Negli ultimi anni, un enorme numero di prodotti ottenuti con le moderne tecniche di ingegneria genetica sono arrivati ​​nei mercati del nostro paese.

Una varietà di tecnologie precedentemente sconosciute di coltivazione di varie piante, l'abbondanza di nuovi frutti e frutti non caratteristici del nostro clima contribuiscono al disturbo della digestione e allo sviluppo di vari processi patologici.

Un posto speciale è occupato dalle allergie ai legumi, perché i rappresentanti di questa famiglia di piante sono inclusi negli otto degli allergeni alimentari più comuni.

Si ritiene che il meccanismo di sviluppo della reazione patologica sia associato alla presenza di specifiche proteine ​​semplici e complesse nella composizione della cellula vegetale. Queste sono glicoproteine, polipeptidi, apteni, che si combinano con le corrispondenti proteine ​​del cibo.

La capacità delle proteine ​​alimentari di agire come un allergene per un bambino o un adulto dipende dalla presenza dei cosiddetti epitopi nella sua composizione, strutture che possono causare la produzione di anticorpi di classe Ig. E 'la sintesi di questi mediatori e l'ulteriore attivazione dell'attività dei mastociti e dei basofili porta allo sviluppo dei sintomi. La gravità dei segni clinici dipende in gran parte dalla quantità di irritante nel tratto gastrointestinale.

La descrizione botanica delle specie vegetali dei legumi (Fabaceae) è piuttosto difficile. Pertanto, nella pratica medica elenco pertinente di solo quelle piante che vengono regolarmente utilizzate negli alimenti. Questo è:

  • diversi tipi di fagioli (lunare, vuoto, ordinario, ecc.);
  • piselli;
  • ceci;
  • lenticchie;
  • poltiglia;
  • così come meno comune, ma guadagnando popolarità grazie alla pubblicità del vegetarianismo, cinese e cinese onde angolari, rango, asparagi, piselli, kayan;
  • noccioline, anche dette noccioline.

Molto spesso, un'allergia ai legumi si manifesta sotto forma di ipersensibilità alla soia. Il fatto è che questa cultura è attualmente presente in un'enorme quantità di cibo: formaggio, salsicce, cibi pronti per la cottura, cioccolato, dolci, farina, ecc.

Inoltre, molti produttori di alimenti per l'infanzia, inclusi gli alimenti per lattanti, includono la soia nella loro composizione. Questa pianta si trova anche in quasi tutti i supplementi per gli atleti professionisti. Inoltre, i rappresentanti della famiglia dei legumi, in particolare il guar, sono solitamente inclusi nella composizione di vari prodotti come edulcoranti.

Questa allergia si sviluppa principalmente in tali categorie di pazienti:

  • con una predisposizione genetica alle reazioni allergiche (la malattia compare in quasi il 25% dei casi);
  • in presenza di episodi di ipersensibilità nella storia (per esempio, pollinosi stagionale);
  • inosservanza della dieta da parte di una donna durante la gravidanza e l'allattamento;
  • introduzione precedente e scorretta di alimenti complementari.

I sintomi clinici della malattia dipendono dalla sensibilità dell'organismo alle proteine ​​vegetali, dalla quantità di allergeni assunti con il cibo e dalle possibili patologie di accompagnamento.

Le allergie ai legumi possono manifestarsi come:

  • prurito e lieve gonfiore, che è limitato alla cavità orale (con poco contatto con una sostanza irritante);
  • orticaria;
  • angioedema;
  • sintomi gastrointestinali - nausea, vomito, dolore addominale, diarrea dopo aver mangiato;
  • dermatite atopica e altre forme di manifestazioni cutanee;
  • muco e sangue nelle feci, che indicano proctite, proctocolite, enterocolite;
  • l'ipotensione si verifica di solito quando si ripete il consumo di legumi negli alimenti dopo la limitazione della loro assunzione.

La manifestazione più formidabile di questa malattia è lo shock anafilattico, che si verifica con una sensibilità estremamente forte all'allergene. Questa condizione richiede cure mediche immediate.

Le allergie ai legumi vengono diagnosticate sui dati della storia clinica, specialmente nei bambini durante i primi anni di vita. L'analisi dei reclami del paziente consente di specificare la gamma di sostanze irritanti per il cibo, la loro connessione con l'insorgenza di alcuni sintomi, la durata delle manifestazioni.

Nella diagnosi di allergia alle leguminose in un bambino del primo anno di vita, viene presa in considerazione la possibilità di sensibilizzazione intrauterina. Il medico scopre le abitudini alimentari di una madre incinta e in allattamento, disturbi della dieta, consumo eccessivo di cibi. Inoltre, determinare l'ora di inizio delle esche, i tempi dell'introduzione di cereali, succhi, ecc.

Per gli adulti, tali allergie vengono solitamente diagnosticate dai risultati degli esami cutanei (scarificazione e prick test). Ma sono importanti da eseguire solo nel periodo di remissione della malattia sotto la stretta supervisione di uno specialista. Tuttavia, data la specificità relativamente bassa di queste analisi, i loro risultati sono confrontati con i dati di anamnesi. Inoltre, prendere in considerazione la sensibilità agli allergeni dei pollini. Con una reazione positiva alla pollinosi, tenendo conto delle manifestazioni cliniche delle piante della famiglia delle leguminose, viene diagnosticata l'allergia alimentare.

Insieme ai test cutanei, i test di laboratorio sono di grande importanza, in particolare la determinazione nel siero di specifiche immunoglobuline di classe E alle proteine ​​mediante il metodo radioimmunologico o il metodo immunoenzimatico enzimatico. Tali analisi sono preferite quando, per qualsiasi ragione, la diagnostica non è possibile usando il metodo di test della pelle.

Di solito, le controindicazioni ai test di scarificazione sono:

  • la gravidanza;
  • periodo di allattamento a causa di possibili complicazioni nel bambino;
  • processo comune della pelle;
  • reazioni sistemiche gravi precedentemente identificate ai prodotti alimentari;
  • uso a lungo termine di farmaci antistaminici.

La base del trattamento dell'allergia alle leguminose è la terapia dietetica, poiché la causa principale dello sviluppo della reazione infiammatoria patologica è eliminata. Il cibo correttamente costruito riduce il carico antigene sul corpo, aiuta ad alleviare rapidamente i sintomi della malattia e previene il loro ripetersi.

Il principio base della dieta per l'allergia alle leguminose è l'eliminazione, in altre parole, della completa esclusione dalla dieta dei prodotti che causano le manifestazioni cliniche della malattia. Ma oltre a questo, il cibo dovrebbe essere il più rigoroso possibile. Il fatto è che alcune proteine ​​alimentari possono causare la cosiddetta allergia crociata a causa di somiglianze strutturali con l'allergene. Allo stesso tempo, la dieta deve contenere la quantità necessaria di vitamine, oligoelementi e calorie necessarie per il lavoro delle cellule.

Prima di tutto, è necessario abbandonare tutti i prodotti contenenti soia in qualsiasi forma. Preferenza dovrebbe essere dato cibo ipoallergenico:

  • farina di grano saraceno, orzo, farina d'avena o riso;
  • mele (non rosse);
  • pere;
  • uva spina;
  • ribes bianco;
  • ciliegia bianca dolce;
  • prodotti lattiero-caseari fermentati, preferibilmente naturali e senza cariche;
  • le verdure dovrebbero scegliere spinaci, cetrioli, zucchine, rape, patate, naturalmente, secondo il periodo di maturazione;
  • frutta secca;
  • composta di frutta secca, tè debolmente fermentato, brodo di rosa canina e semplice acqua non gassata sono adatti per le bevande.

Oltre alla dieta, l'allergia ai legumi implica un trattamento complesso con antistaminici. Sono prescritti nel periodo acuto e continuano la terapia fino alla scomparsa dei sintomi. Il farmaco specifico viene selezionato in base all'età del paziente. Quindi, per i bambini da 1 anno a 6 anni, sono adatti antistaminici di terza generazione sotto forma di sciroppo, ad esempio Desal, Lorddestin o Erius.

Gli adulti sono adatti e non così costosi, ma non meno efficaci farmaci Klaritin, Loratadin, Zodak. Il dosaggio standard è di 1 compressa al giorno. In caso di grave reazione allergica e gravi manifestazioni sistemiche, sono necessari il ricovero in ospedale e l'uso di preparazioni ormonali steroidee.

La terapia standard è controindicata durante la gravidanza e l'allattamento, pertanto un'allergia ai legumi durante questo periodo viene trattata solo sotto stretto controllo medico.

Di solito, una persona impara sull'ipersensibilità alle proteine ​​vegetali durante l'infanzia, quindi la principale prevenzione della malattia è ridotta all'esclusione di determinati alimenti dalla dieta. In caso di predisposizione ereditaria a tali reazioni immunologiche, è necessario attenersi strettamente alle regole di introduzione di alimenti complementari per un bambino piccolo e fino a 4-5 anni seguire una dieta appropriata.

Le allergie ai legumi sono abbastanza comuni, specialmente per i semi di soia. Ma con lo sviluppo di moderni test diagnostici e terapie, è abbastanza possibile nelle prime fasi riconoscere la malattia e tenere sotto controllo i suoi sintomi. Tuttavia, l'attenzione dovrebbe essere rivolta alle misure preventive e alla dieta.

Fagioli allergia

Qui, tutti i prodotti sono suddivisi in tre gruppi: con allergenicità potenziale alta, media e bassa.
I nomi dei prodotti sono elencati in ordine alfabetico.

Con l'aiuto di questo tablet, puoi creare menu per madri che allattano e per i bambini, in particolare per la diathesi. MA! CONSIDERARE LA POSSIBILITÀ DELLE REAZIONI INDIVIDUALI.

Quindi prendi questo tavolo non come guida all'azione, ma come informazione per il pensiero.

È inoltre allegata un'etichetta sulle reazioni incrociate del cibo e alcune regole per la preparazione di alimenti complementari per i bambini di diatesi.

Tabella riassuntiva dei prodotti con vari gradi di potenziale allergenicità.

alto:

avocado
Bevande alcoliche
ananas
arance
angurie
melanzana
Brodi: carne, pesce e funghi
prosciutto
uva
Bevande gassate
senape
granate
granate
pompelmi
funghi
oca

Funghi di lievito: alcuni formaggi, condimenti, aceto, latte fortificato, kefir, bevande al latte con malto, yogurt, pane integrale, pane di segale, cracker, crauti, salsa di pomodoro, frutta secca, birra, lievito di birra, salsiccia, prosciutto per colazione, così come i farmaci - vitamine del gruppo B, a base di lievito, antibiotici di origine fungina (penicillina, lincomicina, tetraciclina).

mora
Fritto: carne, pesce, verdure, ecc.
verdura
Fragola selvatica
Cereali: evitare salsicce, carni in scatola per colazione, salsicce, torte salate, sugo di formaggio con ripieni di cereali, fiocchi di frumento, grano germogliato, pane con farina di frumento, pancake, cialde, torte, dolci, pasta, pasta, verdure con sughi a pasta densa, casseruole, budini, caramelle al cioccolato.
caviale
tacchino
yogurt
cacao
crauti
kvass
Kefir alla frutta
kiwi
fragole
carni
Cibo in scatola
Carne affumicata
caffè
creme
pollo
limoni
cipolle
maionese
lampone
mango
mandarini
marinate
miele
latte
carote
Gelato
Olivello spinoso
I dadi
Pepsiki
pepe
Pepe bulgaro
birra
torte

Supplementi nutrizionali: colori, aromi, emulsionanti o conservanti. Ad esempio, gli aromi si trovano nel chewing gum, nella frutta congelata, nella glassa, nel congelato

latticini, leccalecca, salsicce, sciroppi. Un forte deterioramento delle condizioni di alcune persone si osserva quando si mangia cibo contenente la colorante tartrazina, una sostanza che dà un colore giallo. Molti frutti (banane, mele, pere, arance, pomodori) vengono raccolti molto prima che maturino e vengano trattati con etilene - un prodotto petrolifero che accelera la maturazione. Supplementi di zolfo (metabisolfito) sono usati per conservare cibi, bevande, droghe. Il glutammato monosodico è un aromatizzante utilizzato in molti prodotti preconfezionati.

Agrumi acidi
erbe aromatiche
grano
ravanello
ravanello
segale
pesce
Ryazhenka
barbabietola
Impasto per pasticceria
sedano
Ribes nero
Soia (soia e miscele di soia)
Formaggi, in particolare varietà fermentate e morbide del tipo Adyghe o Suluguni, ad es. non pastorizzato
torte
aceto
Un'anatra
rafano
cachi
L'aglio
cioccolato
Mele - Varietà rosse
uova

media:

cowberry
ciliegia
manzo
piselli
grano saraceno
patate
mirtillo rosso
coniglio
mais
avena
Peperone verde
riso
carne di maiale
Ribes rosso
mirtillo
erica

basso:

broccoli
Pera - varietà verdi
Piselli
zucca
Cavolo bianco
Latte acido: acidophilus, kefir, bifikefir, bifidok, ricotta
composta
Carne di cavallo
uva spina
xilitolo
Albicocche secche
cocomeri
zucca
orzo perlato
miglio
Olio vegetale (girasole, oliva, ecc.)
rapa
insalata
Prugne - varietà gialle
Ribes bianco
ghi
Zucca (colori chiari)
Fagiolini verdi
date
fruttosio
cavolfiore

Ciliegie dolci - bianche e gialle
prugne
spinaci
Mele agrodolci

Possibili reazioni incrociate tra diversi tipi di allergeni

Latte vaccino:

Latte di capra, prodotti contenenti proteine ​​del latte vaccino, carne bovina, carne di vitello e prodotti a base di carne, lana di vacca, preparati enzimatici a base di pancreas di bovini

Kefir (kefir lievito):

Muffa funghi, muffe (roquefort, brie, dorblu, ecc.), Pasta lievitata, kvas, antibiotici penicillina, funghi
pesce:
Pesce di fiume e di mare, frutti di mare (granchi, gamberetti, caviale, aragosta, aragosta, cozze, ecc.), Mangime per pesci (dafnia)

Uovo di gallina:

Pollo e brodo, uova di quaglia e carne, carne di anatra, salse, creme, maionese con l'inclusione di componenti di uova di gallina, piume di cuscino, farmaci (interferone, lisozima, bifiliz, alcuni vaccini)

carote:

Prezzemolo, sedano, b-carotene, vitamina A

fragole:

Lamponi, more, ribes, mirtilli rossi

mele:

Pera, mela cotogna, pesca, prugna, polline di betulla, ontano, assenzio

patate:

Melanzane, pomodori, peperoncini verdi e rossi, paprika, tabacco

Frutta a guscio (nocciole, ecc.):

Noci di altre varietà, kiwi, mango, farina di riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, papavero, betulla, polline nocciola

arachidi:

Soia, banane, drupacee (prugne, pesche, ecc.), Piselli verdi, pomodori, lattice

banane:

Glutine di grano, kiwi, melone, avocado, lattice, polline di platano

Agrumi:

Pompelmo, limone, arancia, mandarino

barbabietola:

Spinaci, barbabietola da zucchero

legumi:

Arachidi, soia, piselli, fagioli, lenticchie, mango, erba medica

prugna:

Mandorle, albicocche, ciliegie, nettarine, pesche, ciliegie selvatiche, ciliegie, prugne, mele

kiwi:

Banana, avocado, noci, farina (riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, lattice, polline di betulla, erbe di cereali
-

Caratteristiche di cucina per bambini con allergie alimentari.

Quando si prepara una dieta ipoallergenica, è necessario osservare rigorosamente le peculiarità della lavorazione tecnologica dei prodotti. Ad esempio, i cereali sono immersi in acqua fredda per 10 a 12 ore per rimuovere i possibili pesticidi.

Se un bambino è allergico all'amido e all'inizio dell'introduzione delle patate nella dieta del bambino, preferibilmente le patate sbucciate e tritate devono essere immerse in acqua fredda o soluzione di sale all'1% per 12-14 ore. Questo aiuta a rimuovere parte dell'amido e le impurità indesiderate. Tutte le altre verdure cotte per la cottura, tenute in acqua fredda per 1 - 2 ore.
La carne viene sottoposta a doppia digestione per una rimozione più completa degli estratti. Per fare questo, la carne viene prima versata con acqua fredda, fatta bollire per 30 minuti, poi il brodo viene scolato, la carne viene nuovamente versata con acqua fredda e cotta fino al momento.
Tutto il cibo per i bambini che soffrono di allergie alimentari è bollito, cotto a vapore, in umido o cotto nel forno. La carne fritta è rigorosamente esclusa: carne, pesce, verdure, ecc. "

Tratto dal post Irbis dall'argomento Diatesi: manifestazioni, trattamento, ricerca delle cause

Cibo al di fuori del periodo di esacerbazione

Le malattie allergiche sono un grande gruppo di malattie, tra cui condizioni gravi come angioedema, shock anafilattico, asma bronchiale e meno malattie potenzialmente letali (rinite allergica, dermatite atopica, ecc.). Per alcune di queste malattie, il cibo sarà il grilletto. Per gli altri, tali allergeni come polline, peli di animali, polvere, ecc. Sono più significativi: è chiaro che le raccomandazioni dietetiche per tali patologie differiscono in modo significativo. Tuttavia, ci sono una serie di raccomandazioni che saranno utili a tutti.

1) Controlla con il tuo allergologo per un elenco accurato di cibi "consentiti" e "vietati". Forse, per determinare la presenza di allergeni specifici, verranno prescritti test di scarificazione della pelle o analisi di IgE specifiche nel siero.

2) Bisogna fare attenzione a provare nuovi cibi. È meglio se lo fai a casa e sotto la supervisione di parenti che possono aiutare in caso di allergia.

3) Prepara da solo il cibo dagli alimenti crudi originali. Carne e pesce comprano solo un pezzo.

4) Cerca di non usare prodotti semilavorati, cibi in scatola, maionese e altre salse. Non si può mai essere completamente fiduciosi nella composizione dei prodotti finiti acquistati.

5) Studia attentamente la composizione di qualsiasi cibo pronto che stai per mangiare.

Queste raccomandazioni si applicano a bambini e adulti. Se il tuo bambino ha un'allergia, devi monitorare attentamente la sua dieta. Tutto è relativamente semplice, mentre il bambino è piccolo e non frequenta la scuola o l'asilo. Quando il bambino cresce e diventa indipendente, diventa più difficile controllarlo. È necessario spiegare al bambino quali cibi può mangiare e cosa no. In questo caso, dovresti scegliere una forma di dialogo in modo che il bambino capisca che le tue istruzioni non sono un "capriccio della mamma", ma una necessità. Se ci sono molti prodotti "vietati", ha senso scriverli su una scheda e consegnarli al bambino. La maiama e gli insegnanti dovrebbero anche avere un'idea del problema di tuo figlio. Se non sei sicuro della qualità dei pranzi scolastici, dovresti cucinare il tuo bambino a casa e portarlo con te in un contenitore di plastica.

Cibo durante esacerbazioni di malattie allergiche

Come già accennato, la caratteristica fisiologica delle persone che soffrono di qualsiasi malattia allergica è la loro iniziale propensione a varie manifestazioni di allergia. La situazione diventa ancora più acuta durante il periodo di esacerbazione della malattia sottostante, quando il corpo è in uno stato di iperreattività, in questo momento anche un irritante minore può aumentare le manifestazioni della malattia sottostante o manifestare una nuova reazione allergica.

Ecco perché le raccomandazioni dietetiche nel periodo di esacerbazione sono simili per tutte le malattie e sono piuttosto severe.

Ecco un elenco approssimativo di prodotti "consentiti" e "vietati".

- brodi, piatti piccanti, salati, fritti, carni affumicate, spezie, salsicce e prodotti gastronomici (salsicce bollite e affumicate, salsicce, salsicce, prosciutto), fegato;
- pesce, caviale, frutti di mare;
- uova;
- formaggi taglienti e lavorati, gelati, maionese, ketchup;
- ravanello, ravanello, acetosa, spinaci, pomodori, peperoni, crauti, cetrioli sottaceto;
- funghi, noci;
- agrumi, fragole, fragole, lamponi, albicocche, pesche, melograni, uva, olivello spinoso, kiwi, ananas, melone, anguria;
- grassi refrattari e margarina;
- bevande alla frutta gassate, kvas;
- caffè, cacao, cioccolato;
- miele, caramello, marshmallow, caramelle, torte, muffin (con aromi, ecc.);
- chewing gum.

- semola, pasta, pane fatto con farina dei gradi più alti
- latte intero e panna acida (solo in piatti), ricotta, yogurt con additivi per la frutta;
- agnello, pollo;
- carote, rape, barbabietole, cipolle, aglio;
- ciliegia, ribes nero, banane, mirtilli rossi, more, brodo di rosa canina;
- burro

Consigliato (tenendo conto della portabilità individuale):

- cereali (esclusa la manna);
- prodotti a base di latte fermentato (kefir, biokefir, yogurt senza additivi per frutta, ecc.);
- varietà di formaggio non taglienti;
- carne magra (manzo, maiale, coniglio, tacchino), carne in scatola specializzata per pappe;
- tutti i tipi di cavolo, zucchine, zucca, zucca brillante, prezzemolo, aneto, piselli giovani, fagiolini;
- mele verdi e bianche, pere, leggere varietà di ciliegie e prugne, ribes bianco e rosso, uva spina;
- burro fuso, raffinato olio vegetale deodorizzato (mais, girasole, oliva, ecc.);
- fruttosio;
- pane di grano di seconda scelta, pani di cereali, bastoncini di mais non zuccherati e scaglie.

Una tale dieta è prescritta per esacerbazioni di malattie allergiche per 7-10 giorni, quindi, in accordo con le raccomandazioni del medico, è possibile passare lentamente a una dieta individuale ipercinetica (una dieta che esclude alimenti specifici che sono allergeni per un particolare paziente).

In conclusione, voglio chiedere a tutti i soggetti allergici di non trattare la loro dieta come un'agonia.

Ricorda che seguendo le raccomandazioni dietetiche, ti dai la possibilità di vivere una vita sana e soddisfacente nonostante la presenza di una malattia allergica.

Cibo al di fuori del periodo di esacerbazione

Per alcune di queste malattie, il cibo sarà il grilletto. Per gli altri, tali allergeni come polline, peli di animali, polvere, ecc. Sono più significativi: è chiaro che le raccomandazioni dietetiche per tali patologie differiscono in modo significativo. Tuttavia, ci sono una serie di raccomandazioni che saranno utili a tutti.
1) Controlla con il tuo allergologo per un elenco accurato di cibi "consentiti" e "vietati". Forse, per determinare la presenza di allergeni specifici, verranno prescritti test di scarificazione della pelle o analisi di IgE specifiche nel siero.

2) Bisogna fare attenzione a provare nuovi cibi. È meglio se lo fai a casa e sotto la supervisione di parenti che possono aiutare in caso di allergia.

3) Prepara da solo il cibo dagli alimenti crudi originali. Carne e pesce comprano solo un pezzo.

4) Cerca di non usare prodotti semilavorati, cibi in scatola, maionese e altre salse. Non si può mai essere completamente fiduciosi nella composizione dei prodotti finiti acquistati.

5) Studia attentamente la composizione di qualsiasi cibo pronto che stai per mangiare.

Queste raccomandazioni si applicano a bambini e adulti. Se il tuo bambino ha un'allergia, devi monitorare attentamente la sua dieta. Tutto è relativamente semplice, mentre il bambino è piccolo e non frequenta la scuola o l'asilo. Quando il bambino cresce e diventa indipendente, diventa più difficile controllarlo. È necessario spiegare al bambino quali cibi può mangiare e cosa no. In questo caso, dovresti scegliere una forma di dialogo in modo che il bambino capisca che le tue istruzioni non sono un "capriccio della mamma", ma una necessità. Se ci sono molti prodotti "vietati", ha senso scriverli su una scheda e consegnarli al bambino. La maiama e gli insegnanti dovrebbero anche avere un'idea del problema di tuo figlio. Se non sei sicuro della qualità dei pranzi scolastici, dovresti cucinare il tuo bambino a casa e portarlo con te in un contenitore di plastica.

Cibo durante esacerbazioni di malattie allergiche

Come già accennato, la caratteristica fisiologica delle persone che soffrono di qualsiasi malattia allergica è la loro iniziale propensione a varie manifestazioni di allergia. La situazione diventa ancora più acuta durante il periodo di esacerbazione della malattia sottostante, quando il corpo è in uno stato di iperreattività, in questo momento anche un irritante minore può aumentare le manifestazioni della malattia sottostante o manifestare una nuova reazione allergica.

Ecco perché le raccomandazioni dietetiche nel periodo di esacerbazione sono simili per tutte le malattie e sono piuttosto severe.

Ecco un elenco approssimativo di prodotti "consentiti" e "vietati".

esclusi sono:

- brodi, piatti piccanti, salati, fritti, carni affumicate, spezie, salsicce e prodotti gastronomici (salsicce bollite e affumicate, salsicce, salsicce, prosciutto), fegato;
- pesce, caviale, frutti di mare;
- uova;
- formaggi taglienti e lavorati, gelati, maionese, ketchup;
- ravanello, ravanello, acetosa, spinaci, pomodori, peperoni, crauti, cetrioli sottaceto;
- funghi, noci;
- agrumi, fragole, fragole, lamponi, albicocche, pesche, melograni, uva, olivello spinoso, kiwi, ananas, melone, anguria;
- grassi refrattari e margarina;
- bevande alla frutta gassate, kvas;
- caffè, cacao, cioccolato;
- miele, caramello, marshmallow, caramelle, torte, muffin (con aromi, ecc.);
- chewing gum.

Limitato a:

- semola, pasta, pane fatto con farina dei gradi più alti
- latte intero e panna acida (solo in piatti), ricotta, yogurt con additivi per la frutta;
- agnello, pollo;
- carote, rape, barbabietole, cipolle, aglio;
- ciliegia, ribes nero, banane, mirtilli rossi, more, brodo di rosa canina;
- burro

Consigliato (tenendo conto della portabilità individuale):

- cereali (esclusa la manna);
- prodotti a base di latte fermentato (kefir, biokefir, yogurt senza additivi per frutta, ecc.);
- varietà di formaggio non taglienti;
- carne magra (manzo, maiale, coniglio, tacchino), carne in scatola specializzata per pappe;
- tutti i tipi di cavolo, zucchine, zucca, zucca brillante, prezzemolo, aneto, piselli giovani, fagiolini;
- mele verdi e bianche, pere, leggere varietà di ciliegie e prugne, ribes bianco e rosso, uva spina;
- burro fuso, raffinato olio vegetale deodorizzato (mais, girasole, oliva, ecc.);
- fruttosio;
- pane di grano di seconda scelta, pani di cereali, bastoncini di mais non zuccherati e scaglie.
Una tale dieta è prescritta per esacerbazioni di malattie allergiche per 7-10 giorni, quindi, in accordo con le raccomandazioni del medico, è possibile passare lentamente a una dieta individuale ipercinetica (una dieta che esclude alimenti specifici che sono allergeni per un particolare paziente).

In conclusione, voglio chiedere a tutti i soggetti allergici di non trattare la loro dieta come un'agonia.
Ricorda che seguendo le raccomandazioni dietetiche, ti dai la possibilità di vivere una vita sana e soddisfacente nonostante la presenza di una malattia allergica.

Trovato un bug? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Allergia ai piselli

Allergia ai piselli

L'allergia è la malattia più comune sulla terra. Ogni secondo persona, almeno una volta nella vita, ha avuto sintomi di reazioni allergiche e il 20% della popolazione è allergica cronica. Questa è una buona ragione per sapere il più possibile sulla malattia e per essere in grado di riconoscere un'allergia ai primissimi sintomi. Il cibo può causare una forte risposta immunitaria, ad eccezione dei legumi, tra cui i residenti russi amano i piselli, i fagioli e le arachidi.

A proposito di legumi

Questa famiglia di piante include molti prodotti che sono fermamente inclusi nella dieta dell'uomo moderno.

Sono una fonte di molti nutrienti e anche in grado di sostituire la gastronomia della carne, perché contengono una quantità record di proteine. Questo è un prodotto indispensabile per una dieta vegetariana e una corretta alimentazione.

Le colture di fagioli includono:

Molti di questi legumi sono usati come additivi alimentari, e alcuni possono essere visti spesso tra i piatti stand alone sui tavoli. Va ricordato che molto spesso c'è un'allergia cronica, quindi quando si reagisce a uno dei prodotti, l'intera famiglia di legumi dovrebbe essere esclusa dalla dieta.

Perché si verificano allergie?

Qualsiasi reazione allergica si verifica a causa dell'invasione di proteine ​​estranee nel sangue del nostro corpo. I legumi contengono circa 20 allergeni che possono provocare una risposta immunitaria negativa. È un'alta percentuale di contenuto proteico che rende questi prodotti così pericolosi per le allergie.

Le mamme adorano nutrire i loro bambini con prodotti naturali, così i fagioli e i piselli verdi appaiono nella dieta del bambino molto presto. Tuttavia, le reazioni allergiche non sono rare. Non tutti i bambini sono in grado di trasferire normalmente un nuovo prodotto, quindi è necessario monitorare attentamente la reazione del bambino, perché può essere molto ambiguo.

Le allergie provocano i seguenti fattori:

Questi sono solo alcuni dei motivi che possono influenzare la suscettibilità di un bambino alle allergie. La reazione si sviluppa sia nei bambini molto piccoli che negli adulti a qualsiasi età, quindi la possibilità di allergie in qualsiasi persona non può essere esclusa.

Sintomi allergici

Dal momento che una persona mangia fagioli, piselli e altri legumi, la prima cosa che fanno è entrare nel tubo digerente e da lì entrare nel sangue. Ecco perché i sintomi iniziali sono osservati nel sistema digestivo.

Quindi la reazione può diffondersi in tutto il corpo, causando i seguenti disturbi negli adulti e nei bambini:

Tutti questi sintomi possono essere accompagnati da febbre, il bambino perde l'appetito, diventa irrequieto e capriccioso, il sonno è disturbato. Gli adulti più spesso tollerano facilmente i sintomi allergici, ma la reazione può essere molto grave.

Reazione allergica ai legumi

In alcuni casi, allergie a piselli, fagioli e altri legumi possono portare a condizioni molto gravi, come angioedema e shock anafilattico. Una fonte molto frequente di reazioni così estese è quella delle arachidi e del burro di arachidi. Nei bambini, vi è gonfiore del viso, arti, che può portare a gonfiore della laringe. Lo shock anafilattico si sviluppa molto rapidamente e i suoi sintomi non sono facilmente riconoscibili.

Come trattare le allergie ai legumi?

Se trovi una reazione negativa del corpo ai legumi in te stesso o nei tuoi figli, dovresti interrompere immediatamente l'assunzione di questo farmaco. Puoi lavare lo stomaco, prendere assorbenti naturali e antistaminici. Questo aiuterà a recuperare rapidamente la salute normale.

Dopo che la condizione è migliorata, è necessario visitare un medico. Un allergologo condurrà una serie di studi necessari per identificare la causa esatta della reazione allergica e tutte quelle sostanze a cui il tuo corpo risponde.

I bambini sotto i 3 anni non sono raccomandati per condurre uno studio, poiché la loro immunità sta cambiando rapidamente ei risultati non saranno affidabili. È meglio creare un ambiente ipoallergenico in casa e seguire una dieta terapeutica per far sentire a proprio agio il bambino. La dieta è mostrata e gli adulti, perché la condizione principale per il trattamento di successo - l'esclusione del contatto con l'allergene. Pertanto, fagioli, piselli, arachidi e altri legumi dovranno essere rimossi dalla dieta.

Hai bisogno di vedere un dottore

Di solito, il medico fa da solo una dieta, tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente, e fornisce anche consigli su cosa fare in caso di recidiva. Di solito, antistaminici tradizionali, gocce e spray per occhi e naso, nonché gel o unguenti per ridurre i sintomi sulla pelle, fanno un ottimo lavoro con i sintomi di una reazione allergica acuta. Se una persona ha una reazione dal sistema respiratorio, il trattamento sarà più serio in modo che la condizione non si trasformi in asma bronchiale.

Cosa ti serve sapere le allergie?

Le analisi dovrebbero essere prese in ogni caso, con ogni tipo di allergene. Non sempre i fagiolini saranno una fonte di allergia, se la reazione viene osservata su fagioli bianchi o rossi. E i piselli verdi possono essere assolutamente tollerati dalla persona che non può mangiare la soia. Ogni organismo è individuale. Pertanto, è necessaria una consulenza medica nel trattamento delle allergie.

Durante la gravidanza, una donna deve aderire a una dieta ipoallergenica, perché il bambino riceve tutte le sostanze che la mamma consuma. Lo stesso vale per il periodo dell'allattamento. In questo momento, la maggior parte dei bambini ha alcuni problemi se la madre inizia a mangiare cibi che sono forti allergeni, che possono facilmente causare una reazione nel bambino.

I legumi sono facili da sostituire con latticini e prodotti a base di carne. Inoltre contengono molte proteine, quindi chi soffre di allergia dovrebbe inserirle attentamente nella dieta, ma questa può essere una vera salvezza, perché le proteine ​​sono vitali per il nostro corpo.

Allergia ai piselli

Tabella riassuntiva dei vari gradi di allergenicità dei prodotti

Tabella riassuntiva dei vari gradi di allergenicità dei prodotti

I nomi dei prodotti sono elencati in ordine alfabetico.

Quindi prendi questo tavolo non come guida all'azione, ma come informazione per il pensiero.

Brodi: carne, pesce e funghi

Fritto: carne, pesce, verdure, ecc.

Cereali: evitare salsicce, carni in scatola per colazione, salsicce, torte salate, sugo di formaggio con ripieni di cereali, fiocchi di frumento, grano germogliato, pane con farina di frumento, pancake, cialde, torte, dolci, pasta, pasta, verdure con sughi a pasta densa, casseruole, budini, caramelle al cioccolato.

latticini, leccalecca, salsicce, sciroppi. Un forte deterioramento delle condizioni di alcune persone si osserva quando si mangia cibo contenente la colorante tartrazina, una sostanza che dà un colore giallo. Molti frutti (banane, mele, pere, arance, pomodori) vengono raccolti molto prima che maturino e vengano trattati con etilene - un prodotto petrolifero che accelera la maturazione. Supplementi di zolfo (metabisolfito) sono usati per conservare cibi, bevande, droghe. Il glutammato monosodico è un aromatizzante utilizzato in molti prodotti preconfezionati.

Soia (soia e miscele di soia)

Formaggi, in particolare varietà fermentate e morbide del tipo Adyghe o Suluguni, ad es. non pastorizzato

Mele - Varietà rosse

Pera - varietà verdi

Latte acido: acidophilus, kefir, bifikefir, bifidok, ricotta

Olio vegetale (girasole, oliva, ecc.)

Prugne - varietà gialle

Zucca (colori chiari)

Fagiolini verdi

Ciliegie dolci - bianche e gialle

Possibili reazioni incrociate tra diversi tipi di allergeni

Latte di capra, prodotti contenenti proteine ​​del latte vaccino, carne bovina, carne di vitello e prodotti a base di carne, lana di vacca, preparati enzimatici a base di pancreas di bovini

Muffa funghi, muffe (roquefort, brie, dorblu, ecc.), Pasta lievitata, kvas, antibiotici penicillina, funghi

Pesce di fiume e di mare, frutti di mare (granchi, gamberetti, caviale, aragosta, aragosta, cozze, ecc.), Mangime per pesci (dafnia)

Pollo e brodo, uova di quaglia e carne, carne di anatra, salse, creme, maionese con l'inclusione di componenti di uova di gallina, piume di cuscino, farmaci (interferone, lisozima, bifiliz, alcuni vaccini)

Prezzemolo, sedano, b-carotene, vitamina A

Lamponi, more, ribes, mirtilli rossi

Pera, mela cotogna, pesca, prugna, polline di betulla, ontano, assenzio

Melanzane, pomodori, peperoncini verdi e rossi, paprika, tabacco

Noci di altre varietà, kiwi, mango, farina di riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, papavero, betulla, polline nocciola

Soia, banane, drupacee (prugne, pesche, ecc.), Piselli verdi, pomodori, lattice

Glutine di grano, kiwi, melone, avocado, lattice, polline di platano

Pompelmo, limone, arancia, mandarino

Spinaci, barbabietola da zucchero

Arachidi, soia, piselli, fagioli, lenticchie, mango, erba medica

Mandorle, albicocche, ciliegie, nettarine, pesche, ciliegie selvatiche, ciliegie, prugne, mele

Banana, avocado, noci, farina (riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, lattice, polline di betulla, erbe di cereali

Se un bambino è allergico all'amido e all'inizio dell'introduzione delle patate nella dieta del bambino, preferibilmente le patate sbucciate e tritate devono essere immerse in acqua fredda o soluzione di sale all'1% per 12-14 ore. Questo aiuta a rimuovere parte dell'amido e le impurità indesiderate. Tutte le altre verdure cotte per la cottura, tenute in acqua fredda per 1 - 2 ore.

La carne viene sottoposta a doppia digestione per una rimozione più completa degli estratti. Per fare questo, la carne viene prima versata con acqua fredda, fatta bollire per 30 minuti, poi il brodo viene scolato, la carne viene nuovamente versata con acqua fredda e cotta fino al momento.

Tutto il cibo per i bambini che soffrono di allergie alimentari è bollito, cotto a vapore, in umido o cotto nel forno. La carne fritta è rigorosamente esclusa: carne, pesce, verdure, ecc. "

Chi è ora alla conferenza

Attualmente navigando in questo forum: nessun utente registrato

  • Elenco forum
  • Tutti gli orari sono UTC + 02: 00
  • Elimina i cookie della conferenza
  • Il nostro team
  • Contatta l'amministrazione

Siamo nei social network:

L'utilizzo di qualsiasi materiale del sito è consentito solo previo accordo sull'utilizzo del sito e con il permesso scritto dell'Amministrazione

Allergia ai piselli

I giovani frutti dei piselli sono tra gli alimenti a più basso contenuto calorico, ed è raccomandato come prodotto per la nutrizione dietetica. Tuttavia, i piselli sono molto spesso la causa delle reazioni allergiche. Allo stesso tempo, il quadro clinico di allergia compare solo nei giorni 3 o 5 dopo l'ingestione di piselli. Il più delle volte, l'allergia ai piselli è una croce. Pertanto, identificare la vera causa di una reazione allergica è un processo piuttosto complicato, come con qualsiasi tipo di allergia alimentare.

Pertanto, per identificare l'allergene, prima di tutto, è necessario contattare un istituto medico. In parallelo, è necessario iniziare a tenere un diario alimentare per capire esattamente quale prodotto è una fonte di allergia. Solo una diagnosi accurata aiuterà a liberarsi dalle allergie.

I principali sintomi di allergia ai piselli sono prurito e bruciore al palato. Possono manifestarsi gonfiore delle labbra e una sensazione di mal di gola. Rossore intorno alle labbra e può anche indicare una reazione negativa ai piselli. Si noti che se appaiono spesso starnuti e naso chiuso, questi sintomi spesso indicano un'allergia. Le palpebre possono prudere. Respirazione e deglutizione difficili. Molto raramente, ma ancora ci può essere nausea, raggiungendo anche il vomito. Forse indigestione e dolore nell'intestino. È estremamente raro, ma può ancora venire uno shock anafilattico.

I soggetti allergici con pollinosi in particolare devono prestare attenzione. Quindi, nella stagione della fioritura, possono verificarsi anche allergie ai piselli giovani. Le persone che trasportano il cacao e altre dovrebbero anche fare attenzione ai piselli, poiché potrebbe verificarsi un'allergia crociata. Va ricordato che qualsiasi farmaco può causare allergia crociata.

Se una persona ha sperimentato almeno una reazione allergica a qualsiasi prodotto o sostanza, i piselli verdi dovrebbero essere introdotti nella dieta gradualmente e in piccole dosi, nonostante il fatto che non si applica a prodotti con un alto grado di allergizzazione.

Se il paziente è consapevole della presenza di allergia ai piselli, è necessario seguire una dieta ipoallergenica ed eliminare i piselli in generale dalla dieta. Dieta particolarmente importante nel periodo di esacerbazione. Quando è a dieta è necessario escludere i cibi grassi e salati e specialmente quelli affumicati. Non dovresti mangiare frattaglie, cioè salsicce. Mayo e gelato, formaggio fuso sono vietati. Non dovresti mangiare agrumi, verdure e frutta con un pronunciato rosso e arancione. Dovremo rinunciare alle bevande gassate, al cioccolato e al cacao, e soprattutto al caffè. È necessario usare con attenzione apiproducts e qualsiasi cibo con coloranti. Non abusare di prodotti a base di farina.

Si consiglia di utilizzare tutti i tipi di cereali, ad eccezione della manna. Puoi mangiare latticini, varietà di carne magra. Le verdure possono essere utilizzate in quasi tutto, tranne le varietà di fagioli. Cioè, il solito cavolo, zucca, zucca e così via sono perfetti per una tale dieta. La frutta può essere mele e pere, ma preferibilmente non un colore rosso. Per cucinare, è meglio usare olio di oliva o di mais.

Ma una dieta ipoallergenica implica che verrà prescritta da un medico e non utilizzata per tentativi ed errori. Come, l'intolleranza di qualsiasi prodotto da una dieta ipoallergenica può essere osservata.

Inoltre, i piselli non sono raccomandati per le persone che hanno problemi con il tratto gastrointestinale. Non mangiare piselli giovani e madri che allattano, poiché spesso hanno problemi di flatulenza. I piselli non sono raccomandati per le persone con la gotta, in quanto i piselli possono aumentare la produzione di acido urico, che in questo tipo di malattia è dannoso. Le persone con malattie delle articolazioni, anche i reni non dovrebbero mangiare i piselli.

Reazioni allergiche alla famiglia delle leguminose

Qual è la famiglia dei legumi

I rappresentanti della famiglia dei legumi, ad eccezione di tutti i fagioli noti, includono tali prodotti:

  • fagioli;
  • piselli;
  • lenticchie;
  • guar, che si trova solitamente nelle gomme da masticare;
  • semi di soia;
  • arachidi (tutte noccioline conosciute).

Gli allergeni alle leguminose e perché?

I fagioli sono noti per contenere una trentina di antigeni (cioè gli allergeni). Di conseguenza, sono generalmente prodotti allergenici per l'uomo, quindi le cause delle allergie ai legumi sono spiegabili. In alcuni paesi, ad esempio, negli Stati Uniti, l'allergia alle arachidi, che contiene sedici frazioni proteiche, gioca un ruolo enorme, perché le proteine ​​di arachidi sono ampiamente utilizzate in molte diete per bambini, nonché nella dieta degli adolescenti come fonte di proteine ​​a basso costo. Questo è ciò che può portare alla formazione di un'eccessiva sensibilità del corpo alle proteine ​​delle noci, e questa sensibilità persiste nella forma di una malattia per tutta la vita.

Manifestazione della malattia

Poiché le allergie ai legumi sono più comuni tra le persone allergiche con rinite allergica, le persone spesso non prestano attenzione ai primi segni della malattia. Tuttavia, allora tutto può andare in asma bronchiale. In alcuni casi, la malattia del paziente si manifesta sotto forma di allergie cutanee, che, più esternamente, inducono una persona a sospettare che ci sia qualcosa di sbagliato, cioè una reazione allergica del suo corpo.

Quadro clinico

Di solito, i sintomi non sono diversi dai segni di altre malattie del tipo allergico. Tuttavia, questa informazione dovrebbe essere di proprietà. Le principali manifestazioni e segni di questa malattia includono:

  • nausea;
  • vertigini;
  • vomito;
  • eruzione cutanea sulla pelle;
  • aumento della temperatura;
  • costipazione.

Dovrebbe essere compreso che se questi sintomi non sono trattati, il paziente può sperimentare una condizione grave.

Come trattare una tale malattia allergica?

Assolutamente qualsiasi trattamento per l'allergia alle leguminose si riduce ad escludere questo prodotto dalla dieta. È necessario superare un esame del sangue per la determinazione degli anticorpi a:

  • fagioli comuni e stringa;
  • semi di soia;
  • piselli;
  • lenticchie;
  • arachidi.

I restanti legumi sono normalmente abbastanza tollerati anche da persone con una maggiore sensibilità.

Questo tipo di allergia alimentare, di norma, viene diagnosticato in un complesso, poiché anche se i test del paziente hanno mostrato intolleranza solo di una singola pianta, tutti gli altri possono indurre a una reazione crociata. Perché? Ciò è dovuto al fatto che in qualsiasi coltivazione, trasporto successivo e ulteriore conservazione delle particelle più piccole di alcune piante coltivate, possono cadere e altre.

Di solito al paziente vengono prescritti antistaminici adatti. E lui stesso dovrebbe seguire una dieta rigorosa.

Il trattamento folk può solo aiutare con la rimozione dei sintomi di allergia, per esempio, un naso che cola (facendo rotolare un uovo caldo sopra il naso), ma non di più.

Se trovi un errore nel testo, assicurati di farcelo sapere. Per fare ciò, basta evidenziare il testo con un errore e premere Maiusc + Invio o semplicemente fare clic qui. Grazie mille!

Grazie per averci comunicato l'errore. Nel prossimo futuro sistemeremo tutto e il sito sarà ancora migliore!

Allergia ai fagioli

Le reazioni allergiche ai legumi, in particolare alla soia, stanno diventando più comuni.

Le allergie ai legumi, in particolare alla soia, sono comuni, a causa del fatto che i prodotti alimentari di questo gruppo sono prodotti dall'industria alimentare in volumi e diversità sempre crescenti e il pacchetto di solito non indica una ricetta dettagliata. I fagioli includono piselli, fagioli, lenticchie, soia e arachidi. Anche la gomma arabica, il corno dolce (baccello di Tsaregrad, il frutto di carruba) e l'erba medica sono considerati in questa famiglia. Insieme alle allergie, la pseudoallergia è anche possibile per queste piante. In alcuni casi, tali prodotti possono provocare reazioni allergiche minacciose, anche se consumati in piccole quantità.

Reazioni incrociate

Gli immunologi battono l'allarme! Secondo dati ufficiali, un'innocenza innocua, a prima vista, richiede ogni anno milioni di vite. La ragione di statistiche così terribili è PARASITES, infestata dal corpo! Principalmente a rischio sono le persone che soffrono.

La famiglia delle leguminose è ampiamente e ampiamente distribuita. Se sei allergico ad una delle piante di questa specie, dovresti usare gli altri con cautela a causa del possibile verificarsi di una reazione crociata:

  • piselli, ceci;
  • fagioli (tutte le varietà), soia, cagliata di fagioli (tofu), bevande, ecc.;
  • lenticchie;
  • arachidi;
  • gomma arabica (ad esempio nella gomma da masticare, E 414);
  • corno dolce (riempitivo, E 410, sostituto di cacao);
  • erba medica (lupino) (prodotto proteico vegetale);
  • liquirizia (liquirizia);
  • tamarindo (la mousse di tamarindo è usata come ingrediente in molte salse piccanti);
  • tragante (astragalo, usato come riempitivo, E 413).

Nutrienti e sostanze essenziali speciali

Legumi comuni come piselli, fagioli e lenticchie per i paesi europei sono apprezzati come fonte di proteine ​​vegetali, che svolge un ruolo molto importante nella nutrizione vegetariana. Di particolare valore sono i semi di soia, che, insieme alle proteine, includono i grassi. Altri membri di questo gruppo hanno sostanze in essi che sono valutate come riempitivi e leganti.

Opzioni di sostituzione

Un rifiuto totale di mangiare tutti i cibi inclusi in questo gruppo, dal punto di vista della fisiologia della nutrizione, non pone un problema particolare se il cibo è abbastanza vario. Latticini, pesce, carne o uova di pollo forniscono al bambino gli aminoacidi necessari, essenziali per la loro normale crescita e sviluppo.

Uso di prodotti finiti

Ci sono molte opzioni. La farina dei legumi e di altre piante di questo gruppo è di così grande interesse per i produttori alimentari che è quasi impossibile elencare tutte le opzioni per il suo uso.

Quando l'intolleranza ai legumi da parte del corpo di un bambino, il primo comandamento dei genitori di un bambino malato è l'abbandono totale dei prodotti finiti e dei prodotti semilavorati da loro. Perché in questo caso è impossibile fare pieno affidamento sulla confezione del prodotto e sulle informazioni sugli ingredienti: alcuni possono essere indicati come "proteine ​​vegetali", altri non sono affatto indicati, ad esempio piccole quantità di proteine ​​di soia in pane in cui questa proteina viene utilizzata solo come additivo alimentare. È impossibile sapere esattamente la composizione dei prodotti a base di cioccolato. Ma con il fatto che gli additivi di soia fanno parte della maggior parte dei prodotti finiti - dalla salsiccia al gelato - almeno questo dovrebbe essere preso in considerazione, e in un caso dubbio è meglio rifiutarsi di acquistarli.

Informazioni ragionevolmente chiare possono essere ottenute solo su diversi tipi di farina dai legumi, che sono usati come riempitivi e stabilizzanti. Nella dichiarazione al prodotto, sono indicati con l'indice "E" o vengono indicati i loro nomi: E 410 - farina da un corno dolce, E 413 - tragante, E 414 - gomma arabica

Qui, tutti i prodotti sono suddivisi in tre gruppi: con allergenicità potenziale alta, media e bassa.
I nomi dei prodotti sono elencati in ordine alfabetico.

Con l'aiuto di questo tablet, puoi creare menu per madri che allattano e per i bambini, in particolare per la diathesi. MA! CONSIDERARE LA POSSIBILITÀ DELLE REAZIONI INDIVIDUALI.
Quindi prendi questo tavolo non come guida all'azione, ma come informazione per il pensiero.

È inoltre allegata un'etichetta sulle reazioni incrociate del cibo e alcune regole per la preparazione di alimenti complementari per i bambini di diatesi.

Tabella riassuntiva dei prodotti con vari gradi di potenziale allergenicità.

alto:

Abpikosy
avocado
Bevande alcoliche
ananas
arance
angurie
melanzana
Brodi: carne, pesce e funghi
prosciutto
uva
Bevande gassate
senape
granate
granate
pompelmi
funghi
oca

Funghi di lievito: alcuni formaggi, condimenti, aceto, latte fortificato, kefir, bevande al latte con malto, yogurt, pane integrale, pane di segale, cracker, crauti, salsa di pomodoro, frutta secca, birra, lievito di birra, salsiccia, prosciutto per colazione, così come i farmaci - vitamine del gruppo B, a base di lievito, antibiotici di origine fungina (penicillina, lincomicina, tetraciclina).

melone
mora
Fritto: carne, pesce, verdure, ecc.
verdura
Fragola selvatica
Cereali: evitare salsicce, carni in scatola per colazione, salsicce, torte salate, sugo di formaggio con ripieni di cereali, fiocchi di frumento, grano germogliato, pane con farina di frumento, pancake, cialde, torte, dolci, pasta, pasta, verdure con sughi a pasta densa, casseruole, budini, caramelle al cioccolato.
caviale
tacchino
yogurt
cacao
crauti
kvass
Kefir alla frutta
kiwi
fragole
carni
Cibo in scatola
Carne affumicata
caffè
creme
pollo
limoni
cipolle
maionese
lampone
mango
mandarini
marinate
miele
latte
carote
Gelato
Olivello spinoso
I dadi
Pepsiki
pepe
Pepe bulgaro
birra
torte

Supplementi nutrizionali: colori, aromi, emulsionanti o conservanti. Ad esempio, gli aromi si trovano nel chewing gum, nella frutta congelata, nella glassa, nel congelato
latticini, leccalecca, salsicce, sciroppi. Un forte deterioramento delle condizioni di alcune persone si osserva quando si mangia cibo contenente la colorante tartrazina, una sostanza che dà un colore giallo. Molti frutti (banane, mele, pere, arance, pomodori) vengono raccolti molto prima che maturino e vengano trattati con etilene - un prodotto petrolifero che accelera la maturazione. Supplementi di zolfo (metabisolfito) sono usati per conservare cibi, bevande, droghe. Il glutammato monosodico è un aromatizzante utilizzato in molti prodotti preconfezionati.

pomodori
Agrumi acidi
erbe aromatiche
grano
ravanello
ravanello
segale
pesce
Ryazhenka
barbabietola
Impasto per pasticceria
sedano
Ribes nero
Soia (soia e miscele di soia)
Formaggi, in particolare varietà fermentate e morbide del tipo Adyghe o Suluguni, ad es. non pastorizzato
torte
aceto
Un'anatra
rafano
cachi
L'aglio
cioccolato
Mele - Varietà rosse
uova

media:

banane
cowberry
ciliegia
manzo
piselli
grano saraceno
patate
mirtillo rosso
coniglio
mais
avena
Peperone verde
riso
carne di maiale
Ribes rosso
mirtillo
erica

basso:

agnello
broccoli
Pera - varietà verdi
Piselli
zucca
Cavolo bianco
Latte acido: acidophilus, kefir, bifikefir, bifidok, ricotta
composta
Carne di cavallo
uva spina
xilitolo
Albicocche secche
cocomeri
zucca
orzo perlato
miglio
Olio vegetale (girasole, oliva, ecc.)
rapa
insalata
Prugne - varietà gialle
Ribes bianco
ghi
Zucca (colori chiari)
Fagiolini verdi
date
fruttosio
cavolfiore

Ciliegie dolci - bianche e gialle
prugne
spinaci
Mele agrodolci

---
Possibili reazioni incrociate tra diversi tipi di allergeni

Latte vaccino:
Latte di capra, prodotti contenenti proteine ​​del latte vaccino, carne bovina, carne di vitello e prodotti a base di carne, lana di vacca, preparati enzimatici a base di pancreas di bovini

Kefir (kefir lievito):
Muffa funghi, muffe (roquefort, brie, dorblu, ecc.), Pasta lievitata, kvas, antibiotici penicillina, funghi
pesce:
Pesce di fiume e di mare, frutti di mare (granchi, gamberetti, caviale, aragosta, aragosta, cozze, ecc.), Mangime per pesci (dafnia)

Uovo di gallina:
Pollo e brodo, uova di quaglia e carne, carne di anatra, salse, creme, maionese con l'inclusione di componenti di uova di gallina, piume di cuscino, farmaci (interferone, lisozima, bifiliz, alcuni vaccini)

carote:
Prezzemolo, sedano, b-carotene, vitamina A

fragole:
Lamponi, more, ribes, mirtilli rossi

mele:
Pera, mela cotogna, pesca, prugna, polline di betulla, ontano, assenzio

patate:
Melanzane, pomodori, peperoncini verdi e rossi, paprika, tabacco

Frutta a guscio (nocciole, ecc.):
Noci di altre varietà, kiwi, mango, farina di riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, papavero, betulla, polline nocciola

arachidi:
Soia, banane, drupacee (prugne, pesche, ecc.), Piselli verdi, pomodori, lattice

banane:
Glutine di grano, kiwi, melone, avocado, lattice, polline di platano

Agrumi:
Pompelmo, limone, arancia, mandarino

barbabietola:
Spinaci, barbabietola da zucchero

legumi:
Arachidi, soia, piselli, fagioli, lenticchie, mango, erba medica

prugna:
Mandorle, albicocche, ciliegie, nettarine, pesche, ciliegie selvatiche, ciliegie, prugne, mele

kiwi:
Banana, avocado, noci, farina (riso, grano saraceno, farina d'avena), sesamo, lattice, polline di betulla, erbe di cereali
-

Caratteristiche di cucina per bambini con allergie alimentari.

Quando si prepara una dieta ipoallergenica, è necessario osservare rigorosamente le peculiarità della lavorazione tecnologica dei prodotti. Ad esempio, i cereali sono immersi in acqua fredda per 10 a 12 ore per rimuovere i possibili pesticidi.
Se un bambino è allergico all'amido e all'inizio dell'introduzione delle patate nella dieta del bambino, preferibilmente le patate sbucciate e tritate devono essere immerse in acqua fredda o soluzione di sale all'1% per 12-14 ore. Questo aiuta a rimuovere parte dell'amido e le impurità indesiderate. Tutte le altre verdure cotte per la cottura, tenute in acqua fredda per 1 - 2 ore.
La carne viene sottoposta a doppia digestione per una rimozione più completa degli estratti. Per fare questo, la carne viene prima versata con acqua fredda, fatta bollire per 30 minuti, poi il brodo viene scolato, la carne viene nuovamente versata con acqua fredda e cotta fino al momento.
Tutto il cibo per i bambini che soffrono di allergie alimentari è bollito, cotto a vapore, in umido o cotto nel forno. La carne fritta è rigorosamente esclusa: carne, pesce, verdure, ecc. "

Tratto dal post Irbis dall'argomento Diatesi: manifestazioni, trattamento, ricerca delle cause

Classificazione degli allergeni alimentari

Le persone che sono suscettibili al cibo sono ragionevolmente preoccupate, sostenendo che si può mangiare con allergie. È importante conoscere il cibo, che spesso provoca reazioni allergiche e dovrebbe essere escluso dalla dieta. Per la comodità degli specialisti nel campo dell'allergopatologia e delle persone allergiche, è stata sviluppata una classificazione dei prodotti posizionati come potenziali allergeni. Possono essere divisi in gruppi:

  • provocatori di origine vegetale;
  • provocatori di origine animale.

Tra gli antigeni delle piante, i più significativi sono il polline (ad esempio il polline dell'ambrosia, la betulla) e gli allergeni contenuti nelle verdure e nei frutti. I componenti vegetali spesso provocano reazioni incrociate con il lattice, i peli di animali.

Gli allergeni animali sono piuttosto numerosi. Le uova di pollo sono molto spesso allergiche, quando sono sensibilizzate a una proteina, sono anche sensibili alle uova di altri uccelli, carne di pollo e piume di uccello. L'allergia al maiale può essere combinata con il pelo di animali domestici. Una delle possibili combinazioni è anche un'allergia agli acari della polvere domestica e un'allergia ai molluschi.

Le proprietà allergeniche degli antigeni alimentari possono cambiare durante la lavorazione dei prodotti.

Ciò significa la probabilità di aumentare o, al contrario, ridurre l'attività allergenica del provocatore di cibo. Un esempio è l'aumento del potenziale allergenico delle arachidi durante il trattamento termico in qualsiasi modo. In questo caso, è meglio per i soggetti allergici rifiutare qualsiasi prodotto allergenico, dal momento che è impossibile prevedere la gravità della reazione in anticipo. È necessario mangiare solo cibo adatto.

Allergeni significativi

Sebbene le reazioni allergiche possano essere provocate da un enorme numero di antigeni, esiste un elenco di prodotti chiamati allergeni alimentari più importanti. I prodotti che causano allergie molto spesso possono essere rappresentati nella tabella:

Popolarmente Sulle Allergie