✓ Articolo verificato da un medico

Se starnutisci nell'appartamento, o provi disagio dopo un certo cibo - non significa che sei allergico, e hai bisogno di bere una pillola magica. In primo luogo, i suoi sintomi possono essere facilmente confusi con altre malattie - il comune raffreddore, l'infezione intestinale, ecc. In secondo luogo, i farmaci antistaminici (antiallergici) bloccano temporaneamente l'attacco, ma non eliminano la causa.

Allergia - una sorta di reazione del sistema immunitario a una particolare sostanza. Una sostanza irritante può essere una sostanza proveniente dall'ambiente esterno o interna. Riconoscendo la minaccia, le cellule immunitarie iniziano a combatterle, attaccando il loro stesso organismo ospite.

È importante! È impossibile stabilire la diagnosi di "allergia" solo sulla base dei reclami dei pazienti. Inoltre, al fine di determinare la sostanza che la causa nel modo più preciso possibile, è necessario condurre più di un test. Ci sono diverse opzioni di ricerca che un medico può prescrivere in combinazione.

Test per allergeni negli adulti

Quando vengono prescritte le prove allergologiche?

Ha senso superare i test allergologici per:

  1. Allergie alimentari (manifestate sotto forma di eruzioni cutanee, prurito).
  2. Pollinosi (stagionale o annuale).
  3. Reazioni alle droghe.
  4. Asma bronchiale.
  5. La presenza di sintomi che nel complesso possono indicare un'allergia.

È importante! Una reazione allergica in età adulta può manifestarsi improvvisamente, se l'immunità è stata indebolita per lungo tempo - dopo una lunga malattia, in uno stato di immunodeficienza, dopo le operazioni, e anche se una persona ha incontrato un allergene per la prima volta nella sua vita. Ad esempio, vivendo in città, potrebbe non incontrare mai una pianta che causa una reazione, e mentre è in vacanza potrebbe essere una reazione allergica in natura.

Quali sono gli allergeni?

Prima di prescrivere i test per le allergie, il medico esamina e intervista il paziente al fine di escludere l'inesattezza della diagnosi. La rinite virale può essere confusa con l'inizio della pollinosi, un'eruzione cutanea non è necessariamente allergica - potrebbe indicare la presenza di una malattia della pelle.

L'indagine prende in considerazione non solo le lamentele del paziente: è importante sapere se qualcuno da parenti stretti soffre di allergie, in quali condizioni appare la reazione. Inoltre, prima che la nomina del sondaggio non interferisca con un esame emocromocitometrico completo: un contenuto elevato di eosinofili è probabile che indichi la presenza di allergie.

Quali test aiutano a identificare le allergie?

Sostanze che possono causare allergie - migliaia. Identificare sin dal primo istante ciò che causa esattamente una tale reazione dell'organismo è quasi impossibile. A seconda della manifestazione della malattia, il medico può prescrivere un esame completo.

Test cutanei

Reazione stimata dell'organismo locale all'allergene. Non provoca gravi reazioni avverse, massimo - qualche tempo dopo il test, il gonfiore e la leggera sensazione di bruciore possono persistere.

Test cutanei allergici

I test cutanei hanno uno svantaggio: non è possibile controllare più di 15 allergeni alla volta. Sono nominati se:

  1. Il medico è quasi sicuro di ciò che il paziente è allergico e l'analisi dovrebbe confermare l'ipotesi.
  2. La causa dell'allergia è sconosciuta e la reazione agli allergeni più frequenti deve essere controllata.

I metodi di diagnostica della pelle sono usati per allergeni da polvere, peli di animali, prodotti alimentari e medicinali. Una soluzione allergenica viene applicata sulla pelle (di solito nella zona dell'avambraccio). Il metodo di applicazione dipende dal tipo di analisi.

Test allergergici

Per sbarazzarsi delle allergie, devi prima scoprire l'allergene ed eliminarne l'effetto. Il modo più affidabile per determinare con precisione il tipo di allergene è considerato un test speciale, effettuare una diagnosi accurata senza la quale è abbastanza difficile.

Preparazione per lo studio

Il siero di sangue venoso è necessario per testare le allergie, quindi il paziente dovrà comunque prepararsi per la procedura. La corretta preparazione è la chiave per l'affidabilità dei risultati ed è la seguente:

  • Deve donare sangue nel periodo di remissione, perché se l'allergia si aggrava, il titolo anticorpale nel sangue sarà troppo alto, il che può distorcere i risultati.
  • Dovrebbe essere ritardato con la procedura per la SARS, infezioni respiratorie acute, intossicazioni, che sono accompagnate da febbre.
  • 3-4 giorni prima che il biomateriale venga assunto, il paziente deve interrompere l'assunzione di medicinali, compresi gli antistaminici. Se ciò non è possibile, è necessario avvertire il medico e specificare quali farmaci sta assumendo il paziente.
  • 5 giorni prima della procedura si consiglia di limitare il contatto con gli animali domestici.
  • Alla vigilia dello studio, è necessario abbandonare gli sport attivi, non fumare o bere caffè.
  • La donazione di sangue deve essere rigorosamente a stomaco vuoto al mattino.

Tipi di saggi per la sensibilizzazione

Convenzionalmente, i metodi per rilevare gli allergeni sono divisi in 2 tipi:

  1. In vivo, che letteralmente significa "dentro il corpo". Questo sottogruppo di metodi viene effettuato introducendo gli allergeni nei tessuti corporei.
  2. In vitro o "in vetro". Il sottogruppo combina i metodi che vengono effettuati prendendo un campione e il suo ulteriore studio al di fuori del corpo utilizzando attrezzature speciali.

Saggi in vitro

Un gruppo di analisi combina metodi sierologici e biochimici per l'esame del sangue di un paziente, basato sull'interazione di antigeni con anticorpi sierici. Tali tecniche sono assolutamente sicure e pertanto vengono utilizzate per esaminare anche i neonati. Inoltre, possono essere utilizzati durante la conduzione della terapia antistaminica, che non influenzerà i risultati del sondaggio.

emocromo completo

L'esame del paziente inizia sempre con un esame emocromocitometrico completo. In questo caso, il medico attira l'attenzione sulla concentrazione di eosinofili, poiché il suo aumento conferma la presenza nel sangue di sostanze estranee, inclusi gli allergeni.

Tuttavia, un aumento del titolo di queste cellule del sangue può indicare lo sviluppo di infezione infiammatoria, parassitaria o batterica. Questo è il motivo per cui viene sempre nominato un ulteriore esame volto a confermare o escludere possibili infezioni.

Se il risultato è negativo, il medico raccomanda un esame del sangue per rilevare anticorpi specifici.

Esame del sangue del paziente per il rilevamento delle IgE

Non appena le proteine ​​estranee entrano nel corpo (gli allergeni hanno una natura proteica), il sistema immunitario inizia a produrre IgE, che sono responsabili dello sviluppo di reazioni allergiche di tipo immediato come angioedema, orticaria e shock anafilattico.

Il tasso di questo indicatore dipende dal sesso, dall'età e dal peso corporeo del paziente, ma questo valore è estremamente basso nel siero del sangue di una persona sana.

Il test si basa sulla reazione della combinazione di allergeni con siero e la formazione di immunocomplessi "antigene-anticorpo". Questo studio è considerato abbastanza informativo, ma non un metodo al 100%. Ciò è dovuto al fatto che in quasi il 35% dei casi, gli anticorpi vengono rilevati solo dopo qualche tempo, inoltre ci sono allergeni che non provocano un aumento del titolo delle immunoglobuline E.

Interpretazione dei risultati. Si considera un contenuto di IgE normale non superiore a 3 cU / l. Dato il risultato, l'allergologo determinerà il grado di sensibilità del corpo all'influenza dell'allergene:

0 gradi sono stabiliti ad una concentrazione inferiore a 0,1 kE / l, il che conferma la probabilità estremamente bassa di sviluppare allergie;

  • 0-I - titolo anticorpale nell'intervallo da 0,11 a 0,25, il rischio di sviluppare sensibilità è possibile solo con frequenti contatti con l'allergene;
  • Grado I - concentrazione da 0,26 a 0,39, bassa probabilità di sensibilizzazione, che si manifesta rash cutaneo;
  • II - titolo di 0.40 - 1.30, moderato rischio di allergie sotto forma di orticaria;
  • III - da 1,31 a 3,89, un'alta probabilità di sensibilizzazione sotto forma di angioedema;
  • IV - da 3,90 a 14,99, un alto grado di probabilità di allergia quando il corpo viene a contatto con un allergene;
  • V - più di 15,0, un rischio estremamente elevato di sviluppare una reazione istantanea del corpo sotto forma di shock anafilattico.

Contemporaneamente alla determinazione del titolo di IgE, vengono rilevate immunoglobuline di classe G, che è necessario per rilevare le fasi successive di sensibilizzazione.

Esami del sangue per IgG

Le immunoglobuline di classe G sono responsabili dello sviluppo di reazioni allergiche di tipo ritardato. Cioè, le IgG si accumulano nel corpo per molto tempo e solo quando viene superato un certo livello, le reazioni di sensibilità ad alcuni allergeni iniziano a manifestarsi.

La loro emivita è di 21 giorni, quindi è possibile identificare l'allergene entro 3 settimane dalla sua esposizione al corpo.

Il principio di rilevazione delle IgG è lo stesso delle IgE. Nel corso della reazione biochimica, si forma un complesso di "antigene-anticorpo", che ha una colorazione diversa dal campione di controllo, che conferma lo sviluppo di co-sensibilità a questo allergene.

Il più delle volte, un allergologo raccomanda un esame del sangue per la rilevazione di immunoglobuline di classe G ed E. Questo rivelerà sia il decorso acuto della malattia e le sue forme nascoste.

Le reazioni immunologiche rivelano sensibilizzazione a:

Per semplificare l'identificazione delle allergie, sono stati sviluppati allergopanel. Combinano sostanze e prodotti con caratteristiche e composizione simili e quindi provocano reazioni allergiche simili.

Interpretazione dei risultati. La norma è il contenuto di IgG nell'intervallo di 1000 ng / ml. A concentrazioni che vanno da 1001 a 4999 ng / ml, le manifestazioni di allergie sono moderate, e quindi è sufficiente limitare il contatto con questo allergene.

Se il titolo supera i 5000 ng / ml, il rischio di sviluppare allergie è estremamente alto, si raccomanda di evitare il più possibile il contatto con questo allergene.

Analisi in vivo

Il gruppo di test comprende test cutanei, durante i quali viene iniettata per via sottocutanea la dose minima di allergene, dopo di che vengono monitorate le reazioni dell'organismo. Ti permettono di identificare un allergene specifico.

Questo metodo è adatto per identificare gli allergeni che entrano nel corpo attraverso il sistema respiratorio e sostanze che provocano lo sviluppo di manifestazioni cutanee di sensibilizzazione.

I test cutanei vengono effettuati in 3 modi:

  1. applicazione, che consiste nel fissare un tampone inumidito in una soluzione allergenica sulla superficie della pelle;
  2. somministrazione sottocutanea;
  3. scarificazione, in cui un piccolo graffio viene applicato sulla pelle dell'avambraccio, che viene trattato con una soluzione allergenica.

Un campione è considerato positivo se una macchia rossa con un diametro di almeno 2 mm appare sulla pelle nel punto di iniezione o di grattamento entro 10-12 minuti dopo la procedura.

Le indicazioni per lo svolgimento di test cutanei sono:

  • asma bronchiale, che è accompagnato da soffocamento dovuto all'effetto degli allergeni sui bronchi;
  • dermatite allergica di eziologia, i cui sintomi caratteristici sono eruzioni cutanee, desquamazione della pelle, forte prurito;
  • manifestazioni catarrali di allergia, aumentando con la fioritura di alcune piante, sotto forma di congiuntivite, rinite, starnuti;
  • intolleranza a determinati farmaci e cibo.

I test cutanei sono controindicati nelle donne in gravidanza, durante la chemioterapia e la terapia ormonale, in pazienti di età superiore a 65 anni, bambini sotto i 5 anni.

Come superare i test

I test cutanei devono essere eseguiti esclusivamente in ospedale. Ciò è dovuto al fatto che è impossibile prevedere come il corpo reagirà al farmaco.

Con lo sviluppo di reazioni allergiche istantanee, il paziente riceverà un'assistenza appropriata.

Il sangue per determinare il tipo di allergene può essere donato alla clinica nel luogo di residenza o in una clinica privata. Tuttavia, si dovrebbe prima prendere la direzione dell'allergologo curante, che, a seconda del quadro sintomatico, determinerà l'insieme di possibili allergeni.

Il costo delle analisi del sangue è determinato dal tipo di pannello diagnostico e può variare da 1250 a 2000 rubli.

Aggiungi un commento Annulla risposta

Più popolari:

Consulenza medica gratuita

Senza un trucco Lascia la tua domanda nei commenti e lo specialista risponderà.

Elenco completo (oltre 150 articoli) con prezzi, aggiornato regolarmente.

Identificare il fungo per foto

Quando andare dal dottore? Offriamo di scoprire come appare il fungo del chiodo nelle diverse fasi.

Posso curare in 1 giorno? Tipi, come evitare l'infezione, modi di trasmissione, droghe.

Posso curare in 1 giorno? Tipi, come evitare l'infezione, modi di trasmissione, droghe.

Come rimuovere le verruche da soli?

Verruche nei bambini, papillomi e condilomi negli adulti, qual è il pericolo della loro rimozione a casa?

Mughetto nelle donne

La candidosi mughetto o vaginale non è nota per sentito dire a ogni seconda donna.

Dermatite: foto e descrizione

È possibile che la macchia sulla pelle non sia affatto un fungo. Confronta le foto per essere sicuro.

Se c'è un'eruzione caratteristica, allora devi correre dal dottore, o almeno dalla farmacia.

Candidosi maschile

Per qualche ragione, i rappresentanti della forte metà dell'umanità credono che il mughetto sia una prerogativa delle donne, ma non è così.

Come trattare il fungo

Elenco di farmaci per diversi tipi di funghi. Unguenti, creme, vernici, candele, compresse - confronti, recensioni, costi.

Test per i medici

Metti alla prova la tua conoscenza della dermatologia se sei uno specialista o uno studente.

Quali test per le allergie

Allergia - una malattia che si sviluppa a seguito di una specifica reazione del sistema immunitario a proteine ​​estranee.

Per sconfiggere definitivamente questa malattia insidiosa, non è sufficiente eliminare tutte le sue manifestazioni in modo medico. Se l'allergene colpisce ancora il corpo, l'allergia ritornerà.

Pertanto, il compito principale della diagnosi è identificare i principali allergeni, che consentiranno all'allergologo di svilupparsi ulteriormente per l'eliminazione del paziente (escluso il contatto con una sostanza irritante) e trovare le giuste tattiche di trattamento.

Tipi di allergeni rilevati durante i test

Il corpo può reagire in modo inadeguato a una varietà di sostanze.

È possibile testare allergeni domestici, alimentari, vegetali, insetti, medicinali, industriali, virali.

Metodi di indagine

Ispezione, prescrizione di test e ulteriore trattamento di pazienti con reazioni allergiche hanno coinvolto un allergologo.

Dopo aver scoperto tutte le manifestazioni della malattia, la data della sua insorgenza, la predisposizione ereditaria e le peculiarità del corso, vengono selezionati i metodi di esame.

Gli allergeni sono attualmente installati in due modi, questi sono:

  • In vitro (in vitro) - cioè, non è richiesta la partecipazione diretta del paziente durante la diagnosi. È necessario solo il siero pre-preparato.
  • In vivo - diagnosi, durante la quale il paziente deve essere presente. Questo metodo di esame include test cutanei e provocatori.

Allergeni e predisposizioni sono stabilite con l'aiuto di:

  • Test cutanei di scarificazione.
  • Stabilimenti nel siero della presenza di specifiche immunoglobuline e anticorpi Ig E.
  • Test provocativi
  • Test di eliminazione. Con questo metodo, l'esame presuppone l'esclusione del contatto con un possibile, spesso cibo, allergene.

Quando si stabilisce il presunto allergene, ci sono spesso alcune difficoltà, a causa del fatto che gli ultimi decenni di una allergia monocomponente, cioè una reazione a uno stimolo, sono estremamente rari.

Nella maggior parte dei casi, reazioni allergiche simili sono trasversali, cioè si sviluppano in diversi tipi di allergeni, la cosiddetta allergia polivalente.

Per determinarne accuratamente tutti, è necessario un esame completo con la nomina di diversi tipi di analisi contemporaneamente.

Che test hai per le allergie?

L'esame di un paziente con reazioni allergiche è di solito sempre standard, è obbligatorio nominare:

  • Analisi del sangue generale
  • Un esame del sangue per determinare il livello di immunoglobulina E totale (IEg).
  • Analisi per la determinazione di anticorpi specifici di classi di immunoglobuline G ed E (IgG, IgE).
  • Test cutanei per la creazione di un allergene.
  • Test di applicazione, provocatorio e di eliminazione.

Molto spesso, solo un esame completo consente all'allergologo di stabilire con precisione le ragioni per lo sviluppo della malattia e quali metodi di trattamento saranno più efficaci.

Perché un esame del sangue è meglio di un test cutaneo?

In alcuni casi, i medici preferiscono limitare la nomina di quegli esami che possono essere fatti sul siero. Tale diagnostica ha diversi vantaggi:

  • Il contatto della pelle con un possibile allergene è completamente escluso. Questo preclude lo sviluppo di una reazione allergica acuta.
  • È possibile determinare la sostanza-irritante dal sangue in qualsiasi momento e per quasi tutti. I test cutanei vengono effettuati solo in determinate condizioni.
  • Per stabilire diversi allergeni, il sangue viene assunto una volta.
  • Il sangue può essere utilizzato per determinare sia gli indicatori oggettivi che quelli quantitativi, ciò consente di determinare il grado di sensibilità ai diversi allergeni.

I test della pelle non vengono sempre nominati, poiché non tutti vengono mostrati.

Non vengono utilizzati se la maggior parte della pelle viene cambiata a causa di manifestazioni allergiche o malattie della pelle.

Questo è controindicato in coloro che hanno avuto anafilassi nella storia.

I risultati non affidabili dei test cutanei saranno nei casi in cui il paziente impiega molto tempo a sopprimere la sensibilità del corpo a possibili allergeni.

A causa del basso contenuto informativo, i test cutanei non sono prescritti per bambini e anziani.

Preparazione prima dell'analisi

Le analisi del siero del sangue per la determinazione degli allergeni devono essere effettuate in diverse condizioni. Il mancato rispetto di questi porta a risultati falsi. Il medico deve spiegare al paziente tutte le sfumature delle attività preparatorie.

Prima di prendere il sangue, devono essere soddisfatte solo alcune condizioni:

  • Il sangue viene somministrato solo durante i periodi di remissione. Durante l'esacerbazione di una reazione allergica, gli anticorpi saranno ovviamente aumentati e questo distorcerà i risultati dei test.
  • L'analisi degli allergeni non passa durante il corso delle malattie virali, catarrale e respiratoria. È necessario posticipare l'esame in caso di esacerbazione di malattie croniche, a temperatura e avvelenamento del corpo.
  • Alcuni giorni prima dei test e dei test, si rifiutano di ricevere cure mediche, inclusi gli antistaminici. In quei casi in cui la cancellazione di farmaci a causa di una grave malattia è impossibile, il sangue viene somministrato solo dopo aver consultato un allergologo.
  • Non meno di tre giorni prima della raccolta del sangue, tutti i contatti con animali domestici, come uccelli, animali e pesci, cessano.
  • Cinque giorni prima della diagnosi, è necessario escludere dal cibo tutti i prodotti con un alto grado di allergenicità, come miele, cioccolato, latte intero, frutta secca, agrumi e frutta esotica, frutti di mare, verdure, bacche e frutti di colore rosso. È anche impossibile in questo momento utilizzare prodotti a base di conservanti, esaltatori di sapidità, aromi, coloranti.
  • Un giorno prima del giorno dell'esame è necessario ridurre l'intensità dello sforzo fisico, in particolare per l'allenamento sportivo.
  • L'ultimo pasto dovrebbe essere non più tardi di 10 ore prima del test.
  • Il giorno dell'indagine rifiuta il caffè e il fumo.

La conformità a tutte le regole fornirà risultati affidabili.

Analisi del sangue generale

Questa analisi è di base ed è assegnata a tutti i pazienti senza restrizioni.

Secondo gli indicatori dell'analisi generale, il medico sarà in grado di navigare e scegliere il piano ottimale per l'esame del paziente.

Il sangue viene prelevato più spesso dal dito per l'analisi, sebbene sia possibile anche il prelievo di sangue per via endovenosa.

Se ci sono allergeni nel corpo, un'analisi generale mostrerà la presenza di eosinofili - cellule del sangue speciali.

Gli eosinofili compaiono anche nelle malattie parassitarie e batteriche, con reazioni infiammatorie marcate.

Se queste cellule del sangue vengono rilevate, il medico deve prescrivere quegli esami che aiuteranno a eliminare o confermare le cause degli eosinofili aumentati nel sangue.

Test cutanei

I test cutanei per gli allergeni vengono effettuati in diversi modi, è:

  • Test di scarificazione Alcune gocce della soluzione con allergeni vengono applicate per pulire, trattate con un antisettico, la pelle, quindi con l'aiuto di uno scarificatore, lo strato superiore della pelle viene graffiato.
  • Test di picco. Le gocce con allergeni vengono anche applicate sulla pelle, quindi attraverso queste gocce le iniezioni di superficie sono fatte con un ago usa e getta.
  • Il test di applicazione (patch test) prevede l'applicazione di un cerotto con allergeni sulla pelle.

Un patch test è considerato il metodo di indagine meno aggressivo. Con l'intonaco incollato di solito andare per due giorni, dopo di che il medico valuta tutti i cambiamenti.

Il metodo di applicazione per l'esame è più spesso utilizzato per la dermatite allergica.

Il test di picco e la scarificazione della pelle consentono di ottenere i risultati dell'esame entro 15-20 minuti, se durante questo periodo ci sono stati cambiamenti della pelle sotto forma di gonfiore, arrossamento, prurito, significa che il corpo umano è sensibile a queste sostanze.

Fino a 15 possibili allergeni possono essere identificati contemporaneamente con questi test.

Il test di scarificazione e il test di picco non sono sempre prescritti, in quanto vi è la possibilità che gli allergeni entrino nel corpo, il che può provocare uno shock anafilattico.

Controindicazioni alla nomina di questi test:

  • L'età del bambino ha meno di 5 anni;
  • Identificazione di anafilassi durante una conversazione con un paziente;
  • Periodo di gravidanza e allattamento;
  • Il periodo di trattamento con ormoni;
  • Età oltre 60 anni;
  • Esacerbazione di malattie cardiache, nervose, allergiche, gastrointestinali.

Immunoglobulina E (IEg)

Un esame del sangue per determinare il livello di immunoglobulina E totale (IEg).

L'analisi per l'immunoglobulina totale viene effettuata dopo la raccolta del sangue da una vena. Nel sangue di qualsiasi persona c'è sempre una piccola quantità di immunoglobulina E totale (IEg), con la tendenza alle allergie, questa cifra aumenta.

La determinazione di IEg in laboratorio viene effettuata combinando il siero con i sospetti allergeni. Il metodo è considerato informativo, ma ancora nel 30% dei casi i suoi risultati non sono attendibili.

Il fatto è che gli anticorpi nel corpo non appaiono immediatamente e alcuni tipi di allergeni non aumentano l'immunoglobulina totale.

Se il test IEg ha mostrato risultati normali, ma una persona ha tutti i sintomi di una reazione allergica, è necessario un ulteriore esame - un'analisi per determinare gli anticorpi G (IgG).

L'immunoglobulina totale è misurata in mIU / ml. Il valore normale di E (IEg) dipende dall'età:

  • Neonati e bambini fino a due anni - 0-64;
  • Bambini da 2 a 14 anni - 0-150;
  • Dopo 14 anni - 0-123;
  • Pazienti sotto i 60 anni - 0-113;
  • Dopo 60 anni - 0-114.

Immunoglobuline G ed E (IgG, IgE)

Esame del sangue per la determinazione di anticorpi specifici di classi di immunoglobuline G ed E (IgG, IgE).

Gli anticorpi appartenenti alla classe di IgG e IgE sono i principali indicatori della reazione agli allergeni. Il loro livello determina la natura del decorso della malattia.

Le reazioni allergiche di tipo immediato si verificano con la diretta partecipazione di un aumentato valore di immunoglobulina E.

Le reazioni lente che si verificano poche ore o giorni dopo l'interazione con l'allergene si sviluppano con la partecipazione di immunoglobulina G (IgG).

Nella composizione totale di tutte le immunoglobuline, l'IgG domina. Questa immunoglobulina ha l'emivita più lunga, della durata di 21 giorni, e ciò consente di determinare in che modo il corpo reagisce all'allergene anche diverse settimane dopo il contatto con l'allergene.

I test per la determinazione di IgG e IgE vengono effettuati su siero, pertanto il test prevede la raccolta di sangue da una vena.

Con questo sondaggio, è possibile identificare la maggior parte delle allergie, tra cui su:

  • elminti;
  • Animali domestici proteici;
  • Irritanti per la casa;
  • Allergeni industriali;
  • Prodotti alimentari;
  • Microparticelle di piante e loro parti.

Per identificare anticorpi specifici, vengono utilizzati diversi pannelli. Il medico sceglie la necessità di controllare il corpo per la sensibilità del gruppo allergenico in base ai sintomi della malattia.

In alcuni casi, non uno, ma diversi pannelli con allergeni vengono assegnati contemporaneamente.

La determinazione di anticorpi specifici può essere effettuata su qualsiasi paziente senza restrizioni, sia nel periodo di remissione che nella ricorrenza di malattie. L'unica condizione è che tre ore prima della raccolta del sangue, nulla può essere mangiato.

Altri modi per identificare gli allergeni

In alcune istituzioni mediche, puoi fare altri test per le allergie. Il test radioallergosorbente o il metodo RAST è considerato efficace.

Quando viene eseguito, il livello di IgE viene determinato dopo l'introduzione di specifici trigger, cioè sospetti allergeni.

Il PASSATO può essere fatto senza interrompere gli antistaminici, questo metodo di diagnosi è adatto anche per determinare le reazioni allergiche nei bambini molto piccoli.

L'indicatore di carta radioimmunosorbente o il metodo RIST indicano il livello di anticorpi IgE e IgG. Informativo per allergie, asma, bronchite e sinusite.

I test provocatori consistono nel somministrare una quantità minima di allergeni al naso (nasale), sotto la lingua (sublinguale) o direttamente nell'albero bronchiale.

Viene assegnata una provocazione se le analisi del sangue non aiutano i test cutanei a diagnosticare la causa alla base della malattia.

I test provocatori sono condotti solo nelle condizioni di quelle istituzioni mediche dove c'è rianimazione. Ciò è dovuto al fatto che la reazione del corpo può essere violenta, anche shock anafilattico.

Dove posso ottenere un test allergologico?

Gli esami del sangue per gli allergeni possono ora essere presi in centri medici specializzati, così come nelle ordinarie cliniche distrettuali.

Solo in anticipo è necessario ottenere un rinvio dal medico dell'allergologo, che indicherà quali stimoli specifici devono essere installati.

La consegna delle analisi nelle direzioni salverà da inutili spese finanziarie.

I test cutanei vengono effettuati solo nelle condizioni delle istituzioni mediche. Il paziente deve essere sotto la supervisione di un operatore sanitario in ogni momento.

Esame di pazienti con reazioni allergiche in grandi città coinvolte in cliniche pubbliche e private, quindi è quasi sempre possibile passare attraverso una diagnosi completa.

Nell'ospedale vengono eseguiti solo test provocatori, in quanto vi è il rischio di shock anafilattico.

Caratteristiche esame dei bambini

I bambini soffrono di allergie molto più spesso degli adulti.

L'esame dei giovani pazienti non è praticamente diverso dalla diagnosi di allergia nelle persone di età.

L'unica limitazione è che i test cutanei non vengono assegnati fino a 5 anni, poiché non sono informativi durante questo periodo e possono a volte essere inaffidabili.

Un pediatra o un allergologo può prescrivere un test per gli allergeni a un bambino.

Il sangue per gli allergeni nei bambini è preso da una vena, il medico prescrive un test dal gruppo di allergeni che sono i più probabili "colpevoli" di una malattia allergica.

Con l'aiuto di pannelli sugli allergeni, è possibile installare cibi intollerabili, piante, allergie animali e polvere domestica.

In alcuni centri medici offrono tecnologia innovativa ImmunoCAP, indicato anche come Phadiatop Infant o Fadiotope per bambini.

Questo studio è specificamente progettato per stabilire la suscettibilità di bambini sotto i 5 anni a reazioni allergiche.

ImmunoCAP consente di impostare la più bassa concentrazione di anticorpi IgE e la risposta del corpo ai singoli allergeni.

La diagnosi di allergie e l'istituzione di stimoli specifici al livello attuale delle possibilità della medicina non è particolarmente difficile.

Un esame tempestivo ti consentirà di ricevere un trattamento completo, che in molti casi aiuta a superare completamente l'allergia.

Quali test prendere per le allergie

Quali test prendere per le allergie

  • principale
  • analisi
  • Test allergologici: tipi e cosa prendere

La reazione allergica è possibile su qualsiasi sostanza, ad eccezione dell'acqua distillata. È a causa di questa diversità che è difficile riconoscere ciò che ha provocato il primo o il successivo attacco della malattia. Nel frattempo, la conoscenza dell'elenco degli elementi controindicati è una condizione necessaria per la salute, e talvolta una questione di vita o di morte. La medicina moderna offre due metodi di diagnosi: un esame del sangue o test cutanei. Le caratteristiche di entrambi i metodi saranno discusse ulteriormente.

Il primo passo è fare una diagnosi accurata.

Prima di iniziare la ricerca è necessario assicurarsi che il paziente soffra di allergie e non di malattie simili. Per questo, di solito vengono eseguiti due esami del sangue. Nel corso di questi hanno rivelato il numero di eosinofili e di immunoglobuline E.

Gli eosinofili sono cellule il cui numero aumenta in condizioni allergiche. Normalmente, il loro volume - 5%. Le immunoglobuline sono composti proteici che proteggono l'organismo dalle infezioni. Tuttavia, con le allergie, l'immunità fallisce e il corpo combatte non solo con batteri e virus, ma anche con elementi innocui. Di conseguenza, il livello di immunoglobulina E con allergie aumenta.

La preparazione alla procedura comporta l'eliminazione dell'alcool, oltre a un forte stress emotivo e fisico. Il sangue per gli eosinofili viene prelevato da un dito, per l'immunoglobulina E da una vena. Entrambi gli studi sono condotti a stomaco vuoto. I fumatori dovrebbero astenersi dalle sigarette per diverse ore prima della diagnosi. Qualche tempo prima della procedura, si sconsiglia di utilizzare prodotti potenzialmente pericolosi (cioccolato, noci, agrumi) e di non entrare in contatto con animali domestici.

La terapia con farmaci ormonali può influenzare le prestazioni dell'immunoglobulina E. Ma solo un medico può annullarli. Prendendo antistaminici non influisce sul risultato. Tuttavia, il medico deve essere a conoscenza del trattamento con questi rimedi.

Test allergologici cutanei

Quando si esegue questa diagnosi, è possibile vedere chiaramente la presenza di una reazione allergica. L'essenza del metodo sta nel fatto che una sostanza di prova viene applicata sulla superficie della pelle, e quindi viene giudicato se il paziente ha una reazione o no. Lo shock anafilattico può verificarsi durante la procedura. Pertanto, l'intero periodo di esame deve essere monitorato da un medico. Un tale scenario negativo si sviluppa estremamente raramente - in due casi su cento.

  1. Skarifikatsionnye. Una piccola quantità di irritante viene applicata sulla pelle. Dopodiché, usando uno scarificatore (lo stesso strumento che si usa quando si preleva il sangue da un dito), vengono fatte piccole tacche in questo punto.
  2. Prove preliminari (puntura in traduzione dall'iniezione inglese). A differenza del metodo precedente, viene utilizzato uno strumento per piercing al posto di un scarfikitar.
  3. La specificità dei test intradermici è che l'allergene viene introdotto nel corpo mediante iniezione sottocutanea.
  4. I campioni possono essere eseguiti senza danni al tessuto. Questo può essere fatto usando il metodo di applicazione. Il test viene effettuato applicando tamponi di cotone inumiditi in una soluzione allergenica alla pelle.

Il risultato dopo i test può essere evidente dopo 20 minuti. Tuttavia, può essere stimato completamente solo dopo 24 - 48 ore. Se nel sito di applicazione del campione sulla pelle c'è un arrossamento o gonfiore, questo significa che il corpo produce una reazione a questo elemento. Non dovresti aver paura di questa risposta immunitaria, perché viene iniettata in piccole dosi e i cambiamenti della pelle passano rapidamente.

  • La fase attiva delle malattie allergiche.
  • Accettazione di antistaminici o farmaci ormonali.
  • Mestruazioni, gravidanza, allattamento al seno.
  • Infezione o peggioramento della malattia cronica.
  • Shock anafilattico.
  • Tubercolosi, brucellosi, sifilide, AIDS.
  • Età fino a 3 e dopo 60 anni.
  • Epilessia, malattia mentale.
  • Oncologia.

Caratteristiche del test nei bambini

I test cutanei non vengono eseguiti se il bambino ha meno di tre anni. Per i bambini, di norma, vengono prescritti prick-test o scratch test. Le indicazioni e le controindicazioni per i pazienti giovani sono le stesse degli adulti.

Rilevazione degli allergeni con analisi del sangue

Questo metodo, rispetto al precedente, non ha controindicazioni e include meno preparazione. I vantaggi indiscussi dello studio includono:

  • Nessun rischio di shock anafilattico.
  • La diagnosi è possibile senza interruzione dei farmaci antistaminici.
  • Nessun limite di età.
  • Il test può essere fatto per le donne in gravidanza e in allattamento.

L'unico svantaggio di questo metodo è il prezzo elevato.

Le specifiche del metodo

La preparazione per la procedura è simile a quella eseguita prima del test per l'immunoglobulina E. Anche il materiale per lo studio è tratto dalla vena del paziente. Questa porzione è divisa in piccole dosi e mescolata con vari allergeni. Dopodiché, guardano come andrà la loro reazione e misureranno gli indicatori.

Dopo 1-4 giorni, al paziente vengono dati i risultati sotto forma di un grande tavolo. Segnerà la reazione ai prodotti selezionati. Ci sono tre gradi: basso, medio e alto. Con un basso grado di reazione, il contatto con l'elemento è sicuro. Con media - devi stare attento e non abusare. Un alto grado di reazione ad una sostanza suggerisce che dovrebbe essere evitato.

A proposito di allergeni

In una tavolozza diversa ci sono circa duecento. Tra questi ci sono: cibo (cibo), contatto (cosmetici, prodotti chimici per la casa), inalazione (entra nel corpo durante la respirazione, tra cui: polvere, peli di animali, polline delle piante).

Diagnostica nei bambini

Se il bambino non ha ancora raggiunto l'età di cinque anni (da cui possono essere effettuati test della pelle), la donazione di sangue è l'unico modo per determinare che il bambino sta subendo una reazione. Puoi portare il test ai bambini dalla nascita. La preparazione per la procedura nei bambini è simile all'adulto.

Test allergologici cutanei e analisi del sangue hanno i loro pro e contro. Quando si sceglie tra questi due metodi di ricerca, è necessario prendere in considerazione tutte le indicazioni e le controindicazioni per evitare complicazioni.

Quali test prendere per le allergie

Le reazioni allergiche cominciarono sempre più a complicare la vita delle persone moderne. E, nonostante il fatto che questo fenomeno sia temporaneo, i loro sintomi - naso che cola, lacrimazione, eruzioni cutanee, gonfiore del viso, organi respiratori e altri sintomi allergici, causano molti disagi a una persona e riducono significativamente la qualità della sua vita.

L'allergia è una sorta di reazione del sistema immunitario a varie sostanze irritanti esterne e interne. L'unico modo per liberarsene è escludere un irritante, ma per fare ciò è necessario identificare esattamente cosa causa l'allergia. Il modo più affidabile per determinare l'allergene nel corpo sono i test, senza i quali è impossibile fare una diagnosi accurata.

Preparazione prima dell'analisi

I test allergologici nella maggior parte dei casi vengono eseguiti da un esame del sangue da una vena. Tale procedura richiede una preparazione preliminare - solo in questo caso, i risultati delle analisi saranno affidabili e più istruttivi. La preparazione per la raccolta del sangue comporta l'osservanza di condizioni semplici, ma obbligatorie:

  • Si raccomanda di donare il sangue agli allergeni durante i periodi di remissione, poiché durante un'esacerbazione di allergie, il contenuto di anticorpi nel sangue sarà troppo alto, il che ovviamente porterà a una distorsione dei risultati.
  • Non è necessario fare un'analisi durante il raffreddore, le malattie respiratorie, virali, l'avvelenamento e anche l'esacerbazione di malattie croniche, specialmente quelle complicate dall'elevata temperatura corporea.
  • Negli ultimi giorni prima di un esame del sangue, è necessario interrompere l'assunzione di tutti i farmaci, compresi gli antistaminici. Se la condizione è così grave che la cancellazione dei farmaci è impossibile, il sangue viene donato solo dopo aver consultato un medico.
  • Tre giorni prima dell'analisi del sangue, si raccomanda di interrompere ogni contatto con animali e uccelli, se ce ne sono, a casa.
  • Il giorno prima dell'analisi, dovresti abbandonare gli sport e altri carichi intensi.
  • Il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto al mattino - il consumo è consentito non più tardi di 10 ore prima dello studio.
  • È inaccettabile fumare e bere caffè il giorno del prelievo di sangue.

Il rispetto di queste regole consente di ottenere risultati di alta qualità e affidabili e, di conseguenza, prescrivere il trattamento corretto o escludere dalla vita di una persona un determinato allergene.

Quali test per le allergie passano?

I moderni test diagnostici e di laboratorio per la presenza di allergeni sono convenzionalmente divisi in due tipi:

  • in vivo (dal latino "all'interno del corpo") vengono eseguiti test introducendo un allergene direttamente nei tessuti del corpo;
  • in vitro (da un'armatura. "in vetro") - le analisi eseguite prendendo il biomateriale e la sua successiva ricerca usando varie tecniche.

Il primo tipo di analisi include test cutanei, in cui viene iniettata una microdose di allergene sotto la pelle del paziente, e quindi viene monitorata la risposta del corpo ad esso. I test in vitro sono test sierologici del sangue, durante i quali gli allergeni interagiscono con il siero del sangue.

Le tecniche in vitro sono completamente sicure, non hanno limiti di età, possono essere utilizzate durante la terapia antiallergica e dare il risultato più affidabile sulla presenza di una reazione allergica, nonché sulla sua gravità.

Analisi del sangue generale

Questo è un esame del sangue primario e di base, da cui il medico è respinto nella nomina di ulteriori test. L'indicatore principale dell'analisi complessiva è eosinofili (cellule del sangue), la cui concentrazione aumenta con la presenza di sostanze estranee nel siero, compresi gli allergeni.

Un livello elevato di eosinofili indica non solo la presenza di allergeni, ma anche il processo infiammatorio, infezioni batteriche e parassitarie.

Pertanto, il prossimo passo è una ricerca aggiuntiva per confermare o eliminare la presenza di infezioni, parassiti. Se le ipotesi non sono confermate, viene condotto un esame del sangue sulla quantità totale di immunoglobulina E.

Esame del sangue per determinare il livello di immunoglobuline E totali (IgE)

La penetrazione dell'allergene nel corpo, il sistema immunitario risponde con una reazione violenta, che è accompagnata dalla produzione e rilascio di immunoglobuline E nel sangue.In genere, il tasso di questo indicatore varia a seconda di diversi fattori: sesso, età, peso, ma in ogni caso, il livello di IgE nel siero del sangue di una persona sana molto basso

Il test per il livello di IgE viene effettuato combinando un allergene o un numero di allergeni con siero ed è un modo abbastanza informativo per identificare le allergie, ma non al cento per cento. Ciò è dovuto al fatto che nel 30% dei casi di allergia, gli anticorpi non sono determinati immediatamente, ma solo dopo un po ', inoltre, alcuni allergeni non portano ad un aumento dell'indice IgE.

Anche se il numero totale di tutte le immunoglobuline è normale, ciò non significa che la reazione allergica sia assente. Il livello di anticorpi può aumentare nel sangue dopo poche ore o giorni, quindi, se ci sono determinati sintomi, viene prescritto anche un esame del sangue per gli anticorpi G (IgG), che consente di identificare le allergie in una fase successiva.

Esame del sangue per la determinazione di anticorpi specifici delle classi di immunoglobuline G ed E (IgG, IgE)

Anticorpi delle classi IgG e IgE sono i principali indicatori della risposta dell'organismo alle sostanze allergiche e determinano anche la natura di tale reazione. Le reazioni rapide, quando il corpo risponde immediatamente all'ingresso dell'allergene, si verificano con la partecipazione dell'immunoglobulina E, il cui livello aumenta in modo significativo. Le reazioni lente che si verificano dopo l'interazione con l'allergene, si verificano con la partecipazione di immunoglobulina G (IgG).

L'IgG domina nella composizione complessiva delle immunoglobuline ed è caratterizzata dall'emivita più lunga (21 giorni), che consente a questo indicatore di essere utilizzato per determinare la risposta per un periodo dopo la penetrazione di un allergene.

I test per la presenza di IgG e IgE si basano sulla combinazione di siero con il sospetto allergene e osservazione della reazione, che si forma a seconda del tipo di agente.

In questo modo, la maggior parte delle allergie sono determinate:

Ci sono molti pannelli di allergeni rilevati dall'analisi del livello di IgG e IgE, quindi il medico prescrive di solito test del gruppo di agenti, la cui reazione, secondo la sua ipotesi, è più probabile.

Test cutanei allergici

I test sulla pelle vengono eseguiti nel caso in cui sia necessario identificare o confermare la reazione a una particolare sostanza. Il metodo di test cutaneo è utile per rilevare gli allergeni attraverso gli organi respiratori o per identificare agenti che causano dermatiti e altri cambiamenti della pelle.

Il metodo di test cutanei consiste nell'applicare l'allergene direttamente sulla pelle utilizzando un metodo di applicazione (applicando un tampone a un allergene), iniettandolo sotto la pelle o usando un metodo di scarificazione (sulla pelle dell'avambraccio dopo un piccolo graffio). Se entro 10 minuti si è formato un rossore con un diametro di almeno 2 mm nel sito dell'iniezione o del graffio, significa che l'organismo ha una reazione a questa sostanza.

I test cutanei sono mostrati nei seguenti casi:

  • in caso di asma bronchiale, manifestata dal soffocamento dovuto all'esposizione allergenica ai bronchi;
  • con dermatite di origine allergica, che sono caratterizzati da eruzioni cutanee, arrossamento, prurito;
  • nelle reazioni alle piante da fiore, accompagnate da starnuti, lacrimazione, naso che cola;
  • nelle reazioni alle droghe e al cibo.

Dovresti anche prendere in considerazione situazioni in cui l'introduzione artificiale di un allergene è inaccettabile: è la gravidanza, la terapia ormonale o la chemioterapia, l'età avanzata (dopo 65 anni), i bambini fino a 5 anni.

Come usare Rupafin per le allergie? Regole di ammissione e istruzioni dettagliate.

E quali sono i sintomi più comuni di allergia nei bambini, impara dall'articolo http://pro-allergy.com/u-detey/simptomy-2.html

Dove fare il test per le allergie?

  • Gli specialisti raccomandano test cutanei provocatori in ospedale perché non è possibile prevedere la risposta del corpo all'introduzione di un allergene e in caso di complicanze è possibile ottenere assistenza medica qualificata.
  • Il sangue per gli allergeni può essere donato sia presso la clinica distrettuale che presso una clinica medica privata dotata di un laboratorio diagnostico. È consigliabile fare dei test nella direzione dell'allergologo che partecipa alla visita - lo specialista determinerà il tipo di allergeni possibili, che contribuirà ad evitare costi finanziari non necessari durante lo svolgimento dei test.
  • Nelle grandi città esistono centri medici specializzati in cui non solo ci sono moderni laboratori, ma anche, se necessario, viene fornita la consulenza di uno specialista. Le analisi possono anche essere prese in un laboratorio privato. Il vantaggio di tali stabilimenti è che spesso offrono pacchetti completi di campioni diagnostici ad un prezzo accessibile.

Iscriviti per gli aggiornamenti del sito

e non dimenticare di raccontare l'articolo ai tuoi amici, usando i pulsanti dei social network. Grazie!

Quali test prendere per le allergie

Di recente, sempre più persone lamentano allergie a diverse sostanze. Tali disturbi nel funzionamento dell'organismo si presentano sotto l'influenza di molteplici fattori. E se alcune reazioni allergiche si manifestano con eruzioni cutanee, prurito, edema, tosse, congiuntivite e rinite, allora altri possono manifestare edema respiratorio e persino shock anafilattico a contatto con un allergene. Pertanto, per sapere esattamente quale sostanza è meglio fare attenzione, è necessario condurre una serie di sondaggi. I risultati del test mostreranno che il corpo reagisce con una reazione violenta e solo allora la persona allergica sarà in grado di proteggersi e preservare la propria salute.

Screening allergologico

Per diagnosticare l'intolleranza del corpo a determinate sostanze, è necessario superare i seguenti test:

  • sangue per analisi cliniche generali;
  • sangue per determinare il livello di immunoglobulina E totale;
  • sangue per la determinazione di anticorpi specifici delle classi di immunoglobuline G ed E;
  • test allergologici cutanei.

Ogni analisi deve essere eseguita in determinate condizioni, l'unico modo per diagnosticare il risultato più accurato. Diamo un'occhiata a ciascuna delle analisi in modo più dettagliato e scopri cosa possono dirci.

Esame del sangue clinico generale

Questo è il metodo di esame più semplice e standardizzato. Può mostrare quasi tutte le malattie nel corpo e anche le allergie. Ma per fare una diagnosi definitiva, vengono eseguiti test più specifici, che verranno discussi di seguito. La preparazione alla donazione di sangue non pone particolari difficoltà: è necessario venire in laboratorio la mattina a stomaco vuoto, in modo che l'ultimo pasto sia avvenuto almeno 12 ore prima. L'essenza dell'esame è di prendere il sangue da una vena ed esaminarlo al microscopio. Allergologo nella conclusione di un assistente di laboratorio è interessato solo all'indicatore di eosinofili - cellule che reagiscono a sostanze estranee. In una persona sana, il loro numero non supera il 5%, mentre in una persona allergica l'importo può essere sovrastimato. Ma non sempre con allergie sarà un aumento del tasso di eosinofili, con qualche intolleranza del livello delle cellule del corpo rimane normale. Le analisi del sangue cliniche non garantiscono risultati accurati. L'indicatore di interesse per l'allergologo può crescere in caso di invasioni elmintiche. Pertanto, al fine di differenziare durante l'esame per le allergie, in parallelo, è prescritto di dare le feci per le uova di vermi. E se i parassiti non si trovano nel corpo, il medico prescrive un rinvio per il prossimo esame.

Determinazione del livello di immunoglobulina totale E

Per un risultato accurato dell'analisi, è necessaria una certa preparazione il giorno prima: tre giorni prima che si tenga si sconsiglia di sottoporsi a sforzo fisico, stress, surriscaldamento e bere alcolici. 12 ore prima della donazione di sangue è vietato mangiare e fumare, per comodità, questa analisi viene effettuata al mattino. Il risultato dello studio mostrerà il livello di immunoglobuline - anticorpi che combattono contro le cellule estranee. Normalmente, sono presenti nel sangue in una piccola quantità, che può cambiare con l'età. Ma un indicatore che non corrisponde all'età indica reazioni allergiche, e più è alto, maggiore è il contatto con l'allergene. Questo esame può aiutare l'allergologo a formulare una conclusione sulla presenza o assenza di reazioni allergiche nel corpo. E se il risultato è positivo, allora con l'aiuto del seguente sondaggio è già possibile determinare sostanze intollerabili dal corpo.

Determinazione di anticorpi specifici delle classi di immunoglobuline G ed E

La preparazione per lo studio consiste delle stesse misure che sono necessarie per determinare il livello di immunoglobulina totale E. Ma la procedura stessa è completamente diversa. In laboratorio, il sangue del test è diviso in piccole porzioni e combinato con probabili allergeni. I più comuni sono piume e lana di animali domestici e uccelli, polline delle piante, spore di muffe, vari alimenti e sostanze chimiche presenti nella vita di tutti i giorni. In alcuni casi, il numero di allergeni studiati può raggiungere circa duecento. Quindi gli specialisti di laboratorio esaminano ciascuna porzione di sangue e calcolano la risposta immunitaria. Più alto è il tasso, più pericoloso per una persona allergica questo o quell'allergene. Un'alta risposta indica la comparsa di una reazione allergica a una particolare sostanza, il contatto con il quale o l'uso di cui è meglio fare attenzione. La media indica che è meglio non lasciarsi trasportare da tali prodotti se si tratta di cibo o ridurre i contatti, se si tratta di una sostanza della vita di tutti i giorni. Una risposta bassa garantisce la sicurezza della sostanza in esame e conferma che non è un allergene al corpo. I risultati per i componenti studiati sono dati alle mani del paziente sotto forma di un tavolo attraverso il quale può essere determinato ciò che causa la reazione allergica.

Test di allergia cutanea

I test allergologici cutanei sono anche uno dei metodi esatti per determinare gli allergeni, ma tale esame ha i suoi svantaggi. Si trovano nel rischio di risultati falsi-negativi o falsi-positivi, che, tuttavia, non sono così grandi, così come la capacità di esaminare non più di 10-15 sostanze per la sensibilità alla volta. Il metodo consiste nel seguente: il medico fa dei graffi speciali sulla superficie interna dell'avambraccio, a cui la preparazione viene applicata da un pannello di un possibile allergene. Possiamo parlare del risultato dopo 20 minuti: la comparsa di arrossamento o gonfiore indica una reazione positiva, cioè la sostanza in studio è un allergene al corpo. Tutti i test sono convenzionalmente suddivisi in pannelli di allergeni, che consistono in gruppi specifici di immunoglobuline. Ad esempio, i residenti delle latitudini settentrionali non testeranno gli allergeni dei frutti esotici, se non sono nella loro dieta. Un cittadino non sarà controllato per le allergie a sudore di cavallo. Questi gruppi includono gli allergeni più conosciuti e pericolosi, con cui una certa persona si accoppia nella vita di tutti i giorni.

Va aggiunto che i test allergologici cutanei non vengono eseguiti per i bambini al di sotto dei tre anni e l'analisi per l'individuazione dell'immunoglobulina E non è prescritta ai bambini di età inferiore ai 6 mesi, poiché la loro immunità si sta formando e il risultato sarà errato. Per esami del sangue accurati, viene utilizzato uno speciale pannello pediatrico con sostanze con cui i bambini di solito entrano in contatto.

Prenditi cura della tua salute!

Notato un errore? Seleziona il testo con un errore e premi Ctrl + Invio per segnalarlo al publisher.

L'aspetto della pelle di una persona viene giudicato sulla toelettatura.

Popolarmente Sulle Allergie