L'allergia durante la gravidanza è osservata in quasi un terzo di tutte le donne che stanno aspettando la nascita di un bambino. La gravidanza è una condizione speciale del corpo quando si verifica la sua ristrutturazione e tutti gli organi e sistemi vitali iniziano a lavorare con un doppio carico e in una nuova modalità.

In questa situazione, una donna è molto vulnerabile, dal momento che i metodi tradizionali e i mezzi di trattamento non possono essere sempre utilizzati. L'allergia durante la gravidanza può complicare significativamente l'esistenza della futura mamma con i suoi sintomi spiacevoli e l'ansia per la salute del futuro bambino.

Cause, fattori di rischio e caratteristiche dell'allergia nelle future mamme

Le allergie e le gravidanze sono correlate e cosa fare in caso di sintomi spiacevoli?

La natura ha fatto in modo che il corpo della madre non rifiutasse il feto, quindi l'attività del sistema immunitario della donna incinta è ridotta. Inoltre, nel corpo della futura madre aumenta la produzione di ormone surrenalico idrocortisone, che ha un effetto "antiallergico".

Da un lato, questi cambiamenti dovrebbero impedire lo sviluppo di reazioni allergiche nelle donne in gravidanza. D'altra parte, il corpo della donna è estremamente vulnerabile in questa situazione, poiché funziona con doppio carico ed è estremamente suscettibile all'influenza di fattori esterni e interni.

Perché oggi sempre più spesso le persone soffrono di vari tipi di reazioni allergiche, comprese le donne in gravidanza:

  1. Degrado ambientale, inquinamento ambientale - acqua, suolo e aria, mutazioni di microrganismi.
  2. L'uso diffuso di prodotti chimici: nell'industria domestica e alimentare.
  3. Un'ampia selezione di farmaci e il loro uso incontrollato.
  4. Modo teso e stressante della vita moderna.

La suscettibilità di una particolare donna ad allergia è direttamente influenzata dalla sua predisposizione genetica a questo disturbo, dalla presenza di malattie croniche, dallo stato del sistema immunitario e dallo stile di vita.

L'allergia è pericolosa per la madre e il bambino?

Le allergie nelle donne incinte sono preoccupanti, dal momento che la futura mamma e i suoi parenti sono preoccupati della questione se questa situazione sia pericolosa per il nascituro. Gli allergeni possono entrare nel feto e causare una reazione allergica? E come fanno le droghe per le allergie al nascituro?

Nei periodi successivi (nel secondo e terzo trimestre) gli antigeni non possono entrare nel flusso sanguigno fetale attraverso la barriera placentare, tuttavia ci sono altri rischi per il futuro bambino.

Qual è l'allergia pericolosa in una donna incinta per il corpo del nascituro:

  1. La tendenza alle reazioni allergiche viene trasmessa a livello genetico e se il bambino riceve questi geni dalla madre, allora la probabilità di diventare una persona allergica è del 40%. Se il padre soffre di allergie, questa probabilità aumenta al 70%.
  2. Se durante la gravidanza la madre non monitora la sua dieta, utilizza in grandi quantità prodotti allergenici (pesce, uova, agrumi, cioccolato, latte) che provocano il peggioramento delle allergie in lei, il bambino in età infantile può anche soffrire di allergie alimentari a questi o altri. prodotti.
  3. L'autotrattamento della madre con allergie è molto pericoloso per la salute del nascituro. È proibita qualsiasi assunzione di medicinali a donne in gravidanza senza prescrizione medica, poiché possono provocare ipossia fetale, anomalie nella formazione del sistema cardiovascolare e nervoso del bambino e molte altre anomalie.

Cos'altro è allergie pericolose durante la gravidanza per la madre e per il nascituro, quindi è lo stato insoddisfacente della donna nel corso di una reazione allergica. Lo stress nervoso, il sonno povero a causa di prurito e dolore, la mancanza di aria dovuta alla congestione nasale, le fluttuazioni della pressione sanguigna, influenzano negativamente lo stato della madre e del futuro bambino.

Cosa può causare una risposta allergica del corpo?

Una reazione allergica in una donna incinta può essere causata da vari tipi di allergeni.

  • polvere e muffe;
  • prodotti alimentari;
  • farmaci;
  • veleno per insetti;
  • fumo di sigaretta, evaporazione di varie sostanze, odori;
  • componenti chimici trovati in detergenti e prodotti per la pulizia di prodotti chimici domestici;
  • polline delle piante, proteine ​​animali e insetti;
  • prodotti per l'igiene, cosmetici, profumeria.

Sintomi di allergia

L'eruzione cutanea è un segno caratteristico di una reazione allergica nelle donne in gravidanza. A causa dell'aumento della produzione dell'ormone progesterone e della diminuzione della sintesi di estrogeni, le funzioni protettive della pelle si riducono: la pelle diventa secca e ipersensibile.

I sintomi appaiono come arrossamento della pelle e varie eruzioni cutanee, che possono essere localizzate sulle guance, sul mento, sulle pieghe naso-labiali. L'eruzione allergica durante la gravidanza può avere l'aspetto di piccoli noduli o vesciche di grandi dimensioni. Di regola, questa condizione è accompagnata da gonfiore della pelle e talvolta dei tessuti molli. Grave prurito e bruciore, oltre a difetti estetici provocano disagio psicologico alla donna.

La congiuntivite allergica e la rinite sono spesso associate a questi problemi:

  • arrossamento della congiuntiva, lacrimazione, sensazione di "sabbia" negli occhi, gonfiore;
  • secrezione nasale, starnuti, mal di gola, prurito nasale, congestione nasale e difficoltà respiratorie.
Le allergie alimentari durante la gravidanza, in aggiunta a quanto sopra, hanno sintomi spiacevoli del tratto gastrointestinale:
  • spasmi nell'intestino;
  • nausea;
  • diarrea;
  • flatulenza.

Le eruzioni cutanee possono comparire sullo stomaco e sulla schiena sotto forma di piccoli punti rossi o grandi vescicole rosa brillante (orticaria). Le reazioni "accompagnano" il forte prurito. Nei casi più gravi, potrebbe esserci un'orticaria generalizzata, accompagnata da angioedema o shock anafilattico.

L'allergia alle mani durante la gravidanza si manifesta più spesso a causa del contatto con sostanze chimiche aggressive, acqua fredda e aria, a contatto con metalli (gioielli, orologi), tessuti e materiali sintetici, piante. I morsi degli insetti possono scatenare una forte reazione.

I sintomi appaiono come dermatite da contatto, eczema o orticaria.

Sulle mani, i palmi, le dita appaiono:

  • la formazione di macchie rosse, gonfiore;
  • eruzione cutanea sotto forma di bolle piene di liquido o densi noduli rossi;
  • le lesioni possono bagnarsi, diventare incrostate o, al contrario, la pelle può seccarsi e incrinarsi forte;
  • la desquamazione dell'epidermide è accompagnata da forti pruriti e bruciore.

Spesso nel corso di un'allergia c'è malessere generale, mal di testa, vertigini. Un sintomo molto pericoloso è una diminuzione della pressione sanguigna, che può indicare imminente shock anafilattico.

In caso di circostanze impreviste, la futura mamma dovrebbe sapere come aiutare se stessa e non danneggiare il nascituro. L'automedicazione per le allergie durante la gravidanza è inaccettabile, quindi una visita dal medico è obbligatoria nel caso in cui compaia almeno un segnale di avvertimento.

Come posso curare le allergie durante la gravidanza

Se hai un'allergia durante la gravidanza, cosa fare, perché le droghe possono danneggiare un nascituro? Come affrontare le allergie? Un allergologo qualificato ti aiuterà a trovare le risposte a tutte le domande che una donna ha.

Il trattamento delle allergie gravidiche ha lo scopo di fermare i sintomi acuti della patologia e alleviare la condizione di una donna:

  1. La rimozione di allergeni e tossine dal corpo. L'uso di enterosorbenti (Enterosgel) è accettabile.
  2. Sollievo dei sintomi della rinite nell'allergia nelle donne in gravidanza. È possibile utilizzare gocce nasali a base di sale marino Aqua Maris, Marimer, che eliminerà i passaggi nasali, alleviare il gonfiore e facilitare la respirazione. È possibile usare (con il permesso del dottore) gocce naturali (Pinosol, Salin). L'acido ascorbico allevia il gonfiore delle palpebre e del naso, aiuta a ridurre le secrezioni.
  3. Sollievo dalla congiuntivite. Gli occhi devono essere lavati 3 volte al giorno con la soluzione di furacilina. Se l'irritazione è grave, il medico può consentire l'uso di gocce Innox.
  4. Come trattare le allergie cutanee. Unguento a base di zinco (Zinco) eliminerà il prurito e la secchezza, riducendo la diffusione dell'infezione. Vitamina B12 aiuta a far fronte alla dermatite, eczema.

È importante ricordare che è impossibile trattare le allergie nelle donne in gravidanza con l'aiuto di antistaminici e farmaci ormonali. Possono influenzare negativamente la condizione del feto (provocare nascita prematura o influenzare lo sviluppo del bambino). In casi speciali, il medico prescriverà il farmaco necessario, a seconda dello stato e delle caratteristiche individuali del corpo della donna.

Se si verifica un'allergia durante la gravidanza, il trattamento deve necessariamente includere una dieta appropriata. Lo specialista scriverà in dettaglio la dieta della futura madre, che includerà i prodotti ipoallergenici e tutte le vitamine e i minerali necessari per il corpo.

Curare le allergie con solo farmaci non è realistico. Nella lotta per la salute della madre e del suo bambino non ancora nato, è molto importante eliminare il contatto con l'allergene, condurre uno stile di vita sano, evitare situazioni stressanti. Queste misure preventive aiuteranno a prevenire il ripetersi della malattia e migliorare la condizione della donna.

Allergie nelle future mamme - spiacevole, ma puoi vivere

Quanto è pericolosa un'allergia durante la gravidanza per la madre e il feto? Esistono prodotti sicuri che possono trattare efficacemente questa malattia e quali metodi popolari puoi usare? Come aggiustare cibo e vita ipoallergenica?

La gravidanza influisce su tutti i processi e i sistemi del corpo della futura madre. Il sistema immunitario sta subendo gravi cambiamenti, incluso il sistema immunitario: il numero, il rapporto percentuale e l'attività dei leucociti cambiano, i cambiamenti ormonali cambiano, si verifica l'immunodepressione. Ciò può portare a insuccessi nel sistema immunitario, compresa l'insorgenza di una nuova o maggiore vecchia allergia nelle donne in gravidanza.

Pertanto, a volte le allergie possono essere considerate come uno dei primi segni della gravidanza.

Tuttavia, durante la gravidanza aumenta il cortisolo - l'ormone con funzione di antiallergico che sopprime lo sviluppo di reazioni allergiche, in modo che in alcuni casi, la malattia può viceversa sbiadire o passare a una forma più leggera.

Allergia alla gravidanza - Doppia minaccia

Di norma, l'allergia alla gravidanza si manifesta raramente per la prima volta. La maggior parte delle donne ha una chiara idea dei "loro" allergeni e manifestazioni della malattia, ma possono esserci delle eccezioni. La gravidanza agisce da catalizzatore, esasperando il problema.

Tabella: dove gli allergeni possono intrappolare una donna incinta

Il sistema immunitario di una donna durante questo periodo funziona, come si dice, "per usura", quindi la reazione a un particolare prodotto cosmetico o prodotto alimentare può essere imprevedibile.

Le allergie nelle donne in gravidanza possono verificarsi con vari gradi di gravità. Per comodità, sono divisi in 2 gruppi. Il primo include sintomi lievi:

  • La rinite allergica è accompagnata da secrezione serous dalla cavità nasale, congestione nasale, starnuti.
  • Congiuntivite sulla base di allergia si manifesta aumento della lacrimazione, paura della luce, arrossamento della cornea. Congiuntivite allergica e rinite spesso si verificano contemporaneamente.
  • Orticaria, dermatite allergica. Le manifestazioni di dermatite da contatto sono la comparsa di un'eruzione cutanea sull'addome, sulla schiena o sul torace. La dermatite si manifesta con gonfiore della pelle, prurito, arrossamento. L'orticaria nel suo aspetto ricorda una "bruciatura" da cellule urticanti di ortica.

Il secondo gruppo comprende reazioni sistemiche con un decorso grave:

  • L'edema di Quincke (gonfiore delle palpebre, delle labbra, della lingua, della trachea), chiamato "orticaria gigante", si manifesta con un improvviso rigonfiamento delle membrane mucose e del tessuto adiposo sottocutaneo nella faccia e nel collo. Di particolare pericolo è il gonfiore della trachea e della laringe, che può portare a gravi problemi respiratori.
  • Lo shock anafilattico si manifesta con l'alterazione della coscienza, un forte calo della pressione sanguigna. Se una donna non viene aiutata, potrebbe morire.

Queste sono reazioni allergiche di tipo immediato. In caso di allergie ritardate, l'allergene si accumula nel corpo (spesso un'allergia ritardata si sviluppa sullo sfondo di numerosi allergeni).

La reazione immunocomplessa può essere una delle cause della glomerulonefrite, dell'artrite reumatoide e di altre malattie.

Allergia alla gravidanza - effetti sul feto

L'allergia è particolarmente pericolosa nel primo trimestre di gravidanza, poiché gli organi, i sistemi e i tessuti del feto sono nella loro infanzia e la placenta con le sue funzioni protettive non è ancora completamente formata.

Nel secondo e terzo trimestre, un'allergia non ha un effetto negativo sul feto, dal momento che una placenta completamente formata non passa antigeni. Ma la cattiva salute della donna incinta, il morale depresso può influire negativamente sulla salute del bambino.

Inoltre, le reazioni allergiche possono minacciare la vita della futura gestante e l'assunzione incontrollata di antistaminici può causare malformazioni fetali e interruzione prematura della gravidanza. Quando i farmaci auto-somministrati non possono rispondere con precisione alla domanda "Il bambino soffre?". Pertanto, dovresti consultare un allergologo e un ginecologo per sapere quali dosi dovrebbero essere assunte per trattare le allergie.

Diagnosi di allergie alla gravidanza

La diagnosi include un esame del sangue per le allergie, vale a dire:

  • livello totale di anticorpi IgE
  • screening degli allergeni del sangue, determinazione degli anticorpi specifici,
  • test cutanei
  • presa della storia,
  • tenere un diario alimentare in caso di sospette allergie alimentari.

Il medico deve essere consapevole della posizione del paziente al fine di prescrivere metodi diagnostici ottimali per lei.

Come trattare le allergie durante la gravidanza

Il trattamento delle allergie nelle donne in gravidanza è abbastanza vario. Di seguito descriviamo cosa si può fare per eliminare i principali sintomi di allergia.

Trattamento delle allergie durante la gravidanza nel 1 ° trimestre

In questo periodo non è consigliabile usare farmaci.

Se sei allergico alla fioritura, è consigliabile lavare i vestiti e lavare le scarpe dopo ogni passeggiata. Se non è possibile evitare il contatto con l'allergene, indossare una maschera medica.

Con rinite allergica

Gocce di naso, che sono usate per il raffreddore, aiutano bene per la rinite allergica.

Il meglio per le donne incinte sono i mezzi con il contenuto di sale marino.

  • Gocce Marimer e Aqua Maris;
  • Complesso di delfini con sale marino ed erbe aromatiche;
  • Spray Dr. Theiss Allergol acqua di mare

Oltre a quanto sopra, puoi utilizzare:

  • Pinosol - contiene estratti di menta ed eucalipto, che migliorano la salute durante la rinite allergica.
  • Prevalina spray: forma una sottile schiuma sulla membrana mucosa, bloccando gli allergeni.
  • Gocce Salin - il principale ingrediente attivo - cloruro di sodio. Promuove la pulizia della cavità nasale.

Congiuntivite, lacrimazione

Per il lavaggio degli occhi, sono idonee le gocce blu di Innoxa, che contengono solo sostanze naturali.

Prurito, eruzione cutanea, desquamazione

Un buon strumento è un unguento, aiutano a liberarsi delle allergie cutanee durante la gravidanza - eruzione cutanea, dermatite cutanea. Ad esempio, l'unguento di zinco ha un pronunciato effetto di essiccazione.

Allo stesso modo, può essere utilizzata la sospensione di Zindol contenente ossido di zinco.

Una buona opzione - creme che contengono estratti di piante medicinali. Nella dermatite atopica, applicazione di uno strato sottile alle aree interessate di Physiogel A.I.

Allergie alimentari e medicinali: pulizia del corpo

Questo tipo di allergia è più spesso caratterizzato da orticaria e altre eruzioni cutanee. Il primo passo è eliminare l'allergene dall'uso e dopo - per pulire il corpo. Questo aiuterà:

In caso di allergia grave, accompagnata da prurito o desquamazione, nei primi giorni dovresti assumere una dose doppia di qualsiasi sorbente, ad esempio carbone attivo.

Com'è facile calcolare: dividi il tuo peso per 5. Questo sarà il numero di pillole.

Utilizzare 2-3 volte al giorno per 1-2 giorni. Segue la dose abituale - 1 compressa per 10 kg di peso corporeo.

Posso prendere pillole per le allergie durante la gravidanza?

Per quanto riguarda gli antistaminici, quindi, purtroppo, non esistono farmaci assolutamente sicuri per una donna incinta. Considerare come trattare le allergie durante la gravidanza, quali antistaminici possono essere usati sulla raccomandazione di questo medico e quali antistaminici sono completamente proibiti.

È necessario prendere in considerazione le indicazioni e le controindicazioni degli antistaminici per scegliere il modo giusto per trattare le allergie nelle donne in gravidanza, specialmente nei casi più gravi.

H1-istamina bloccanti

Bloccando i recettori dell'istamina, eliminando così i sintomi di una reazione allergica. Ci sono 4 generazioni di questi farmaci, in cui ogni successivo è caratterizzato da un minor numero di effetti collaterali e dalla forza della loro manifestazione, un'azione più lunga. Quelle che seguono sono la principale categoria di prodotti a base di compresse H1 e la possibilità del loro uso in diversi trimestri di gravidanza.

1a generazione
  • Diphenhydramine. È severamente controindicato durante la gravidanza, poiché colpisce la contrattilità dell'utero se assunto in una dose superiore a 50 mg. In casi estremi, è possibile utilizzare solo nel 2 ° trimestre.
  • Suprastin. Questo farmaco è controindicato in gravidanza, anche se non ci sono informazioni affidabili sul suo effetto sul feto. Il farmaco non è prescritto nel primo trimestre di gravidanza e nei periodi successivi.
  • Tavegil. Il farmaco viene utilizzato solo quando assolutamente necessario, quando non è possibile utilizzare un altro strumento. Nel primo trimestre, il farmaco non viene utilizzato. Gli esperimenti sugli animali hanno mostrato la presenza di malformazioni nel feto.
  • Pipolfen (piperacillina, diprazin). I dati clinici sull'uso di questo farmaco non sono, quindi, il suo uso è controindicato. Se necessario, l'assunzione di farmaci durante l'allattamento deve essere interrotta.
2a generazione
  • Claritin. Nessun effetto negativo sul feto e sull'organismo materno è stato identificato, ma allo stesso tempo, la reazione di una donna incinta al farmaco può essere imprevedibile. Per questo motivo, claritin è prescritto a una donna incinta solo come ultima risorsa.
  • Terfenadina. Indesiderabile durante la gravidanza, può portare alla perdita di peso del neonato. È usato se l'effetto dell'uso supera il rischio per il feto.
3a generazione
  • Feksadin. Queste pillole di allergia per la gravidanza sono controindicate.
  • Zyrtec (il secondo nome è cetirizina). L'effetto teratogeno derivante dall'uso del farmaco non è stato identificato, ma è in grado di penetrare nel latte materno.
  • Allertek - può essere usato in 2 e 3 trimestri come prescritto da un medico

corticosteroidi

Disponibile sotto forma di compresse, iniezioni, nonché unguenti e creme. Il meccanismo d'azione dei corticosteroidi si basa sull'inibizione delle citochine Th-2, "responsabili" del verificarsi di una reazione allergica.

È stato stabilito che l'uso di tali farmaci come il desametasone, Metipred riduce significativamente la resistenza del corpo femminile a varie infezioni, e quindi ha anche un effetto negativo sul feto. Ecco perché i corticosteroidi sono prescritti a una donna incinta, se i tradizionali farmaci antiallergici non danno l'effetto desiderato.

Trattamento di allergia in rimedi popolari in gravidanza

I rimedi popolari sono utilizzati principalmente nel trattamento delle manifestazioni cutanee di allergie nelle donne in gravidanza.

tosse

Quando si tossisce, l'inalazione con acqua minerale, da cui tutto il gas è pre-rilasciato, aiuta. Puoi usare Borjomi, Essentuki (№4, №17) o Narzan. Un'ora dopo questa procedura, inoltre, inalazioni con oli - eucalipto, pesca o oliva.

Orticaria durante la gravidanza

Dal prurito alleviare l'acido salicilico o il mentolo. Utilizzare un disco o un batuffolo di cotone per pulire le aree interessate. Le sensazioni spiacevoli scompaiono in pochi minuti.

Con grave prurito, un infuso di foglie di piantaggine e semi di aneto aiuterà. La miscela (un cucchiaio di semi di aneto e le stesse foglie tritate di piantaggine) viene versata con acqua bollente (0,22 l), infusa per circa due ore e utilizzata per pulire le aree interessate.

Dermatite allergica

Per pulire la pelle con un decotto di camomilla, calendula, erba di San Giovanni e salvia. Mescolare un cucchiaio di ogni componente. Quindi un cucchiaio di miscela viene preparato con un bicchiere di acqua bollente. L'infusione può essere presa anche all'interno (1/3 di tazza, tre volte al giorno).

Bene aiuta la foglia schiacciata di piantaggine, mescolata in proporzioni uguali con fiori di calendula e camomilla. Quattro cucchiai della miscela producono 0,5 litri di acqua bollente. Applicare per pulire la pelle e comprime. Una buona opzione per lozioni è un decotto di corteccia di quercia.

Decotto di corteccia di quercia e estratto di olio di rosa canina trattano anche dermatiti allergiche.

  • 100 grammi di corteccia di quercia vengono fatti bollire per 30 minuti in 1 litro d'acqua; usato sotto forma di sfregamento e compressione.
  • L'olio viene estratto dai semi di rosa selvatica; usato esternamente e all'interno di 1 cucchiaino. al giorno

Eczema allergico

Per far fronte a tali manifestazioni di questa malattia aiuta foglia di cavolo fresco, che è legata al luogo colpito. Il foglio viene cambiato una volta al giorno, fino a quando i sintomi non scompaiono. È inoltre possibile utilizzare compresse con cavolo tritato e albume (3 cucchiai per 1 proteina).

La raccolta delle erbe aiuterà anche: mescolare l'olivello spinoso, il finocchio (in 2 parti) con radici di dente di leone, cicoria e foglia di guardia (parte 1). Un cucchiaio della raccolta versare un bicchiere di acqua bollente, far bollire per mezz'ora. Assumere due volte al giorno per ¾ tazza.

Inoltre, posso usare l'aceto di legno o la linfa di betulla:

  • Aceto di sidro di mele, acqua e un uovo crudo sono mescolati in un rapporto di 1: 1: 1, usato come un impacco.
  • La linfa di betulla pulisce la pelle.

Successione di allergia durante la gravidanza

Il decotto del treno allevia il prurito e il rossore, ha un effetto calmante. Il corso può durare fino a diversi anni, ma per 20 settimane di utilizzo dovrebbe essere fatto una pausa di 10 settimane.

Una sola applicazione: 1 cucchiaino. erbe in un bicchiere di acqua bollita, utilizzare al posto di tè / caffè. La stessa soluzione da 3 cucchiaini. un bicchiere di acqua bollente può essere trasformato in pelle.

Prima di utilizzare qualsiasi rimedio popolare e vitamine dovrebbero consultare un allergologo.

Antistaminici naturali per le donne incinte

Le sostanze naturali possono aiutare a prevenire le allergie o alleviare i suoi sintomi? Di seguito descriviamo la possibilità di ridurre le allergie senza l'aiuto di antistaminici.

Vitamina C o acido ascorbico

Riduce al minimo le manifestazioni allergiche come broncospasmo o naso che cola.

La dose giornaliera raccomandata va da 1 a 3 g.

Deve essere assunto gradualmente, iniziando con 500 mg / die e poi aumentando gradualmente la dose a 3-4 g.

Olio di pesce e acido linoleico

Previene sintomi come eruzioni cutanee, prurito, arrossamento degli occhi e lacrimazione eccessiva. L'accettazione di questi farmaci dipende dalle caratteristiche dell'organismo.

Vitamina B12

È un antistaminico naturale universale. Ti aiuterà a ridurre i sintomi di asma allergica o dermatite. Prendi 500 mcg per 3-4 settimane.

Preparati di zinco

Lo zinco aiuta a ridurre le allergie a vari composti chimici. È necessario accettare all'interno solo in una forma complessa come una parte di preparazioni.

Olio d'oliva

L'acido oleico, che fa parte dell'olio, è un eccellente agente antiallergico. Pertanto, è utile utilizzare questo tipo di olio vegetale per cucinare.

Prevenzione delle allergie

Per prevenire lo sviluppo di allergie nelle donne in gravidanza, adottano le seguenti misure preventive:

  • Il contatto con tutti gli animali è escluso;
  • La casa esegue regolarmente la pulizia con acqua, la polvere viene aspirata con un filtro dell'acqua, le stanze sono ventilate e tappeti, tende e cuscini vengono puliti dalla polvere almeno una volta alla settimana per prevenire lo sviluppo di allergie da acari della polvere;
  • Dal menu è necessario escludere i prodotti per i quali è stata identificata una reazione allergica; l'uso di alimenti altamente allergenici (agrumi, cioccolato, arachidi) è limitato e l'uso di nuovi prodotti esotici dovrebbe essere abbandonato;
  • È necessario rinunciare e cattive abitudini, in quanto possono provocare la comparsa di allergie nel bambino. Ad esempio, fumare una madre può portare a polmonite o asma bronchiale in un bambino.

Durante il trattamento sotto la supervisione di uno specialista, l'allergia nelle donne in gravidanza non comporta alcun pericolo per il feto, e l'uso di misure preventive e il rifiuto dell'autoterapia consentono di evitare complicazioni durante la gravidanza.

allergia

[Ads-pc-1]
[Ads-mob-1]
I cambiamenti nel corpo di una donna che si aspetta un bambino influenzano tutti i sistemi e gli organi. Gli ormoni della gravidanza influiscono sull'immunità.

Di norma, quando ci si riferisce alla gravidanza, spesso indicano una diminuzione dell'immunità della donna incinta e la sua vulnerabilità a virus e infezioni.

Tuttavia, spesso si verificano sullo sfondo della gravidanza e si verificano reazioni immunitarie acute. In questo caso, l'allergene può essere un prodotto o un fenomeno che non ha precedentemente causato reazioni allergiche in una donna.

Cos'è un'allergia?

Le cellule immunitarie sono progettate per proteggere il nostro corpo dalle sostanze pericolose. Una reazione allergica è il lavoro di cellule immunitarie "particolarmente diligenti" che vedono il pericolo dove non dovrebbe esistere.

Di conseguenza, in risposta all'uso di un prodotto allergenico, si verificano le stesse reazioni che potrebbero proteggere contro un virus o schegge: gonfiore e infiammazione, lacrimazione e naso che cola, la temperatura può aumentare.

Durante la gravidanza, quando tutti i sistemi del corpo lavorano per garantire la salute del feto, la probabilità di allergia aumenta in modo significativo.

Le reazioni allergiche possono variare nei sintomi, nel tasso di crescita e negli organi di danno. I medici distinguono diversi sottogruppi di manifestazioni allergiche.

  1. Reazioni allergiche acute

Queste sono condizioni potenzialmente letali, una manifestazione di ipersensibilità di tipo immediato). Tra loro ci sono:

  • angioedema;
  • shock anafilattico;
  • eritema essudativo;
  • atopico asma bronchiale.
  1. Reazioni di luce

Non portare una minaccia diretta alla vita, ma può diventare cronico. Questi includono:

motivi

Le cause della malattia dipendono dal tipo di allergene e dalla presenza (o assenza) di allergia in una donna prima della gravidanza.

Alcuni allergeni provocano una reazione acuta al primo contatto.

Frutta esotica, polline e alcuni tipi di cosmetici possono causare questo tipo di reazione.

Altri tipi di allergeni (cibo, alcuni tipi di droghe, polvere, pet fluff e peli di animali domestici, ecc.) Lasciano prodotti tossici di decomposizione nel corpo, che gradualmente si accumulano e quindi causano allergie.

Ecco perché può verificarsi una reazione a prodotti apparentemente familiari. Molto spesso le donne incinte sono allergiche a fragole, pomodori, cioccolato, miele, piumino, sole, detersivo in polvere.

Durante la gravidanza, è particolarmente difficile identificare un allergene specifico, dal momento che il feto stesso e i prodotti della sua attività vitale possono agire come tossine per il corpo della madre.

L'allergia è una risposta cumulativa ai fattori dipendenti e non dipendenti dalla gravidanza.

sintomi

A seconda della gravità del processo e della sua localizzazione, è possibile compilare la seguente tabella delle reazioni allergiche più comuni nelle donne in gravidanza.

Reazioni allergiche acute

  • Quincke gonfiore.

Il gonfiore delle mucose può diffondersi alla pelle e al tessuto sottocutaneo. Spesso localizzato nelle vie aeree (asfissia pericolosa), organi genitali.

Può anche interessare le articolazioni (dolore, rigidità) o diffondersi alla mucosa del tratto gastrointestinale (dolore, "stomaco acuto", sintomi di ostruzione).

Danni affilati a grandi aree della pelle con forte prurito e comparsa di vesciche con bordi luminosi (eritematosi). Le vesciche e le fasce della pelle tendono a fondersi.

A differenza dell'orticaria localizzata più leggera, questo tipo di allergia di solito non è associato al contatto tattile con l'allergene.

Può essere causato da droghe, cosmetici, polline. Una condizione acuta si sviluppa entro un'ora dopo il contatto con un allergene (più spesso nei primi 5 minuti).

Lo shock anafilattico è spesso accompagnato da altre manifestazioni allergiche - gonfiore della laringe o orticaria, tutte le reazioni possono verificarsi contemporaneamente, il che complica in modo significativo la condizione della donna.

Lievi reazioni allergiche

  • Rinite allergica

Può essere causato dalla fioritura stagionale di piante, polvere domestica o peli di animali e può anche essere una manifestazione di tossiemia in donne in gravidanza. La malattia si manifesta con gonfiore delle mucose del naso, congestione o scarico di secrezioni mucose copiose, prurito al naso e starnuti.

Di solito ha le stesse cause della rinite allergica, ma l'area oculare è interessata: gonfiore delle palpebre, arrossamento e prurito, vasi nel bulbo oculare, possono esserci lacrimazione e fotofobia.

Di solito si manifesta nel punto di contatto con l'allergene, ma può apparire senza di esso. Vesciche e prurito compaiono su una particolare area del corpo o dell'arto, non vi è alcun danno a tutta la pelle. Le allergie possono apparire sulle braccia, sulle gambe, sull'addome, sul collo, sul petto o anche sul viso.

Impatto sul feto?

Nella maggior parte dei casi, l'allergia della madre non è pericolosa per il feto. La placenta assume la funzione di filtrare le possibili tossine.

Ma nel caso di reazioni acute che minacciano la vita della madre o un edema esteso che può influenzare la circolazione, il feto può anche sentire gli effetti secondari delle allergie materne.

Se l'allergia della madre prende una via cronica, il feto avverte un cambiamento nel suo corpo. Questo può essere un aumento della domanda di ossigeno a causa della congestione nasale e dello stress causato da prurito e fastidio persistenti.

Pertanto, il trattamento delle reazioni allergiche durante la gravidanza è principalmente sintomatico.

Tuttavia, se insorgono allergie acute, la salute e la vita della madre vengono messe al primo posto. Una donna non dovrebbe opporsi al trattamento, poiché l'ipotensione e l'insufficienza respiratoria nel tempo diventeranno pericolosi per il feto.

In caso di angioedema o shock anafilattico, i medici utilizzano l'intero arsenale di medicinali necessari per il trattamento. Dopo che la minaccia per la vita di una donna è passata (la pressione sanguigna è normalizzata, l'edema laringeo e il tratto gastrointestinale regrediscono) si verifica il trattamento sintomatico degli effetti residui.

Questo certificato è necessario per l'ammissione in ospedale. Se non si è in grado di confermare la natura dell'orticaria o dell'eczema sulla pelle, si dovrà partorire in ospedale per i pazienti infetti.

trattamento

Per combattere le allergie, dovrebbero essere utilizzate tutta una serie di misure diverse, tra cui il trattamento topico, l'omeopatia, i farmaci antistaminici, la dieta, ecc.

Per il trattamento della rinite si possono usare gocce vasocostrittrici (tempo limitato!), Soluzioni a base di erbe o saline.

Gli occhi possono anche essere lavati con tè salino o forte.

È possibile utilizzare colliri o gocce del comune raffreddore con componenti anti-allergici. Con l'applicazione locale, la dose del farmaco è piccola e non danneggia il bambino.

Le allergie cutanee possono essere trattate con unguenti a base di zinco, puoi anche usare antistaminici topici o anche formulazioni a base di ormoni. Ma dovrebbero essere usati con attenzione e in quantità limitata, applicati con uno strato sottile sulle aree interessate.

Se le allergie sono causate dalla polvere o dalla fioritura delle piante, gli agenti barriera aiuteranno a prevenire l'ingresso dell'allergene. Questi possono essere inserti filtranti nasali, maschere mediche o Prevalina, che crea uno strato protettivo di gel sulla mucosa nasale.

Se una reazione allergica affligge gravemente la donna incinta, interferisce con il sonno e il riposo adeguati, provoca ulteriore stress, possono essere usate pillole di antistaminico.

Dovrebbero essere prescritti da un medico che tenga conto del tipo di allergia, storia medica e durata della gravidanza.

Farmaci potenti efficaci come difenidramina o pipolfen possono essere pericolosi per il feto.

Ma le pillole di allergia moderne - Zyrtec, Zodak, ecc. - possono essere usate per il periodo di eliminazione di manifestazioni allergiche ovvie. Quindi passano alla dieta, alla profilassi vitaminica e al trattamento locale.

I corsi di trattamento omeopatico forniscono anche un effetto duraturo. Ma di solito richiedono diversi mesi, quindi è necessario iniziare il trattamento all'inizio della fase di pianificazione della gravidanza.

Pertanto, il trattamento preventivo della madre non è solo una garanzia di una gravidanza riuscita, ma anche una preoccupazione per la salute futura del bambino.

La dieta ipoallergenica proteggerà la madre e il bambino dai problemi inutili, salva il corpo da possibili tossine. Inoltre, si basa sui principi di un'alimentazione sana, esclude cibi fritti e piccanti, cioè è benefico per la madre e il feto.

Una versione rigorosa della dieta ipoallergenica prevede la limitazione degli alimenti proteici. Ma se una donna passa a questa dieta con uno scopo preventivo, la sezione dei prodotti proteici può essere espansa, sono necessari durante il periodo di crescita attiva del feto.

Se possibile, liberati degli animali domestici o dai loro ai parenti per un po '. Regolarmente fare una pulizia della casa in casa, pulire i tappeti con un lungo pisolino. Tutto questo è una buona prevenzione della rinite allergica e della congiuntivite.

Famosi capricci alimentari di donne incinte. Ma se possibile, è meglio astenersi dai frutti esotici (specialmente prima non familiari) durante questo periodo. Alcune famiglie che si prendono cura della salute della madre e del futuro bambino decidono di cambiare temporaneamente il clima di casa sfavorevole in paesi più caldi.

A prima vista, questo ha i suoi vantaggi. Ma un cambio di residenza è associato a un cambiamento nella dieta, alla qualità dell'acqua, agli insetti e alle piante circostanti - e tutto questo insieme e separatamente può essere l'impulso per lo sviluppo di una reazione allergica.

Le vitamine possono essere la causa delle allergie, ma a volte aiutano a combatterla.

Le vitamine C e P influenzano la permeabilità vascolare, riducono la frequenza dei fenomeni respiratori. La vitamina B12 è un antistaminico naturale che aiuta con la dermatite. L'olio di pesce facilita il corso dei processi infiammatori.

Ho 39 anni. Sono una madre di quattro figli. Non ho alcuna tendenza alle allergie e non ho mai avuto. Così ho pensato prima del verificarsi della 4 gravidanza. Quando avevo 5 mesi, mi sono ammalato. Prima c'è stato un brutto raffreddore, poi è iniziata la tosse. Sembra il solito raffreddore, pensai, quando andai dal dottore. Bene, o, in casi estremi, l'infiammazione, che non ha nemmeno voluto pensare.

Ma quando il dottore cominciò a esaminarmi, risultò che non c'era nessuna infiammazione e una tosse insolita, e anche la mia gola era arrossita. Il terapeuta ha detto che ero allergico, che ho categoricamente negato. Ma, dopo aver superato numerosi test, si è scoperto che i miei eosinofili nel sangue (sostanze che confermano la presenza di una reazione allergica nel corpo) erano già "fuori scala". Sono rimasto scioccato. Dove e cosa

Il dottore ha detto che ora è impossibile trattare con la droga. Non mi ha nemmeno consigliato di determinare cosa, dal momento che non ci sarà alcun trattamento per me, è impossibile. Non mi è piaciuto, ma mi sono fidato, perché lei è un dottore. Inoltre non ha prescritto una dieta. Ho deciso di fare dei gargarismi con un decotto del treno per tossire "Mukaltin". In generale, ha detto di essere trattata con rimedi popolari non dannosi.

Non mi ha aiutato molto. Ho avuto una tale tosse soffocante che mi sono chiesto come mai il frutto continuasse dopo. Ho ferito tutti i muscoli, incluso nell'addome. Il dottore allora ha permesso di prendere "Diazolin" e poi la dose da bambini.

E non è stato di grande aiuto. Ho appena passato il tempo e la tosse stessa si è ritirata. Naturalmente, ho fatto le procedure assegnate, anche se pensavo che non mi aiutassero davvero. Nessuna complicanza è stata osservata fino alla fine della gravidanza.

Mamme future, ti consiglio per eventuali disturbi durante la gravidanza e non solo, vai immediatamente alla reception solo da un medico esperto. A proposito, ho deciso di non contattare mai questo terapeuta. Più tardi, quando le dissi, tutti furono sorpresi di come potevo fidarmi di lei.

Durante la gravidanza ci sono molti fattori esterni e interni che possono causare una reazione allergica in una donna. Il modo migliore è la prevenzione e dovrebbe essere avviato nella fase di pianificazione della gravidanza.

Se la malattia non può essere evitata, solo un medico sarà in grado di prescrivere un trattamento che sarà efficace per la madre e allo stesso tempo sicuro per il feto.
[Ads-pc-2]
[Ads-mob-2]

Allergia durante la gravidanza: trattiamo senza conseguenze

Durante la gravidanza, ogni donna deve affrontare sorprese associate allo stato di salute o all'attività degli organi interni. Alcune di queste sorprese sono piacevoli, ad esempio rinforzando capelli e unghie. E alcuni non lo sono. Una delle spiacevoli sorprese che una futura mamma potrebbe dover affrontare è un'allergia. Per la prima volta può verificarsi durante la gravidanza, anche se in precedenza non si è notato una tale malattia.

Perché si verificano allergie?

L'allergia è una risposta non standard del sistema immunitario a fattori esterni. Il sistema immunitario di una donna incinta funziona in modo completamente diverso da una donna che non porta un bambino. Di conseguenza, la reazione del corpo ai soliti mandarini o pollini è impossibile da prevedere. Le allergie durante la gravidanza possono verificarsi nelle ragazze di età compresa tra i 18 e i 25 anni e le donne più anziane. Naturalmente, la probabilità di reazioni allergiche dopo 35 anni aumenta.

Nelle prime 12-14 settimane di gravidanza, le allergie possono essere una reazione al feto, come la tossicosi, per esempio. Passa da solo quando il corpo si abitua al suo stato. Inoltre, l'immunità può reagire negativamente ad animali, polvere, cibo, fumo di sigaretta, cosmetici, prodotti chimici. A causa di una maggiore sensibilità del corpo, vale la pena di prestare maggiore attenzione a ciò che si mangia e ciò che vi circonda.

Inoltre, le allergie possono peggiorare in chi soffre di allergie con esperienza. Se in precedenza hai sofferto di reazioni allergiche, allora già quando pianifichi una gravidanza dovresti consultare uno specialista. Ti verrà prescritto un ciclo di trattamento che ridurrà al minimo l'esacerbazione della malattia durante il trasporto di un bambino. Inoltre, la buona notizia è che durante la gravidanza, una donna produce più cortisolo. Questo ormone antiallergico, che riduce la gravità della malattia o addirittura riduce a nulla.

Sintomi di allergia

I sintomi di allergia durante il trasporto di un bambino sono poco diversi dai segni in una donna non incinta. Questo può essere un improvviso gonfiore della gola o della mucosa nasale. Una donna può improvvisamente avere occhi lacrimosi, inizia a starnutire spesso e senza fermarsi. Una manifestazione comune è una forte tosse. Spesso con allergie, appare una eruzione cutanea.

A seconda dei sintomi, la gravità di questa malattia può essere suddivisa in 2 gruppi:

  • lieve (naso che cola, congiuntivite, orticaria locale);
  • grave (orticaria comune, angioedema, shock anafilattico).

Le reazioni del corpo, che sono gravi manifestazioni di allergie, sono pericolose perché si verificano completamente improvvisamente e scorrono pesantemente per il corpo di una donna incinta. Questa situazione richiede misure di rianimazione.

La manifestazione più pericolosa di tutto quanto sopra è lo shock anafilattico. La reazione si verifica immediatamente su qualsiasi farmaco o manipolazione con il corpo di una donna incinta, anche un morso di insetto può essere fatale. Per salvare la vita della madre e del bambino qui da 2 a 30 minuti. Ma fortunatamente tali incidenti sono uno su un milione.

L'edema di Quincke è caratterizzato da gonfiore delle mucose, della pelle e del tessuto sottocutaneo. Le aree più a rischio sono la fronte, le labbra, le palpebre, le guance. Spesso c'è un gonfiore nei piedi e nelle mani. Se si osserva gonfiore della mucosa del tubo digerente, può verificarsi un forte dolore allo stomaco, nausea e vomito.

Tutti i casi richiedono la consultazione con un allergologo. Solo uno specialista è in grado di valutare la gravità della malattia e prescrivere un trattamento a seconda dei sintomi, delle condizioni generali e della tolleranza dei farmaci.

Come la malattia colpisce la gravidanza e il bambino

Qualsiasi cambiamento nel corpo di una donna incinta soffre con cautela e un sacco di domande. Soprattutto se questa è la prima gravidanza. Se, in caso di allergia, potessimo andare in farmacia e comprare qualsiasi medicina, ora, prima di tutto, dovremmo pensare a come influenzerà il feto. Ricorda, i farmaci per l'allergia durante la gravidanza dovrebbero essere selezionati solo da un medico.

L'allergia in sé non ha alcun effetto sul feto. Gli allergeni (patogeni della malattia) non sono in grado di penetrare nella placenta. La loro influenza è manifestata solo dal fatto che il bambino può in futuro, dopo la nascita, iniziare una reazione negativa a quelle sostanze che la madre ha sofferto durante la gravidanza. Cioè, l'allergia è una malattia che può essere ereditata. Ma questo non è una garanzia al 100% che il bambino sia allergico. I geni di suo padre possono prendere il sopravvento.

Ma i risultati della nostra autotrattamento possono essere disastrosi. Molti farmaci possono causare difetti del sistema nervoso, cuore. Inoltre, se prendi la medicina sbagliata, il flusso di sangue tra la madre e il bambino può essere disturbato. E questa è la principale fonte di vita del bambino. Potrebbero verificarsi carenze nutrizionali o di ossigeno.

Inoltre, gli effetti negativi delle allergie durante la gravidanza possono verificarsi se porta a complicazioni della salute generale della madre. Se conduce allo sviluppo di asma, shock anafilattico, rende difficile la respirazione. Una mancanza di ossigeno può portare all'ipossia. E, naturalmente, il disagio nel comune raffreddore, tosse, lacrimazione, affaticamento influenzano negativamente anche il bambino. Se la madre non sta bene, allora il bambino lo sente.

Come vengono diagnosticate e trattate le allergie nelle donne in gravidanza

Secondo gli esperti, l'allergia è una malattia della civiltà. Oggi circa il 25% della popolazione soffre di questa malattia. E se parliamo di donne incinte, il 45% delle donne in una posizione interessante lamenta reazioni allergiche. Quando ti iscrivi in ​​una clinica per donne, sei sempre intervistato per identificare il livello di rischio e la probabilità di allergie durante tutti i 9 mesi di trasporto di un bambino.

Nella maggior parte dei casi, l'allergia è determinata dopo l'ispezione e in presenza di sintomi caratteristici. Se i sintomi sono presenti, il medico di solito pone domande che aiutano a identificare lo stimolo. Quindi, prescrivere test e trattamenti.

Se è necessario determinare la reazione a una sostanza senza la presenza di segni evidenti, possono eseguire un test cutaneo. Per fare questo, sotto la pelle portare una piccola quantità di una sostanza allergenica. Se entro mezz'ora non vi è alcuna reazione ad esso, allora il corpo non reagirà negativamente ad esso.

È quasi impossibile curare le allergie, la cosa principale è far fronte ai suoi sintomi. La maggior parte dei casi di esclusione dello stimolo dall'ambiente della donna incinta si conclude con la scomparsa della reazione allergica. Pertanto, durante la gravidanza, la prima cosa da fare con le allergie è evitare il contatto con gli allergeni.

La scelta dei farmaci per le allergie durante la gravidanza viene effettuata con particolare attenzione. Il loro obiettivo principale è rapidamente, ma innocuo per il feto, per salvare la futura madre dai sintomi. È noto un numero di farmaci che può alleviare i sintomi di una malattia e non avere un effetto negativo sul feto, ma solo un medico dovrebbe essere responsabile della prescrizione.

Una reazione abbastanza frequente a qualsiasi sostanza può essere un'eruzione cutanea. Nelle donne incinte, appare spesso sullo stomaco. È pericoloso perché l'eruzione cutanea può prudere, gonfiarsi e scoppiare. E questo è il rischio di infezione. In questo caso, il medico può prescrivere un unguento per alleviare il prurito e altre manifestazioni. Tuttavia, i mezzi per uso esterno possono avere un impatto negativo sul bambino non meno di compresse e sciroppi, quindi non puoi prenderli da soli.

Fattori di allergia

La gravidanza è una nuova vita per il tuo corpo. Ricostruisce completamente il suo lavoro per i bisogni del bambino, che cresce e si sviluppa all'interno. La sua reazione anche al tuo maglione preferito può essere la più incredibile.

Durante la gravidanza, dovresti stare attento con cibo, vestiti, cosmetici, prodotti chimici che puliscono la stanza. Anche l'ambiente può causare allergie.

Da allergie alimentari durante la gravidanza può causare agrumi, cioccolato, frutta esotica e verdure, che si tenta per la prima volta, alcuni tipi di pesce. È meglio non tentare il destino e non includere nella tua dieta nulla di nuovo, mentre indossa e nutre il bambino.

Se parliamo di animali, la lana di cani e gatti, la lanugine degli uccelli può anche diventare patogeni della malattia. Se hai un animale domestico, allora è meglio darlo ad amici o parenti durante la gravidanza.

Forti tensioni, preoccupazioni, industria chimica e metallurgia nella vostra zona sono le prime fonti di sviluppo di un'allergia alle manifestazioni dannose dell'ambiente. E gli insetti piccoli ma pericolosi possono provocare allergie. Spesso, una puntura d'ape che era in precedenza innocua per te può causare un rigonfiamento severo nella sede del morso, una febbre e persino uno shock anafilattico.

Durante la gravidanza, molte donne (specialmente in presenza di malattie croniche) assumono diversi farmaci contemporaneamente. A volte è una necessità, e talvolta il semplice desiderio di una donna incinta. Inoltre, le vitamine e altri integratori di cui il corpo ha bisogno sono obbligatori. Spesso questi farmaci sono la causa di allergia.

prevenzione

Per evitare qualsiasi malattia è sempre possibile. Certo, nessuno ti darà la piena garanzia che, seguendo certe precauzioni, non ti ammalerai mai. Ma è possibile ridurre la probabilità. Per fare questo, dovresti:

  1. Rinunciare a tutte le cattive abitudini Questo è particolarmente vero per il fumo. Oltre alle allergie, influisce negativamente sullo sviluppo dei polmoni del bambino e può portare al ritardo della crescita intrauterina. Spesso, i bambini delle mamme fumatrici soffrono di asma, polmonite;
  2. Effettuare la pulizia a umido della stanza ogni giorno. Una volta alla settimana, abbatti tappeti, cuscini, coperte. Puoi persino, come gli animali, rimuovere tende e tappeti da casa per un po '. Raccolgono molta polvere e gli acari che vivono in essa sono la prima fonte di allergie;
  3. Riduci al minimo il contatto con tutti gli animali. Questo vale sia per il domestico che per il selvaggio;
  4. Non sperimentare con la nutrizione. Mangia qualcosa che già conosci la reazione del corpo. Meno agrumi Scegli qualcosa che sarà utile, ma non allergenico. Ad esempio, preferisci il kiwi piuttosto che il limone o l'arancia. Il kiwi ha più vitamina C, ma meno probabilità di provocare una reazione allergica.

Per quanto riguarda la prevenzione delle allergie nel neonato, non si trova il mezzo migliore del latte materno. Il latte materno è una fonte di sostanze che aiutano a far fronte agli allergeni. Anche se eri allergico durante la gravidanza, ora hai degli anticorpi e puoi trasmetterli al tuo bambino.

Pertanto, per qualsiasi manifestazione di allergie dovrebbe contattare immediatamente un medico. Se non sai quale o dove nella tua città accetta, consulta un ginecologo per un consiglio. Anche se in precedenza hai trattato con successo le allergie, non prendere i tuoi vecchi farmaci. Ora dobbiamo pensare non solo alla lotta contro i sintomi, ma anche all'effetto del farmaco sul feto e agli effetti delle allergie.

Qualsiasi disturbo può essere superato se fatto correttamente, dopo aver consultato un medico. Prevenire le allergie può anche aiutare a non soffrire di questa malattia per tutti i 9 mesi. Se sei allergico all'esperienza, il comportamento, la nutrizione e lo stile di vita giusti durante la gravidanza possono portare al fatto che diventerà la tua medicina per le allergie. Essere consapevoli che se il sollievo delle reazioni allergiche si è verificato durante una gravidanza, quindi i successivi saranno gli stessi.

Pensa alla salute e alla salute del tuo bambino. Non rischiare il futuro del piccolo uomo.

Allergia alla gravidanza

La gravidanza influisce su tutti i processi nel corpo di una donna. I cambiamenti influenzano il sistema immunitario, che può portare a interruzioni nel suo lavoro e immunosoppressione. In questo contesto, aumenta il rischio di sviluppare una nuova e la recidiva dell'allergia esistente nella futura mamma. L'allergia alla gravidanza si verifica nel 30% delle donne.

Peculiarità di allergia durante la gravidanza

Le malattie allergiche raramente appaiono nelle donne in una posizione interessante per la prima volta. Molte future madri in questo momento sono già consapevoli della "loro" intolleranza ad alcuni allergeni e dei sintomi che causano la malattia, ma ci sono delle eccezioni. La gravidanza può essere un catalizzatore specifico che può esacerbare il problema.

L'immunità della futura madre lavora con una doppia forza, quindi può reagire in modo imprevedibile a qualsiasi allergene. Quindi, quali allergeni dovresti temere durante la gravidanza?

I principali allergeni includono:

  • polvere;
  • piante di polline e di ambrosia;
  • peli di animali domestici;
  • farmaci;
  • determinati alimenti, spesso additivi chimici;
  • ingredienti di alcuni cosmetici;
  • freddo;
  • la luce del sole.

Ci sono anche fattori predisponenti che aumentano il rischio di una reazione allergica:

  • stress cronico;
  • difesa immunitaria indebolita;
  • trattamento incontrollato con varie medicine;
  • frequente contatto con prodotti chimici domestici;
  • indossare abiti sintetici;
  • abuso di trucco;
  • inosservanza delle raccomandazioni per una corretta alimentazione;
  • consumo smodato di alimenti che sono potenziali allergeni;
  • situazione ecologica sfavorevole.

Tipi di allergie alla gravidanza

Le allergie durante la gravidanza sono dei seguenti tipi:

  • Rinite allergica Procede con abbondanti secrezioni nasali, costante starnuti e prurito, congestione nasale. Un naso che cola può innescare la fioritura stagionale delle piante, particelle di peli di animali domestici e polvere domestica. Inoltre, la causa di questa rinite a volte è tossicosi nelle donne in gravidanza.
  • Congiuntivite allergica. Manifestata da abbondante lacrimazione, fotofobia, iperemia corneale. La rinite e la congiuntivite sono di solito combinate tra loro, cioè vengono diagnosticate simultaneamente. Le ragioni sono generalmente le stesse della rinite allergica.
  • Orticaria, dermatite La malattia è caratterizzata da eruzioni cutanee, arrossamento e gonfiore della pelle, prurito doloroso. L'immagine esterna della patologia ricorda un'ustione di ortica. Tipicamente, la reazione avviene localizzata, nel punto di contatto con un potenziale allergene. Ad esempio, un'allergia sul viso durante la gravidanza è spesso il risultato di intolleranza ad un particolare cosmetico.
  • Quincke gonfiore. La patologia colpisce le palpebre, le labbra, la lingua e il tratto respiratorio superiore. La malattia si sviluppa rapidamente e improvvisamente. Il più grande rischio è l'edema della laringe e della trachea, a seguito del quale la funzione respiratoria può essere compromessa. A volte l'angioedema colpisce i tessuti delle articolazioni, causando loro dolore e mobilità ridotta e organi digestivi, con il risultato che una donna può lamentare dolori addominali, segni di ostruzione intestinale.
  • Shock anafilattico. La forma più grave di allergia, che si verifica con un cambiamento di coscienza e un calo della pressione sanguigna. In assenza di un'adeguata assistenza, una donna può morire. Lo shock anafilattico si sviluppa entro un'ora dall'incontro con l'allergene. I provocatori di questa condizione possono essere polline delle piante, droghe e cosmetici.

Effetto sulle allergie fetali

Qualsiasi cambiamento nello stato di salute disturba la donna incinta. Soprattutto quando si tratta della prima gravidanza. Se, prima dell'inizio della gravidanza, una donna potesse acquistare qualsiasi farmaco per il trattamento dei sintomi allergici in una farmacia, ora deve pensare alla salute del feto e al modo in cui questo o quel farmaco influenzerà il suo sviluppo. Ciò significa che uno specialista dovrebbe prescrivere pillole allergiche durante la gravidanza.

Si scopre che le allergie sono pericolose perché possono essere ereditate. Tuttavia, questo non accade in tutti i casi. A volte il vantaggio è vinto dai geni del padre.

Per ulteriori informazioni sulla situazione, l'effetto sul feto nei trimestri ha un'allergia durante la gravidanza, può essere nel tavolo.

Inoltre, un'allergia durante la gravidanza può causare complicazioni nella salute della donna. La rinite allergica alla banana può causare attacchi di asma e shock anafilattico che interferiscono con la normale respirazione. La mancanza di ossigeno può causare lo sviluppo di ipossia fetale. La stessa cosa accade con un raffreddore, debolezza, tosse di una donna - il futuro bambino avverte tutti i cambiamenti nel suo corpo e ne influenzano lo sviluppo.

Cosa fare se compaiono sintomi di allergia?

È importante ricordare che una reazione allergica nelle donne in gravidanza è a volte una risposta del tutto normale del sistema immunitario, come segno di intolleranza a un nuovo prodotto o sostanza chimica. Ad esempio, una donna ha acquistato una crema per il viso che non aveva mai usato prima. In questo caso, il corpo potrebbe rispondere in modo inadeguato al componente che è parte della crema, che prima non gli era familiare. Di conseguenza, c'è una leggera allergia, che passa senza alcun intervento abbastanza rapidamente.

La situazione più difficile appare con i sintomi che si sono verificati prima e manifestati durante la gravidanza nel corpo di una donna. Questo caso richiede le seguenti azioni:

  1. Contatta un allergologo. Se compaiono sintomi di allergia, prima di tutto, devi scoprire la loro fonte e diagnosticare il problema. Uno specialista prescrive misure diagnostiche per una donna - in genere test cutanei o esami del sangue per allergie.
  2. È ora di iniziare il trattamento. L'allergia, che si è verificata sullo sfondo del trasporto di un bambino, è complicata dal fatto che non è possibile bere tutti i medicinali che vengono venduti in farmacia. Prescrivere un trattamento per le allergie durante la gravidanza può essere solo uno specialista che decide quali farmaci saranno sicuri per la futura madre e il suo bambino.
  1. Evitare il contatto con allergeni noti.
  2. Rifiutare l'uso di prodotti potenzialmente allergenici, come cioccolato, agrumi, ecc.
  3. Per la cura del viso e del corpo, scegli solo cosmetici naturali.
  4. Contatto limite massimo con prodotti chimici domestici.

diagnostica

Le misure diagnostiche includono:

  • un esame del sangue per determinare il titolo totale di immunoglobulina E e anticorpi contro gli allergeni;
  • test allergologici cutanei;
  • studio della storia della malattia;
  • registrare i dati nel diario alimentare, se si sospettano allergie alimentari durante la gravidanza.

Come trattare le allergie?

Le misure preventive aiuteranno a ridurre il rischio di sviluppare la malattia. La futura mamma non è desiderabile per il contatto con detergenti sintetici, per mangiare prodotti potenzialmente allergici, per ridurre al minimo l'uso di cosmetici. Inoltre, per prevenire lo sviluppo di allergie, una donna dovrebbe evitare i fattori di stress, sia mentali che fisici.

Se non riesci a proteggerti dalle allergie, con le sue manifestazioni iniziali, dovresti cercare un aiuto medico. Solo un medico sulla base di un esame completo può determinare con precisione le cause della malattia, una sostanza irritante specifica e dirvi come trattare le allergie.

L'allergia nelle prime fasi della gravidanza si sviluppa più spesso, ma l'uso di droghe in questa fase è altamente indesiderabile. Se una donna ha reazioni allergiche ai pollini, dovrebbe rimanere a casa ogni volta che è possibile, indossare occhiali da sole e una mascherina medica prima di uscire, lavare i vestiti e lavare le scarpe dopo una passeggiata.

Trattamento della rinite allergica Spray nasali e gocce, prescritti per il trattamento della rinite ordinaria, migliorano la salute e la rinite allergica. I migliori farmaci per l'allergia per le future mamme sono prodotti naturali a base di acqua di mare. Possono essere gocce di Aqua Maris, spray Dolphin, Aqualor, ecc. Le preparazioni elencate puliscono la cavità nasale, lavano gli allergeni dalle mucose, normalizzano la respirazione nasale senza danneggiare il feto.

Oltre a questi farmaci, per la rinite allergica, le donne incinte possono usare i seguenti farmaci anti-allergia:

  • Gocce di Pinosol di origine naturale, che includono oli di eucalipto e menta piperita: il farmaco ammorbidisce la mucosa nasale, aiuta ad alleviare il suo gonfiore, rendendo più facile sentirsi allergici;
  • Spray Prevalin - questa medicina forma un film invisibile sulla mucosa nasale, neutralizzando l'effetto degli allergeni;
  • Gocce saline - un farmaco creato sulla base del cloruro di sodio, la sua azione principale - la pulizia sicura della cavità nasale da potenziali irritanti.

Trattamento della congiuntivite allergica. Per instillare nell'occhio le gocce di Innoks, che contengono solo ingredienti naturali.

Trattamento di prurito, eruzioni cutanee, desquamazione. Unguento da allergie durante la gravidanza aiuta a sbarazzarsi delle reazioni sulla pelle - eruzioni cutanee, dermatiti. Per le future mamme, l'unguento di zinco, che asciuga la pelle, sarà il più sicuro, rimuovendo con successo l'infiammazione e la comparsa di allergie. Un'alternativa all'unguento di zinco può essere Zindol, che è a base di ossido di zinco.

Efficace anche contro reazioni allergiche cutanee pomate e creme con estratti di piante medicinali. Ad esempio, un unguento contenente calendula, camomilla, celidonia, ecc. È possibile acquistarli in farmacia.

Se stiamo parlando di dermatite atopica, allora Physiiogel si è raccomandato bene. Viene applicato sulle aree della pelle danneggiate da infiammazione e graffi con uno strato sottile. I mezzi bene idrata la pelle, contribuendo alla sua rigenerazione. Può essere usato per il viso, come una crema dalle allergie durante la gravidanza.

Trattamento di allergie alimentari e farmacologiche. Il trattamento principale di queste condizioni, che ha un effetto positivo sul benessere della futura mamma, è quello di purificare il corpo. Tipicamente, questo tipo di allergia si verifica con segni clinici di orticaria e altre eruzioni cutanee. Pertanto, la prima cosa da fare è eliminare potenziali sostanze irritanti dal consumo e quindi ripulire il corpo con l'aiuto di farmaci come Enterosgel e Lactofiltrum.

In caso di grave reazione allergica, se l'allergia cutanea è accompagnata da forte prurito e disagio, è possibile bere un doppio dosaggio di qualsiasi sorbente (carbone attivo, ecc.). La quantità del farmaco dipende dal peso della futura madre: 1 compressa è progettata per 5 kg di peso corporeo.

Antistaminici durante la gravidanza

Questo articolo dovrebbe essere considerato separatamente, dal momento che l'assunzione di farmaci per le allergie durante la gravidanza è importante con grande cura e con il permesso del medico curante. Un allergologo esamina la storia del paziente, conduce diagnosi ed esami appropriati e, se necessario (se le misure preventive ei metodi sopra menzionati di trattamento delle malattie allergiche non aiutano) prescrivono antistaminici, a condizione che il potenziale rischio di complicanze per il feto in via di sviluppo non sia superiore al beneficio previsto del trattamento.

Tutte le gocce e le pillole che hanno un effetto antistaminico, è altamente indesiderabile da utilizzare per il trattamento delle allergie nelle prime 12 settimane di gestazione. Per quanto riguarda il secondo e il terzo trimestre, non ci sono restrizioni così gravi, i farmaci antiallergici sono prescritti più spesso.

La seguente tabella discuterà il problema della scelta di farmaci per l'allergia al trimestre.

Popolarmente Sulle Allergie