'ambulanza, il tuo compito è sostenere la persona in stato di coscienza fino all'arrivo della brigata.

  1. Limitare il contatto con l'allergene! Se una persona ha bevuto o mangiato un prodotto proibito, sciacqua la bocca. Al posto di un morso o iniezione, metti il ​​ghiaccio, trattalo con alcool o un altro antisettico, appena sopra fai un bendaggio morbido.
  2. Posare il paziente e sollevare l'estremità del piede del letto. Puoi semplicemente mettere un cuscino o una coperta sotto i piedi.
  3. Apri la finestra, stendi vestiti che impediscono la respirazione.
  4. Dare qualsiasi farmaco antistaminico che hai a disposizione (suprastin, fenkarol).
  5. Quando viene eseguito un arresto cardiaco, deve essere eseguito un massaggio cardiaco indiretto: chiudi le braccia diritte nella serratura e posizionati tra il centro e il terzo inferiore dello sterno. Alternate 15 prese e 2 respiri nella bocca della vittima (o naso). Tali manipolazioni devono essere ripetute senza interruzione fino all'arrivo di un'ambulanza o fino alla comparsa di un impulso e alla respirazione spontanea.

L'algoritmo delle cure mediche per l'anafilassi

All'arrivo, il team dell'ambulanza fornisce il seguente trattamento:

  1. Introduzione di adrenalina allo 0,1% - idealmente, per via endovenosa, se non è possibile cateterizzare una vena, sia per via intramuscolare che per via sublinguale (sotto la lingua). Anche il punto di contatto con l'allergene viene interrotto con 1 ml di adrenalina allo 0,1% da tutti i lati (4-5 iniezioni). L'adrenalina restringe i vasi sanguigni, non permettendo al veleno di continuare ad essere assorbito nel sangue e mantiene anche la pressione sanguigna.
  2. Valutazione dei segni vitali - misurazione della pressione sanguigna, pulsazioni, ECG e determinazione della quantità di ossigeno nel sangue utilizzando un saturimetro.
  3. Verifica della pervietà del tratto respiratorio superiore - rimozione del vomito, rimozione della mascella inferiore. Quindi l'inalazione viene effettuata costantemente con ossigeno inumidito. In caso di edema laringeo, il medico ha il diritto di effettuare una conicotomia (dissezione dei tessuti molli tra la tiroide e cartilagine cricoide sul collo per l'ingresso di ossigeno nei polmoni).
  4. L'introduzione di farmaci ormonali - alleviano il gonfiore, aumentano la pressione. Questo è prednisone alla dose di 2 mg / kg di peso corporeo o desametasone 10-16 mg.
  5. Iniezione di farmaci antiallergici ad azione immediata - suprastin, difenidramina.
  6. Se dopo queste manipolazioni è possibile cateterizzare la vena periferica, quindi iniziare l'introduzione di eventuali soluzioni fisiologiche per prevenire lo sviluppo di insufficienza vascolare acuta (soluzione di Ringer, NaCl, reopolyglucine, glucosio, ecc.)
  7. Dopo la stabilizzazione della condizione, la vittima richiede il ricovero immediato presso l'unità di terapia intensiva più vicina.

Dopo l'interruzione dello shock anafilattico, è meglio che una persona per diversi giorni rimanga nell'ospedale sotto la supervisione di medici, poiché il sequestro può ripresentarsi.

Come si verifica una reazione anafilattica?

Lo shock anafilattico si verifica come reazione di ipersensibilità di tipo immediato. Come risultato dell'ingestione dell'allergene, i mastociti rilasciano istamina e altri mediatori di allergia. Restringono bruscamente i vasi sanguigni (inizialmente periferici, poi centrali). Pertanto, tutti gli organi soffrono di malnutrizione e non funzionano bene.

L'ipossia è anche sperimentata dal cervello, con conseguente ansia e confusione. Se il tempo non fornisce assistenza, la persona morirà per soffocamento o arresto cardiaco.

Cause di shock anafilattico

Gli allergeni - sostanze che causano anafilassi - sono individuali per ogni persona. Qualcuno potrebbe essere scioccato da una puntura d'ape, qualcuno dal contatto con prodotti chimici domestici.

Alcune persone non sono adatte per cibo e sigarette. Le sostanze principali che sono spesso allergiche sono elencate nella tabella sottostante.

/ Protocollo di assistenza di emergenza per shock anafilattico

T78.0 Shock anafilattico causato da una reazione patologica al cibo.

Complicazioni T85 associate ad altri dispositivi protesici interni,

impianti e trapianti

T63 Effetto tossico dovuto al contatto con animali velenosi.

W57 Morso o puntura di insetti non velenosi e altri non velenosi

X23 Contatto con calabroni, vespe e api.

T78 Effetti avversi non classificati altrove Definizione: Lo shock anafilattico (ASH) è un processo patologico acuto e potenzialmente letale causato da una reazione allergica immediata quando un allergene viene introdotto nell'organismo, caratterizzato da una grave compromissione della circolazione sanguigna, della respirazione e dell'attività del sistema nervoso centrale.

1. Corrente del lampo - l'esordio più acuto, con un declino rapido e progressivo della pressione sanguigna, perdita di coscienza, aumento dell'insufficienza respiratoria. Una caratteristica distintiva dello shock da fulmine è la resistenza alla terapia intensiva anti-shock e lo sviluppo progressivo fino a un coma profondo. La morte di solito si verifica nei primi minuti o ore a causa della sconfitta degli organi vitali.

2. Corso ricorrente: il verificarsi di uno stato di shock ricorrente è tipico di molte ore o giorni dopo il miglioramento clinico. A volte le ricadute dello shock sono molto più difficili rispetto al periodo iniziale, sono più resistenti alla terapia.

3. Il decorso abortito è una variante asfissiante dello shock, in cui i pazienti con sintomi clinici sono facilmente fermi, spesso non richiedono l'uso di alcun farmaco.

1. Allergia alla droga nella storia.

2. Uso a lungo termine di sostanze medicinali, in particolare corsi ripetuti.

3. Uso di preparativi per depositi.

5. Alta attività sensibilizzante del farmaco.

6. Lungo contatto professionale con farmaci.

7. Malattie allergiche nella storia.

8. La presenza di tigna (atleta), come fonte di sensibilizzazione a

• cambiamento nel colore della pelle (iperemia della pelle o pallore, cianosi);

• gonfiore delle palpebre, del viso, della mucosa nasale;

• sudore freddo appiccicoso;

• starnuti, tosse, prurito;

• convulsioni cloniche degli arti (talvolta convulsioni convulsive);

• scarico involontario di urina, feci e gas.

• frequenza cardiaca frequente (su vasi periferici);

• tachicardia (meno frequentemente bradicardia, aritmia);

• i suoni del cuore sono sordi;

• la pressione arteriosa diminuisce rapidamente (nei casi più gravi, la pressione inferiore non viene rilevata). In casi relativamente lievi, la pressione sanguigna non scende al di sotto del livello critico di 90-80 mm Hg. Art. Nei primi minuti, a volte la pressione sanguigna può aumentare leggermente;

• insufficienza respiratoria (mancanza di respiro, difficoltà a respirare con respiro dalla bocca);

• Le pupille sono dilatate e non rispondono alla luce.

1. Posa il paziente nella posizione di Trendelenburg: con un piede sollevato,

gira la testa di lato, spingi la mascella inferiore per prevenire la retrazione della lingua, l'asfissia e previ l'aspirazione del vomito. Fornire aria fresca o ossigeno terapia.

a) con allergene parenterale:

- applicare un laccio emostatico (se la localizzazione lo consente) in prossimità del sito di iniezione

allergene per 30 minuti, senza spremere le arterie (ogni 10 minuti, il laccio emostatico si indebolisce per 1-2 minuti);

- Tritare "trasversalmente" il sito di iniezione (pungente) di una soluzione allo 0,18%

b) quando instillazione del farmaco allergenico nei passaggi nasali e congiuntivali

risciacquare la borsa con acqua corrente;

c) se l'allergene è assunto per via orale, lavare lo stomaco malato, se consentito

a) Entrare immediatamente per via intramuscolare:

- soluzione di adrenalina 0,3 - 0,5 ml (non più di 1,0 ml). somministrazioni ripetute

l'adrenalina viene eseguita ad intervalli di 5 - 20 minuti, controllando la pressione sanguigna;

b) iniziare il ripristino del volume intravascolare con endovena

terapia infusionale con soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% con un volume di iniezione di almeno 1 l. In assenza di stabilizzazione dell'emodinamica nei primi 10 minuti, a seconda della gravità dello shock, viene reintrodotta una soluzione colloidale (pentamal) di 1-4 ml / kg / min. Il volume e il tasso di terapia per infusione sono determinati dal valore della pressione arteriosa, dal CVP e dalle condizioni del paziente.

- Prednisolone 90-150 mg di bolo endovenoso.

a) con ipotensione arteriosa persistente, dopo aver riempito il volume

sangue circolante - vasopressori ammine somministrate per via endovenosa per raggiungere la pressione sistolica ≥ 90 mm Hg: dopamina per via endovenosa ad una velocità di 4-10 μg / kg / min, ma non più di 15-20 μg / kg / min (200 mg di dopamina su

400 ml di soluzione allo 0,9% di cloruro di sodio o soluzione al 5% di destrosio) - l'infusione viene effettuata con

velocità di 2-11 gocce al minuto;

b) con lo sviluppo di bradicardia, una soluzione allo 0,1% di atropina 0,5 ml viene iniettata per via sottocutanea, con

se necessario, ri-somministrare la stessa dose in 5-10 minuti;

c) quando si manifesta la sindrome broncospastica, è indicata l'iniezione endovenosa di una soluzione al 2,4% di aminofillina (aminofillina) 1,0 ml (non più di 10,0 ml) per 20 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico; o inalato β2- adrenomimetica - salbutamolo 2,5-5,0 mg attraverso un nebulizzatore;

g) in caso di cianosi, dispnea o rantoli secchi a

l'auscultazione mostra l'ossigenoterapia. In caso di arresto respiratorio, è indicata la respirazione artificiale. Con edema della laringe - tracheotomia;

indicazioni per il ricovero in ospedale dei pazienti dopo stabilizzazione della condizione nel reparto

Shock anafilattico: cause di sviluppo, sintomi, cure di emergenza

Lo shock anafilattico (ASH) è un complesso di disfunzioni del corpo, derivante dal ripetuto ingresso di allergeni in esso e manifestato da una serie di sintomi, tra cui i disturbi circolatori prendono il posto di guida.

Cause e sviluppo dello shock anafilattico

L'ASH è una reazione allergica sistemica. Si verifica a contatto con un allergene che penetra nel corpo con il cibo, o con la respirazione, o con iniezioni o pungiglioni da parte degli insetti.

La cenere non si verifica mai durante il primo contatto, poiché in questo momento c'è solo una sensibilizzazione del corpo - una sorta di sintonizzazione del sistema immunitario alla sostanza corrispondente.

Il secondo colpo allergenico provoca una potente reazione del sistema immunitario, durante il quale i vasi sanguigni si espandono notevolmente, la parte liquida del sangue penetra attraverso la parete dei capillari nei tessuti, aumenta la secrezione di muco, si verifica broncospasmo, ecc.

Questi disturbi portano ad una diminuzione del volume circolante del sangue, che comporta un deterioramento della funzione di pompaggio del cuore e un calo della pressione sanguigna a numeri ultra-bassi.

Gli allergeni più comuni in caso di shock anafilattico sono farmaci prescritti secondo le indicazioni.

Incolpare i medici per negligenza in questo caso è inutile, dal momento che nessuno può prevedere l'esistenza di un'allergia a un particolare farmaco. Ci sono un certo numero di farmaci che più spesso provocano reazioni indesiderate, e prima del loro uso, i medici sono tenuti a condurre un test (ad esempio, la novocaina). Ma nella pratica dell'autore c'era un caso di shock anafilattico sulla suprastin - un rimedio usato specificamente per il trattamento delle allergie! Ed è impossibile prevedere un tale fenomeno. Questo è il motivo per cui ogni operatore sanitario (e non solo!) Dovrebbe essere in grado di riconoscere rapidamente i segni di ASH e avere familiarità con le abilità di primo soccorso.

Sintomi di shock anafilattico

Il quadro clinico di AS dipende dalla forma in cui appare. Ci sono 5 tipi in totale:

  • emodinamica - esordio acuto con un calo critico della pressione sanguigna e senza segni di danni ad altri organi e sistemi;
  • asma (asfissia) - con broncospasmo grave e insufficienza respiratoria in rapido aumento;
  • cerebrale, che scorre con grave danno alle strutture del cervello e del midollo spinale;
  • addominale, in cui vi sono gravi violazioni della cavità addominale;
  • distinguere anche la forma che scorre con i sintomi luminosi della pelle e delle mucose.

Sintomi, a seconda del grado di shock anafilattico

Lo shock anafilattico di 1 grado è la forma più favorevole. L'emodinamica è leggermente disturbata, la pressione sanguigna scende leggermente.

Possibili manifestazioni cutanee di allergie - prurito, eruzione cutanea, orticaria, mal di gola, tosse, angioedema. Il paziente è eccitato o, al contrario, letargico, a volte si nota la paura della morte.

Lo shock di secondo grado è caratterizzato da una diminuzione più grave dei parametri emodinamici sotto forma di ipotensione a 90-60 / 40 mm Hg.

La perdita di coscienza non si verifica immediatamente o questo può non accadere affatto. Ci sono sintomi comuni di anafilassi:

  • prurito, eruzione cutanea;
  • rinite, congiuntivite;
  • angioedema;
  • la voce cambia fino alla sua scomparsa;
  • tosse, soffocamento;
  • dolore all'addome e al cuore.

Nello shock anafilattico, grado 3, il paziente perde rapidamente conoscenza. La pressione scende a 60-40 mm Hg. Un sintomo frequente è un attacco convulsivo dovuto a gravi danni al sistema nervoso centrale. Ci sono sudore freddo appiccicoso, cianosi delle labbra, pupille dilatate. L'attività cardiaca è debole, il polso è irregolare, debole. Con questo grado di shock, le probabilità di sopravvivenza del paziente sono molto piccole, anche con un'assistenza tempestiva.

Con shock 4 gradi, il fenomeno di anafilassi aumenta alla velocità della luce, letteralmente "sull'ago". Già al momento dell'introduzione dell'allergene, quasi istantaneamente, la pressione arteriosa scende a zero numeri, una persona perde conoscenza, broncospasmo, edema polmonare e aumento dell'insufficienza respiratoria acuta. Questa forma porta rapidamente al coma e alla morte del paziente, nonostante le intense misure terapeutiche.

Diagnosi di shock anafilattico

La specificità della malattia è tale che a volte uno specialista praticamente non ha tempo per una spiegazione dettagliata delle circostanze, della storia della vita e delle allergie nel passato. Il punteggio in molti casi non va nemmeno per i minuti - per una frazione di secondi.

Questo è il motivo per cui molto spesso il medico non può che scoprire in poche parole cosa è successo al paziente o ad altri, e anche valutare i dati oggettivi:

  • l'aspetto del paziente;
  • parametri emodinamici;
  • funzioni respiratorie;

quindi prontamente assegnare il trattamento.

Trattamento e cure di emergenza per shock anafilattico

Lo shock è forse l'unica condizione patologica in cui anche un minuto di ritardo nella fornitura di assistenza può privare il paziente di qualsiasi possibilità di recupero. Pertanto, in ogni stanza di trattamento c'è un set speciale, in cui ci sono tutti i preparativi necessari per fermare lo shock.

Algoritmo di azione per shock anafilattico

In primo luogo, è necessario interrompere completamente l'ingestione di allergeni nel corpo - per fermare l'introduzione del farmaco, per prevenire l'inalazione di polline (basta portare nella stanza), per rimuovere il cibo che era allergico, per rimuovere il pungiglione di un insetto, ecc.

In caso di anafilassi medicinale o shock causato da puntura da parte di insetti, il luogo di penetrazione dell'allergene viene interrotto con adrenalina e viene applicato ghiaccio. Questo riduce il tasso di assorbimento di sostanze nocive.

Successivamente, immediatamente somministrato per via endovenosa:

  • adrenalina (getto o gocciolamento);
  • dopamina (gocciolamento);
  • soluzioni per infusione per la correzione della carenza di fluidi;
  • farmaci glucocorticoidi;
  • cloruro di calcio;
  • antistaminici - clemensina, difenidramina, ecc. (iniettato nel muscolo).

Il trattamento chirurgico viene utilizzato solo in caso di edema laringeo, quando è necessario aprire urgentemente le vie respiratorie. In questo caso, il medico produce crioconicotomia o tracheotomia - un foro nella parete frontale della laringe o della trachea attraverso il quale il paziente può respirare.

L'algoritmo delle azioni dei genitori nello sviluppo dello shock anafilattico nei bambini è schematicamente mostrato di seguito:

In alcune forme di shock anafilattico, sfortunatamente, anche immediatamente le cure mediche potrebbero essere inefficaci. Purtroppo, i medici non sono onnipotenti, ma la maggior parte delle persone sopravvive ancora grazie ai loro sforzi.

Tuttavia, ogni caso ripetuto di ASH è più grave del precedente, quindi alle persone che sono inclini all'anafilassi è consigliato portare con sé un kit di primo soccorso, che avrà tutto il necessario per fermare un attacco. Questo modo semplice può aumentare notevolmente le possibilità della propria salvezza.

Gennady Bozbey, commentatore medico, medico d'urgenza

7,019 visualizzazioni totali, 6 visualizzazioni oggi

Aiuto di emergenza e algoritmo di azioni dell'infermiere allo shock anafilattico

Lo shock anafilattico è una condizione di emergenza comune che può essere fatale con una cura impropria o prematura. Questa condizione è accompagnata da un gran numero di sintomi negativi, nel caso in cui si consiglia di chiamare immediatamente l'ambulanza e fornire in modo indipendente il primo soccorso prima del suo arrivo. Ci sono misure per prevenire lo shock anafilattico, che contribuirà ad evitare il ripetersi di questa condizione.

Lo shock anafilattico è una reazione allergica generalizzata di tipo immediato, che è accompagnata da una diminuzione della pressione arteriosa e da un ridotto apporto di sangue agli organi interni. Il termine "anafilassi" in greco significa "impotenza". Questo termine fu introdotto per la prima volta dagli scienziati S. Richet e P. Portier.

Questa condizione si verifica nelle persone di diverse età con la stessa prevalenza negli uomini e nelle donne. La frequenza dello shock anafilattico varia tra 1,21 e 14,04% della popolazione. Lo shock anafilattico letale si verifica nell'1% dei casi ed è la causa della morte da 500 a 1 mila pazienti ogni anno.

Lo shock anafilattico è spesso causato da droghe, punture di insetti e cibo. Raramente, si verifica a contatto con il lattice e durante l'esercizio. In alcuni casi, la causa dello shock anafilattico non può essere stabilita. Le possibili cause di questa condizione sono elencate nella tabella:

Lo shock anafilattico può causare qualsiasi farmaco. Il più delle volte, è causato da antibiotici, farmaci anti-infiammatori, ormoni, sieri, vaccini e agenti chemioterapici. Del cibo, le cause comuni sono noci, pesce e latticini, uova.

Esistono diverse forme di shock anafilattico: generalizzato, emodinamico, asfittico, addominale e cerebrale. Differiscono tra loro l'altro quadro clinico (sintomi). Ha tre gradi di gravità:

Il più comune è una forma generalizzata di shock anafilattico. La forma generalizzata è talvolta chiamata tipica. Questa forma ha tre fasi di sviluppo: il periodo dei precursori, il periodo di altezza e il periodo di uscita dallo shock.

Lo sviluppo del periodo precursore viene effettuato nei primi 3-30 minuti dopo l'azione dell'allergene. In rari casi, questa fase si sviluppa entro due ore. Il periodo dei precursori è caratterizzato dalla comparsa di ansia, brividi, astenia e vertigini, rumore nelle orecchie, riduzione della vista, intorpidimento delle dita, lingua, labbra, mal di schiena e addome. Spesso i pazienti sviluppano orticaria, prurito cutaneo, difficoltà respiratoria e angioedema. In alcuni casi, questo periodo nei pazienti può essere assente.

Perdita di coscienza, abbassamento della pressione sanguigna, tachicardia, pallore della pelle, mancanza di respiro, minzione involontaria e defecazione, una diminuzione della produzione di urina caratterizzano il periodo di picco. La durata di questo periodo dipende dalla gravità di questa condizione. La gravità dello shock anafilattico è determinata da diversi criteri, sono presentati nella tabella:

La via d'uscita dallo shock continua per i pazienti per 3-4 settimane. I pazienti presentano mal di testa, debolezza e perdita di memoria. È durante questo periodo che i pazienti possono sviluppare un infarto, disturbi della circolazione cerebrale, lesioni del sistema nervoso centrale, angioedema, orticaria e altre patologie.

La forma emodinamica è caratterizzata da una diminuzione della pressione, dolore nella regione del cuore e aritmia. Nella forma asfittica compaiono respiro affannoso, edema polmonare, raucedine o gonfiore laringeo. La forma addominale è caratterizzata da dolore addominale e si verifica con allergie alimentari. La forma cerebrale si manifesta sotto forma di convulsioni e stupore di coscienza.

Per aiutare, è necessario determinare correttamente che il paziente ha esattamente questa condizione di emergenza. Lo shock anafilattico viene rilevato quando ci sono più segni:

Il primo soccorso per lo shock anafilattico consiste in tre fasi. È necessario chiamare immediatamente un'ambulanza. Quindi dovresti chiedere alla vittima cosa ha causato l'allergia. Se la causa è lana, piuma o polvere, allora è necessario smettere di contattare il paziente con l'allergene. Se la causa dell'allergia è una puntura d'insetto o un'iniezione, allora si raccomanda di lubrificare la ferita con un antisettico o di applicare un laccio emostatico sopra la ferita.

Si raccomanda al più presto di somministrare alla vittima un antistaminico (antiallergico) o fare un'iniezione di adrenalina per via intramuscolare. Dopo aver eseguito queste procedure, il paziente deve essere posizionato su una superficie orizzontale. Le gambe dovrebbero essere sollevate un po 'più in alto rispetto alla testa e la testa dovrebbe essere girata di lato.

Prima dell'arrivo dell'ambulanza, è necessario monitorare le condizioni del paziente. Necessità di misurare l'impulso e monitorare la respirazione. Dopo l'arrivo del team dell'ambulanza, al personale medico deve essere comunicato quando è iniziata la reazione allergica, quanto tempo è trascorso e quali medicinali sono stati somministrati al paziente.

Fornire il pronto soccorso di emergenza è aiutare l'infermiere quando si verifica questa condizione. Il processo infermieristico viene eseguito in preparazione dell'uscita del paziente dallo stato di shock anafilattico. C'è una certa sequenza di azioni e tattiche per aiutare:

  1. 1. interrompere l'introduzione dell'allergene farmaco;
  2. 2. chiamare un medico;
  3. 3. metta il paziente su una superficie orizzontale;
  4. 4. assicurarsi che le vie aeree siano percorribili;
  5. 5. imporre un raffreddore sul sito di iniezione o un laccio emostatico;
  6. 6. fornire aria fresca;
  7. 7. calmare il paziente;
  8. 8. condurre esami infermieristici: misurare la pressione sanguigna, contare il polso, la frequenza cardiaca e i movimenti respiratori, misurare la temperatura corporea;
  9. 9. preparare farmaci per l'ulteriore somministrazione per via endovenosa o intramuscolare: adrenalina, Prednisolone, antistaminici, Relanium, Berotec;
  10. 10. Se necessario, l'intubazione tracheale prepara un condotto e un tubo per intubazione;
  11. 11. sotto la supervisione di un medico per fissare gli appuntamenti.

Le misure di prevenzione dello shock anafilattico dai farmaci sono divise in tre gruppi: comunità, medicina generale e individuale. Le misure sociali sono caratterizzate dal miglioramento delle tecnologie di produzione di farmaci, dalla lotta contro l'inquinamento ambientale, dalla vendita di medicinali nelle farmacie secondo le prescrizioni dei medici e da una costante informazione pubblica sulle reazioni allergiche avverse ai farmaci. La prevenzione individuale consiste nel raccogliere l'anamnesi e l'uso in alcuni casi di test cutanei e metodi di diagnostica di laboratorio. Le misure mediche generali sono le seguenti:

  1. 1. prescrizione ragionevole di farmaci;
  2. 2. impedire la nomina contemporanea di un gran numero di farmaci;
  3. 3. diagnosi e cura delle malattie fungine;
  4. 4. Un'indicazione dell'intolleranza del paziente sulla droga nella mappa o nella storia della malattia;
  5. 5. uso di siringhe e aghi monouso durante l'esecuzione di manipolazioni;
  6. 6. osservazione dei pazienti per mezz'ora dopo l'iniezione;
  7. 7. fornitura di sale per trattamenti con set antishock.

La prevenzione dello shock anafilattico è necessaria per prevenire il ripetersi di shock anafilattico. Quando le allergie alimentari dalla dieta dovrebbero eliminare l'allergene, seguire una dieta ipoallergenica e trattare le patologie del tratto gastrointestinale. Con una maggiore sensibilità alle punture di insetti, si raccomanda di non visitare i mercati, non camminare a piedi nudi sull'erba, non usare profumi (attirando insetti), non assumere medicinali contenenti propoli nella loro composizione e disporre di un kit antishock nel kit di pronto soccorso.

E un po 'sui segreti.

La storia di uno dei nostri lettori Irina Volodina:

I miei occhi erano particolarmente frustranti, circondati da grandi rughe più occhiaie e gonfiore. Come rimuovere rughe e borse sotto gli occhi completamente? Come far fronte a gonfiore e arrossamento? Ma niente è così vecchio o giovane come i suoi occhi.

Ma come ringiovanirli? Chirurgia plastica? Ho riconosciuto - non meno di 5 mila dollari. Procedure hardware - fotoringiovanimento, pilling gas-liquido, radio lifting, laser lifting? Leggermente più economico: il corso è di 1,5-2 mila dollari. E quando trovare tutto questo tempo? Sì, e ancora costoso. Soprattutto ora. Pertanto, per me stesso, ho scelto un altro modo.

Cosa fare con lo shock anafilattico? Imparare a fornire il primo soccorso per salvare la vita di una persona

Lo shock anafilattico è una reazione allergica di tipo I comune (ipersensibilità di tipo immediato).

È pericoloso per la caduta dei valori della pressione sanguigna e per l'insufficiente flusso di sangue agli organi vitali.

Lo shock anafilattico può colpire una persona di qualsiasi età e sesso.

Caratteristica di reazione

Le cause più comuni di anafilassi sono la droga, il veleno di insetti e il cibo.

Ci sono 3 fasi di questo stato:

  1. Al primo stadio (il periodo dei precursori), si notano disagio, ansia, malessere generale, sintomi cerebrali, tinnito, visione offuscata, prurito e orticaria.
  2. Al secondo stadio (il periodo di altezza) sono possibili perdita di coscienza, riduzione della pressione, aumento della frequenza cardiaca, sbiancamento, mancanza di respiro.
  3. Il terzo stadio (il periodo di recupero dallo shock) dura diverse settimane ed è caratterizzato da debolezza generale, problemi di memoria e mal di testa.

In questo momento possono svilupparsi complicanze (miocardite, encefalite, glomerulonefrite, trombocitopenia, accidente cerebrovascolare acuto, infarto miocardico acuto).

Leggi anche quale shock anafilattico è, come si sviluppa e quanto è pericoloso per una persona.

Eventi prioritari

Per salvare la vita di una persona, è indispensabile fornire il primo soccorso per lo shock anafilattico (PMS) fino all'arrivo di un'ambulanza. La cosa più importante è non farsi prendere dal panico e seguire il piano descritto di seguito.

Algoritmo di azione per pronto soccorso urgente

  • Interrompere l'agente allergico previsto.
  • Fornire aria fresca nella stanza.
  • È necessario posare il paziente in una posizione con le gambe sollevate.
  • La testa dovrebbe essere inclinata di lato per combattere la retrazione del linguaggio e l'asfissia.
  • Si consiglia di fissare la mascella inferiore in una posizione fissa.
  • Le protesi dentarie devono essere rimosse dalla cavità orale.

Se lo shock anafilattico risulta dall'iniezione di droghe o da una puntura d'insetto, è necessario applicare un laccio emostatico improvvisato sul sito di lesione.

  • Una bottiglia di acqua calda (una piastra elettrica) deve essere attaccata agli arti inferiori per migliorare il flusso di sangue.
  • Controllo dell'impulso, pressione sanguigna, frequenza respiratoria, livello di coscienza.
  • Prendere una compressa di antistaminico se disponibile.
  • Tattica dell'infermiera per lo shock anafilattico

    L'infermiera esegue tutti gli elementi di pronto soccorso di emergenza, se quelli non sono stati applicati.

    L'infermiera deve fornire al medico tutti i dati anamnestici noti. La competenza dell'infermiere è la preparazione di medicine e strumenti medici per l'ulteriore lavoro del medico.

    Il kit di strumenti include:

    • Siringhe per iniezione;
    • laccio emostatico;
    • contagocce;
    • Ambu Bag;
    • Apparecchi per la ventilazione artificiale dei polmoni;
    • Kit per l'introduzione dell'ETT (tubo endotracheale).

    farmaci:

    • Soluzione prednisone al 2%;
    • Soluzione allo 0,1% di epinefrina cloridrato;
    • Soluzione suprastin al 2%;
    • Soluzione all'1% di mezaton;
    • 2,4% di aminofillina;
    • Soluzione allo 0,05% di strophanthin.

    Paramedico tattico

    La tattica del paramedico include anche tutti i punti di trattamento di emergenza per lo shock anafilattico.

    Nella competenza del paramedico comprende:

    • Iniezione di soluzione allo 0,1% di adrenalina, soluzione all'1% di mezaton in / in, in / m.
    • Iniezione su / nell'introduzione di prednisolone in soluzione di glucosio al 5%.
    • Iniezione di iniezione endovenosa o intramuscolare di farmaci antistaminici dopo stabilizzazione della pressione sanguigna.
    • Condurre un complesso di terapia sintomatica utilizzando aminofillina per eliminare broncospasmo, diuretici, disintossicazione e terapia iposensibilizzante.

    Standard di cura per lo shock anafilattico

    C'è uno standard speciale di assistenza medica per l'anafilassi con l'ordine n. 291 del Ministero della Sanità della Federazione Russa.

    Egli ha i seguenti criteri: assistenza medica di emergenza è fornita a pazienti di qualsiasi età, sesso, condizione acuta, in qualsiasi fase del processo, indipendentemente dalle complicazioni, attraverso cure mediche di emergenza, al di fuori dell'organizzazione medica.

    La durata del trattamento e lo svolgimento delle attività di cui sopra è di un giorno.

    Gli interventi medici comprendono un esame da parte di un medico e / o un paramedico dell'ambulanza.

    Ulteriori metodi strumentali di indagine implicano le prestazioni e la decodifica dell'ECG, pulsossimetria.

    I metodi urgenti per prevenire l'anafilassi includono:

    • L'introduzione di droghe in / muscolare e in / venno;
    • Introduzione dell'ETT (tubo endotracheale);
    • L'introduzione di droghe e l'inalazione di ossigeno con la borsa Ambu;
    • Esecuzione di cateterizzazione delle vene;
    • IVL (ventilazione polmonare artificiale).

    Kit di pronto soccorso anti-shock: composizione

    Quando si esegue qualsiasi operazione con l'uso di anestesia e altri farmaci allergenici, è necessario disporre di una serie speciale di farmaci per fornire assistenza urgente alla reazione imprevedibile del corpo.

    Il kit anti-shock include:

    • prednisone per ridurre lo shock;
    • farmaco antistaminico per bloccare i recettori di istamina (di solito suprastin o tavegil);
    • adrenalina per stimolare il cuore;
    • amminofillina per il sollievo dal broncospasmo;
    • Dimedrol - un farmaco antistaminico che può disattivare il sistema nervoso centrale;

  • siringhe;
  • alcol etilico come disinfettante;
  • ovatta, garza;
  • laccio emostatico;
  • catetere venoso;
  • nat. Soluzione da 400 ml per la preparazione di soluzioni delle preparazioni di cui sopra.
  • Processo infermieristico per anafilassi

    Il processo infermieristico implica un esame infermieristico. L'infermiera deve raccogliere anamnesi:

    • scoprire di cosa si lamenta il paziente;
    • ottenere dati sulla storia della malattia e della vita;
    • valutare la condizione della pelle;
    • misurare la frequenza cardiaca, la temperatura corporea, la pressione sanguigna, la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca.

    Un'infermiera deve prima:

    • scoprire i bisogni del paziente;
    • priorità stabilite;
    • formulare un algoritmo di cura del paziente.

    Successivamente, viene elaborato un piano di assistenza, viene sviluppata una tattica di trattamento e assistenza.

    L'operatore sanitario è sempre motivato e interessato a recuperare il paziente il più presto possibile, prevenendo le ricadute e combattendo gli allergeni che causano una reazione.

    Tutti gli elementi del piano di assistenza sono i seguenti:

    • azioni coordinate volte a migliorare le condizioni del paziente;
    • creare condizioni di riposo;
    • controllo della pressione sanguigna, frequenza respiratoria, atti di defecazione e minzione, peso, pelle e mucose;
    • l'implementazione del materiale di campionamento per la ricerca;
    • preparare il paziente per ulteriori metodi di ricerca;
    • osservanza della tempestività nella fornitura di medicinali;
    • combattere lo sviluppo di complicazioni;
    • risposta rapida alle istruzioni del medico.

    Diagnosi di reazione

    La diagnosi di anafilassi si basa su dati clinici. Informazioni su abbassamento persistente della pressione arteriosa, storia (contratto con un allergene), perdita di coscienza sono sufficienti per la diagnosi.

    È necessario ricorrere a ulteriori misure diagnostiche per evitare lo sviluppo di complicanze.

    Secondo i risultati dell'analisi generale del sangue nei pazienti marcati leucocitosi, eosinofilia. In alcuni casi, trombocitopenia e anemia.

    Nell'analisi biochimica del sangue in caso di sviluppo di complicazioni da parte di reni e fegato, potrebbe esserci un aumento della creatinina, livello di bilirubina, transaminasi.

    Un esame radiografico della cavità toracica può causare sintomi visibili di edema polmonare. Sull'ECG, vengono rilevate aritmie, variazioni nell'onda T. Nel 25% dei pazienti esiste il rischio di sviluppare un infarto miocardico acuto.

    Per determinare con precisione il fattore causale che ha causato lo stato di shock, vengono eseguite analisi immunologiche e vengono rilevate immunoglobuline allergene specifiche della classe E.

    Trattamento dello shock anafilattico

    Le necessarie misure anti-shock sono eseguite al momento dell'attacco di anafilassi.

    Dopo un pronto soccorso medico, è necessaria un'iniezione intramuscolare di una soluzione allo 0,1% di epinefrina con un volume di 0,5 ml. Il più rapidamente possibile la sostanza entra nel flusso sanguigno quando viene iniettata nella coscia.

    Dopo 5 minuti, reintroduzione del farmaco. Iniezioni duplicate danno un effetto maggiore di una dose singola della dose massima ammissibile (2 ml).

    Se la pressione non ritorna alla normalità, l'adrenalina viene iniettata in un flusso di gocciolamento.

    Per consolidare la condizione e prevenire la ricorrenza, ulteriori trattamenti includono:

    • Quando viene somministrato uno shock anafilattico, i glucorticoidi (prednisone, metilprednisolone) vengono iniettati in una vena o in un muscolo. L'introduzione viene ripetuta dopo 6 ore.
    • Un antistaminico viene somministrato in una vena o in un muscolo (ad esempio, la crescita).
    • Nel caso in cui l'introduzione della penicillina fosse la causa dell'anafilassi, è necessario iniettare penicillinasi.
    • Con lo sviluppo di broncospasmo, viene mostrato l'uso di salbutamolo attraverso un nebulizzatore. Se il paziente è incosciente, l'eufilina viene iniettata nella vena.
    • L'ossigenoterapia è consigliabile per condurre i pazienti in fasi severe.
    • Se il trattamento non produce l'effetto atteso e si sviluppa un edema laringeo, viene eseguita una tracheotomia.
    • Dopo un trattamento di emergenza antishock, il paziente viene trasferito all'unità di terapia intensiva per 1-2 giorni.

    Dopo il recupero da anafilassi, il paziente ha mostrato di assumere glucocorticoidi in forma di compresse (prednisone 15 mg con una lenta diminuzione del dosaggio per 10 giorni).

    Anche gli antistaminici di nuova generazione (erolin, fexofenadina) aiuteranno e, se ci sono indicazioni (edema polmonare nella storia), viene prescritta una terapia antibatterica (esclusi i preparati di penicillina).

    Durante il periodo di riabilitazione dovrebbe monitorare il lavoro dei reni e del fegato. È necessario condurre una valutazione dell'ECG in dinamica per escludere la miocardite.

    Si consiglia ai pazienti di vedere un neurologo a causa del rischio di encefalite e polineurite.

    conclusione

    Lo shock anafilattico è una condizione pericolosa che può portare alla morte, è necessario iniziare immediatamente a condurre un trattamento anti-shock.

    Le principali cause di morte sono l'asfissia, lo sviluppo dell'insufficienza vascolare acuta, il broncospasmo, la trombosi e il tromboembolismo polmonare, così come le emorragie cerebrali e le ghiandole surrenali.

    Temendo lo sviluppo di queste complicanze, dovrebbe essere esercitato il controllo sullo stato degli organi interni.

    Video correlati

    Come fornire il primo soccorso per lo shock anafilattico e cosa fare in modo da non morire dalle sue conseguenze, vedere questo video clip:

    Shock anafilattico: cure di emergenza, kit di primo soccorso e algoritmo di azioni

    anafilassi

    17 febbraio 2017. Prima di analizzare la sequenza di azioni per fornire assistenza medica di emergenza per lo shock anafilattico negli adulti e nei bambini, prendere in considerazione una cosa come "anafilassi". L'anafilassi è un processo patologico che si sviluppa con l'introduzione di un antigene (proteina estranea) e si manifesta sotto forma di ipersensibilità al contatto ripetuto con questo allergene. Questa condizione è una manifestazione di ipersensibilità di tipo immediato, in cui la reazione tra l'antigene e gli anticorpi si verifica sulla superficie cellulare.

    motivi

    La condizione più importante per il verificarsi di anafilassi: lo stato di ipersensibilità del corpo (sensibilizzazione) alla reintroduzione di proteine ​​estranee.

    L'eziologia. In ogni organismo vivente, quando viene introdotto nella proteina estranea (antigene), gli anticorpi iniziano a essere prodotti. Sono formazioni strettamente specifiche e agiscono solo contro un singolo antigene.

    Quando si verifica una reazione tra l'antigene e gli anticorpi in un organismo vivente, viene rilasciata una grande quantità di istamina e serotonina, questo spiega la reazione attiva che si sta verificando.

    Reazioni di shock anafilattico

    Le reazioni anafilattiche si verificano rapidamente, con il coinvolgimento dell'apparato vascolare e degli organi muscolari lisci. Sono divisi in due tipi:

    1. generalizzato (shock anafilattico);
    2. localizzato (edema, orticaria, asma bronchiale).

    Una forma speciale è la cosiddetta malattia da siero, gradualmente - nel momento in cui inizia la produzione di anticorpi contro l'antigene introdotto (da uno a diversi giorni) - che si sviluppa dopo una singola iniezione di una grande dose di siero estraneo.

    Shock anafilattico

    La reintroduzione di una proteina estranea in un organismo sensibilizzato può portare a una condizione grave: shock anafilattico.

    clinica

    Il quadro clinico dello shock anafilattico varia a seconda delle persone e può variare ampiamente. Lo shock anafilattico può manifestarsi in forma lieve e manifestarsi come sintomi generali lievemente espressi (orticaria, broncospasmo, mancanza di respiro).

    Più spesso, l'immagine dello shock sembra più minacciosa e, se l'assistenza non viene fornita in modo tempestivo, può portare alla morte del paziente.

    Nei primi minuti di shock anafilattico, la pressione sanguigna aumenta bruscamente, quindi inizia a diminuire e alla fine scende a zero. Ci può essere un forte prurito seguito da orticaria, gonfiore del viso e delle estremità superiori. Ci sono dolore addominale parossistico, nausea, vomito, diarrea. La coscienza del paziente confusa, ci sono convulsioni, un brusco aumento della temperatura corporea, ci possono essere defecazione involontaria e minzione.

    In assenza di assistenza urgente, la morte viene dal soffocamento e alterata funzione cardiaca.

    Sintomi principali

    Lo shock anafilattico è caratterizzato dai seguenti sintomi principali: subito dopo il contatto con l'allergene (a volte dopo pochi secondi), il paziente diventa irrequieto, pallido, si lamenta di un mal di testa pulsante, vertigini e tinnito. Il suo corpo è coperto di sudore freddo, sente la paura della morte.

    Primo soccorso per shock anafilattico

    • Stop all'introduzione di droghe.
    • Intorno al sito di iniezione di adrenalina 0,15-0,75 ml di una soluzione allo 0,1% in 2-3 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico.
    • Posizione orizzontale, bottiglie di acqua calda alle gambe, testa su un lato, estendere la mascella inferiore, fissare la lingua, se possibile, avviare la fornitura di ossigeno.
    • Inserisci immediatamente:
    1. Epinefrina 0,1% - 5 ml di bolo endovenoso;
    2. Prednisolone 0,5-1 ml per 1 kg di peso, 40-60 ml di idrocortisone o 2,5 ml di dexometasone (i corticosteroidi bloccano l'antigene - reazione di anticorpi);
    3. Cordiamina 2,5% - 2 ml;
    4. Caffeina 10% - 2,0 (iniezione di adrenalina e caffeina, ripetere ogni 10 minuti per aumentare la pressione sanguigna);
    5. tachicardia con una soluzione allo 0,05% di Strofantina o soluzione allo 0,06% di Korglukon;
    6. antistaminici: Suprastin 2% - 20 ml, difenidramina 1% - 5,0 ml, Pipolfen 2,5% - 2,0 ml. Dopo 20 minuti, ripetere l'iniezione.
    • Con broncospasmo e dolore ischemico - 2,4% - 10,0 ml di Eufillina con 10-20 ml di glucosio al 40% o per via intramuscolare 2,4% - 3 ml;
    • con una diminuzione significativa della pressione sanguigna con attenzione, lentamente - Mezaton 1% - 1,0 ml;
    • per i fenomeni CLO e l'edema polmonare - per via intramuscolare 0,5% - 0,5 ml di Strofantin con 10 ml di glucosio 40% o 10 ml di soluzione salina 2,4-10,0 ml, lasix per via endovenosa può essere somministrato 1% - 4,8 fiale;
    • in caso di edema, quando non vi è insufficienza cardiovascolare, vengono utilizzati diuretici ad azione rapida: una soluzione al 2% di Furasemide per via endovenosa a 0,03-0,05 ml per 1 kg di peso;
    • con convulsioni e grave agitazione: Droperidolo 2% - 2,0 ml o Seduxen 0,5-3,5 ml;
    • in caso di insufficienza respiratoria - Lobelin per via endovenosa 1% - 0,5-1 ml;
    • durante l'arresto cardiaco, adrenalina 0,1% -1,0 ml o calcio cloruro 10% -1,0 ml viene iniettato per via intracardiaca. Effettuare un massaggio cardiaco al coperto e la respirazione artificiale.

    Se un bambino è allergico a qualsiasi sostanza, il contatto con il quale si è verificato a seguito di inalazione, ingestione, contatto o penetrazione nella pelle, provoca una reazione insolita. Le allergie da bambini di solito non sono pericolose e, di regola, sono limitate a manifestazioni di diatesi, ma a volte possono causare malattie e persino rappresentare una minaccia per la vita di un bambino.

    Shock anafilattico nei bambini

    Lo shock anafilattico in un bambino può svilupparsi con un pasto a cui è allergico, quando è immunizzato, con una puntura d'insetto. Questa potente reazione allergica a una proteina aliena può svilupparsi in pochi secondi ed è una condizione grave che richiede cure mediche di emergenza. Se si verificano i primi sintomi sospetti, interrompere immediatamente l'assunzione del farmaco e consultare un medico.

    I segni principali di un bambino

    1. un bambino può essere irrequieto e spaventato;
    2. diventa difficile per lui respirare, comincia a soffocare;
    3. può comparire prurito, la pelle diventa rosso vivo;
    4. Il viso di un bambino può diventare gonfio (specialmente sotto gli occhi), possono comparire sulla pelle grandi macchie rosse chiamate orticaria;
    5. potrebbe avere un attacco di starnuti;
    6. il volto del bambino può diventare molto pallido o grigio cenere;
    7. il polso di un bambino può diventare debole e frequente;
    8. può apparire forte sete;
    9. il bambino può lamentarsi di vertigini, sbadigliando e senza fiato;
    10. la sua pelle può sembrare appiccicosa e umida;
    11. potrebbe svenire.

    Prima assistenza di emergenza per shock anafilattico nei bambini

    1. il bambino deve essere preso il prima possibile in ospedale o chiamare un'ambulanza;
    2. è necessario calmare il bambino, dire che un medico sta andando da lui, per convincerlo che sta mentendo tranquillamente;
    3. se è difficile per il bambino respirare, mettilo a sedere, entra nell'aria fresca;
    4. se perdi conoscenza, controlla le vie aeree del bambino e controlla il respiro. Quando smetti di respirare, inizia immediatamente la rianimazione.

    raccomandazioni

    Se il tuo bambino non respira: respira per lui. Copriti la bocca o il naso e la bocca con la bocca. Fai cinque respiri separati. Assicurarsi che il suo petto si alzi ad ogni respiro. Va ricordato che i bambini dovrebbero respirare aria con meno forza.

    Se non trovi il polso del bambino: massaggia il torace. Trova il posto giusto: lo spessore di un dito sotto la linea immaginaria che collega i capezzoli. Premere sul petto ad una velocità di cento pressioni al minuto.

    1. Nei bambini di età superiore ad un anno: utilizzare solo la parte morbida del palmo, tenendo il braccio dritto. Premi 15 volte per ogni due respiri (la tua mano dovrebbe essere premuta 2,5-3 cm).
    2. Nei neonati: usa due dita e premi cinque volte per ogni respiro (in modo che le dita vengano premute nel corpo del bambino per circa 2 cm).

    Se non hai chiamato un'ambulanza, fallo immediatamente.

    Le rianimazioni continuano fino all'arrivo dell'ambulanza.

    Pronto soccorso per shock e altre condizioni acute

    Dovresti essere consapevole che la prima assistenza pre-medica è un complesso di azioni e attività urgenti, più semplici che devono essere svolte sulla scena. Questa assistenza può essere fornita sia da estranei che dalle vittime stesse (auto-aiuto).

    Spesso, il pronto soccorso aiuta a salvare la vita del paziente. Questo vale soprattutto per le situazioni in cui è necessaria un'azione immediata (sanguinamento, annegamento, soffocamento, avvelenamento da monossido di carbonio, ecc.).

    Il primo soccorso comprende tre gruppi di attività.

    1. Il primo gruppo include l'immediata cessazione di fattori esterni dannosi (corrente elettrica, acqua, fuoco, sostanze chimiche).
    2. Il secondo gruppo: primo soccorso.
    3. Il terzo gruppo è un appello per l'aiuto alla struttura medica più vicina.

    Per fornire auto-aiuto e assistenza reciproca, non è necessario avere un kit di pronto soccorso o farmaci, l'importante è essere in grado di fornire questa assistenza. È necessario utilizzare gli strumenti disponibili e sapere cosa fare in ciascun caso. Questo è insegnato e televisione, e giornali e buoni libri. Quindi, se c'è l'opportunità di imparare qualcosa di utile, impara - non sarà mai superfluo. Scopri anche i materiali aggiuntivi sul pronto soccorso per lo shock.

    Il trattamento dell'asma bronchiale nei bambini deve essere completo. La prima cosa che il medico curante dovrebbe raggiungere è il ripristino della pervietà bronchiale.

    Algoritmo di risposta alle emergenze per shock anafilattico

    Eliseev O.M. (Compiler). Manuale di emergenza e assistenza di emergenza. - SPB.: Ed. Leila LLP, 1996

    Lo shock anafilattico si sviluppa più spesso:

    1. in risposta alla somministrazione parenterale di farmaci, come penicillina, sulfonamidi, sieri, vaccini, farmaci proteici, sostanze radiopachi e simili;
    2. quando si eseguono test provocatori con pollini e meno comunemente allergeni alimentari;
    3. Lo shock anafilattico può verificarsi con punture di insetti.

    Sintomi di shock anafilassi

    Il quadro clinico dello shock anafilattico si sviluppa sempre rapidamente. Tempo di sviluppo: pochi secondi o minuti dopo il contatto con l'allergene:

    1. depressione della coscienza
    2. caduta della pressione sanguigna
    3. appaiono le convulsioni,
    4. minzione involontaria.

    Fulminante per lo shock anafilattico è fatale. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia inizia con la comparsa di una sensazione di calore, arrossamento della pelle, paura della morte, eccitazione o, al contrario, depressione, mal di testa, dolore dietro lo sterno, soffocamento. A volte l'edema laringeo si sviluppa in base al tipo di angioedema con respiro sibilante, prurito, orticaria, rinorrea e tosse secca. La pressione sanguigna cala bruscamente, il polso diventa filiforme, può essere pronunciata sindrome emorragica con rash petecchiale. La morte può verificarsi a causa di insufficienza respiratoria acuta dovuta a broncospasmo ed edema polmonare, insufficienza cardiovascolare acuta con sviluppo di ipovolemia o edema cerebrale.

    L'algoritmo delle cure d'emergenza e le prime azioni dell'infermiera!

    1) la cessazione dell'introduzione di farmaci o altri allergeni, l'imposizione dell'imbracatura prossimale al sito di introduzione dell'allergene;

    2) l'assistenza dovrebbe essere fornita sul posto: a questo scopo è necessario deporre il paziente e fissare la lingua per prevenire l'asfissia;

    3) iniettare 0,5 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1% per via sottocutanea nel sito dell'iniezione di allergene (o nella sede del morso) e 1 ml endovenoso di soluzione allo 0,1% di adrenalina. Se la pressione arteriosa rimane bassa, dopo 10-15 minuti deve essere ripetuta l'introduzione della soluzione di adrenalina;

    4) i corticosteroidi sono di grande importanza per la rimozione dei pazienti dallo shock anafilattico. Il prednisolone deve essere iniettato in una vena con una dose di 75-150 mg o più; desametasone: 4-20 mg; idrocortisone - 150-300 mg; se è impossibile introdurre corticosteroidi nella vena, possono essere iniettati per via intramuscolare;

    5) per entrare in antistaminici: pipolfen - 2-4 millilitri di una soluzione del 2,5% ipodermicamente, suprastin - 2-4 millilitri di una soluzione del 2% o difenidramina - 5 millilitri di una soluzione del 1%;

    6) per asfissia e asfissia, iniettare 10-20 ml di una soluzione al 2,4% di aminofillina per via endovenosa, alupente - 1-2 ml di una soluzione allo 0,05%, izadrina - 2 ml di una soluzione allo 0,5% per via sottocutanea;

    7) con l'apparizione di segni di insufficienza cardiaca, entri Korglikon - 1 millilitro di soluzione 0,06 in una soluzione isotonic di cloruro di sodio, lasix (furosemide) 40-60 mg endovenosamente in una corrente rapidamente in una soluzione isotonic di cloruro di sodio;

    8) se si è sviluppata una reazione allergica per introdurre penicillina, iniettare 1.000.000 U di penicillinasi in 2 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico;

    9) l'introduzione di bicarbonato di sodio - 200 ml di soluzione al 4% e liquidi antiurto.

    Se necessario, condurre misure di rianimazione, incluso un massaggio cardiaco chiuso, respirazione artificiale, intubazione bronchiale. Con edema della laringe - tracheotomia.

    Dopo aver rimosso il paziente dallo shock anafilattico, l'introduzione di farmaci desensibilizzanti, i corticosteroidi devono essere proseguiti. disintossicazione, agenti di disidratazione per 7-10 giorni.

    Algoritmo e standard di cure di emergenza per shock anafilattico con una descrizione passo passo

    Una persona normale, senza istruzione medica e senza la disponibilità di medicine speciali, non sarà in grado di fornire assistenza completa. Ciò è dovuto al fatto che l'assistenza di emergenza prevede una chiara sequenza di azioni e una chiara sequenza di somministrazione di alcuni farmaci. Questa sequenza completa di azioni può essere eseguita solo da un medico rianimatore o da un ufficiale dell'ambulanza.

    Pronto soccorso

    Il primo soccorso, che può essere eseguito da una persona senza una formazione adeguata, dovrebbe iniziare con una chiamata al medico per fornire assistenza qualificata.

    In caso di shock anafilattico, deve essere eseguita anche la solita serie di misure di primo soccorso, che mirano a verificare la pervietà delle vie aeree ea fornire aria fresca A (via aerea) e B (Respirazione). Puoi, ad esempio, posare una persona dalla sua parte, girare la testa di lato, rimuovere le protesi per evitare il vomito e la lingua. In caso di crampi è necessario tenere la testa e prevenire lesioni alla lingua. Le fasi rimanenti (C - Circolazione e sanguinamento, D - Disabilità, E - Esposizione / ambiente) senza istruzione medica sono difficili da eseguire.

    Algoritmo delle cure mediche

    L'algoritmo di azione coinvolge non solo un certo insieme di farmaci, ma la loro sequenza rigorosa. In qualsiasi condizione critica, la somministrazione arbitraria, prematura o impropria di farmaci può peggiorare le condizioni di una persona. Prima di tutto, dovrebbero essere usate medicine che ripristinano le funzioni vitali del corpo, come la respirazione, la pressione sanguigna e il battito cardiaco.

    In caso di shock anafilattico, la somministrazione di farmaci inizia per via endovenosa, quindi per via intramuscolare e solo per via orale. La somministrazione endovenosa di farmaci consente di ottenere risultati rapidi.

    Iniezione di adrenalina

    Le cure di emergenza dovrebbero iniziare con l'iniezione intramuscolare della soluzione di adrenalina. Va ricordato che è consigliabile introdurre piccole quantità di adrenalina per un effetto di rendering più veloce in diverse parti del corpo. È questa sostanza medicinale che ha un potente effetto vasocostrittore, la sua iniezione previene un ulteriore deterioramento del cuore e dell'attività respiratoria. Dopo l'introduzione dell'adrenalina, la pressione sanguigna si normalizza, la respirazione e il polso migliorano.

    Un ulteriore effetto stimolante può essere ottenuto introducendo una soluzione di caffeina o cordiamina.

    Introduzione di aminofillina

    Una soluzione di aminofillina viene utilizzata per ripristinare le vie aeree ed eliminare lo spasmo. Questo farmaco è rapidamente eliminato lo spasmo della muscolatura liscia dell'albero bronchiale. Quando viene ripristinata la via respiratoria, la persona si sente un po 'migliorata.

    Amministrazione degli ormoni steroidei

    Nel caso dello shock anafilattico, un componente necessario è la somministrazione di ormoni steroidei (prednisone, desametasone). Questi farmaci riducono il gonfiore dei tessuti, il numero di secrezioni polmonari e le manifestazioni di carenza di ossigeno nei tessuti di tutto il corpo. Inoltre, gli ormoni steroidei hanno una spiccata capacità di inibire le reazioni immunitarie, compresa quella allergica. Per migliorare l'effettivo effetto antiallergico, vengono iniettate soluzioni antistaminiche (tavegil, suprastin, tavegil).

    Eliminazione degli allergeni

    La successiva fase necessaria di assistenza di emergenza dopo la normalizzazione della pressione e della respirazione è l'eliminazione dell'azione dell'allergene. In caso di shock anafilattico, può essere un prodotto alimentare, un aerosol inalato di una sostanza, una puntura di insetto o la somministrazione di un farmaco. Per interrompere lo sviluppo ulteriore di shock anafilattico, è necessario rimuovere la puntura di un insetto dalla pelle, irrigare lo stomaco, se l'allergene va d'accordo con il prodotto alimentare, utilizzare una maschera di ossigeno se la situazione è scatenata dall'aerosol.

    Assistenza ospedaliera

    Dovrebbe essere compreso che dopo le prime misure urgenti nello shock anafilattico, l'assistenza non finisce. Per ulteriori trattamenti, è necessario ricoverare una persona in ospedale per continuare il trattamento.

    In un contesto ospedaliero, il trattamento può essere prescritto:

    1. massiccia terapia infusionale con soluzioni cristalloide e colloide;
    2. farmaci che stabilizzano il cuore e l'attività respiratoria;
    3. e anche senza fallo - un corso di agenti antiallergici compressi (fexofenadine, desloratadine).

    Le cure d'emergenza possono terminare solo quando i sistemi respiratorio e cardiaco sono completamente ripristinati. L'algoritmo per ulteriori trattamenti fornisce inoltre un'approfondita delucidazione della causa (di un allergene specifico) che ha causato lo sviluppo di una situazione di emergenza, al fine di prevenire il ripetersi di shock anafilattico.

    Kit di primo soccorso per shock anafilattico e nuovo ordine

    Il kit di primo soccorso per lo shock anafilattico deve essere completamente attrezzato in conformità con il nuovo ordine del Ministero della Sanità della Federazione Russa. Un kit di pronto soccorso di emergenza deve essere sempre disponibile liberamente per l'uso previsto.

    Ordine n. 291 del 23/11/2000

    L'ordine n. 291 illustra in dettaglio tutte le fasi dell'assistenza medica: dalla fase pre-medica alla fase di fornitura di assistenza medica qualificata in un ospedale. L'algoritmo per la diagnosi di shock anafilattico e, ancora più importante, le misure per la sua prevenzione sono descritti in dettaglio. L'ordine n. 291 descrive le azioni passo-passo di una persona, senza particolari competenze mediche, nel processo di cura delle cure a livello pre-medico.

    Quando uno stato anafilattico è importante non solo la velocità, ma anche la procedura. Questo è il motivo per cui l'ordine numero 291 distingue chiaramente tra l'algoritmo delle azioni primarie e secondarie di un operatore medico. Viene anche indicata la composizione indicativa del kit di pronto soccorso, che dovrebbe essere disponibile in tutte le istituzioni mediche.

    Ordinanza n. 626 del 09/04/2006

    L'ordine n. 626 regola chiaramente le manipolazioni mediche e la frequenza del loro uso nello shock anafilattico. In questo caso, il numero di ordine 626 non indica quali momenti il ​​medico dovrebbe eseguire e quali, ad esempio, un paramedico. Ciò può portare a un'incoerenza delle azioni e complicare la fornitura di assistenza di emergenza. Le informazioni dichiarate sono un certo standard di azioni, create sulla base di tendenze straniere. La composizione del kit di pronto soccorso con l'ordine n. 291 è molto approssimativa e imprecisa.

    La composizione, il set e la posa di kit di pronto soccorso per lo shock anafilattico

    Nel 2014 si è cercato di migliorare, in misura maggiore, il processo preparatorio per la fornitura di misure urgenti nello shock anafilattico. La composizione del kit di pronto soccorso è descritta in dettaglio, indicando non solo i farmaci, ma anche i materiali di consumo. La presenza di tali componenti è prevista:

    1. adrenalina - per iniezione locale e iniezione intramuscolare per fornire un effetto vasocostrittore quasi istantaneo;
    2. glucocorticosteroidi (prednisone) - per creare un potente anti-edema sistemico, azione antiallergica e immunosoppressiva;
    3. antistaminici sotto forma di soluzione per somministrazione endovenosa (prima generazione, come tavegil o suprastin) - per il più rapido effetto antiallergico;
    4. il secondo farmaco antistaminico (difenidramina) - per migliorare l'azione di tavegil e suprastin, così come per la sedazione (calmante) di una persona;
    5. aminofillina (broncodilatatore) - per eliminare il broncospasmo;
    6. materiali di consumo: siringhe, il cui volume deve corrispondere alle soluzioni disponibili; ovatta e garza; alcool etilico;
    7. catetere venoso (solitamente cubitale o succlavia) - per accesso continuo alla vena;
    8. soluzione salina per l'applicazione di soluzioni nella fase di assistenza secondaria.
    9. farmaci.

    La composizione del kit di pronto soccorso del 2014 non prevede la presenza (e il successivo utilizzo) di diazepam (un mezzo per sopprimere il sistema nervoso) e una maschera di ossigeno. Il nuovo ordine non regola i farmaci nelle fasi di assistenza di emergenza.

    In caso di shock anafilattico, i suddetti medicinali devono essere utilizzati immediatamente. Pertanto, in ogni ufficio dovrebbe essere equipaggiato con un kit di pronto soccorso, quindi lo shock anafilattico, improvvisamente derivante da una persona, verrà fermato con successo.

    video

    Pronto soccorso per shock anafilattico

    Fonte di

    Le raccomandazioni in questo articolo sono basate su fonti autorevoli ufficiali:

    Popolarmente Sulle Allergie