Le allergie alimentari sono caratterizzate da una maggiore sensibilità del corpo al cibo e dallo sviluppo di segni di intolleranza alimentare causati dalla reazione del sistema immunitario.

È noto che i meccanismi di intolleranza alimentare sono molto diversi. Le reazioni al cibo che sono di natura allergica sono molto meno comuni di quanto molti credano.

Le allergie alimentari, di regola, si sviluppa per la prima volta durante l'infanzia.

Tra le persone con malattie del tratto gastrointestinale e delle vie biliari, la prevalenza di allergie alimentari è maggiore rispetto a quelle non affette da queste malattie (Nogaller A., ​​1983).

Tra le reazioni di intolleranza alimentare si possono distinguere reazioni al cibo, aventi una natura tossica e non tossica.

Le reazioni tossiche si sviluppano dopo il consumo di prodotti alimentari che contengono sostanze tossiche sotto forma di impurità. Le manifestazioni di queste reazioni e il loro grado di gravità dipendono dalla dose e dalle proprietà chimiche dei composti tossici e non dal tipo di prodotto alimentare.

Tra le reazioni non tossiche al cibo, ci sono due tipi principali di intolleranza, che differiscono nei meccanismi di sviluppo:

1) reazioni ai prodotti alimentari causate da disturbi nel sistema immunitario (allergie alimentari),

2) le reazioni non sono di natura immunologica (intolleranza alimentare).

L'intolleranza alimentare può svilupparsi nelle malattie del tratto gastrointestinale, nelle vie biliari, nelle patologie endocrine, nelle enzimopatie congenite e acquisite e in altre malattie non associate a menomazioni del sistema immunitario.

Nel normale funzionamento del tratto gastrointestinale e del sistema biliare, l'allergia ai prodotti alimentari non si sviluppa.

La predisposizione genetica alle allergie è importante nella formazione di ipersensibilità al cibo.

Gli studi hanno dimostrato che circa la metà dei pazienti che soffrono di allergie alimentari, c'è una famiglia gravata o una propria storia allergica.

Ciò significa che entrambi soffrono di malattie allergiche (pollinosi, asma bronchiale atopica) o dei loro parenti più prossimi (genitori, fratelli, nonne, ecc.).

motivi

Formazione di allergie nell'infanzia

La formazione di allergie alimentari contribuisce ai disturbi alimentari nelle donne durante la gravidanza e l'alimentazione (abuso di alcuni prodotti che hanno una spiccata attività allergenica: pesce, uova, noci, latte, ecc.).

I fattori provocatori per lo sviluppo della malattia sono

  • trasferimento precoce del bambino all'alimentazione artificiale;
  • disordini alimentari nei bambini, espressi nella discrepanza tra il volume e il rapporto degli ingredienti alimentari rispetto al peso e all'età del bambino;
  • malattie associate del tratto gastrointestinale,
  • malattie del fegato e delle vie biliari, ecc.

La normale digestione e l'assorbimento del cibo sono forniti dallo stato del sistema endocrino, dalla struttura e dalla funzione del tratto gastrointestinale, dal sistema biliare, dalla composizione e dal volume dei succhi digestivi, dalla composizione della microflora intestinale, dallo stato di immunità locale della mucosa intestinale (tessuto linfoide, immunoglobuline secretorie, ecc.), E altri fattori.

Normalmente, i prodotti alimentari sono suddivisi in composti che non hanno proprietà allergeniche e la parete intestinale è impermeabile ai prodotti non spaccati.

Cause negli adulti

Lo sviluppo di allergie alimentari è innescato da fattori comuni per adulti e bambini.

  • Il primo è l'aumento della permeabilità della parete intestinale, che si osserva nelle malattie infiammatorie del tratto gastrointestinale.
  • La violazione (diminuzione o accelerazione) dell'assorbimento di composti alimentari può essere dovuta a una violazione degli stadi di digestione con insufficiente funzione pancreatica, carenza enzimatica, discinesia biliare e discinesia intestinale, ecc.
  • La nutrizione indiscriminata, i pasti rari o frequenti portano a una violazione della secrezione gastrica, allo sviluppo di gastriti e altri disturbi che causano la formazione di allergie alimentari o pseudoallergia.
  • La formazione di una maggiore sensibilità ai prodotti alimentari di natura proteica è influenzata non solo dalla quantità di cibo assunto e dai disturbi alimentari, ma anche dall'acidità del succo gastrico (Ugolev A., 1985).

La base delle vere reazioni allergiche al cibo è l'aumentata sensibilità e risposta immunitaria alla reintroduzione degli allergeni alimentari. Quando un prodotto alimentare entra nel corpo per la prima volta, gli antigeni del cibo entrano nel flusso sanguigno, in risposta al quale gli anticorpi della classe immunoglobulina A. iniziano a essere sintetizzati nell'organismo.In una persona sana, l'assorbimento dell'antigene alimentare e il suo ingresso nel sangue fornisce una "indifferenza" del sistema immunitario quando la sua successiva entrata nel corpo, e questo processo è sotto controllo genetico.

Le allergie alimentari possono svilupparsi con suscettibilità genetica alla formazione di allergie agli antigeni alimentari con la partecipazione di anticorpi della classe di immunoglobuline E.

Le allergie a volte possono svilupparsi in alcuni additivi alimentari, in particolare azo-coloranti (come la tartrazina).

Spesso la ragione per lo sviluppo di una reazione pseudo-allergica al cibo non è il prodotto stesso, ma vari additivi chimici introdotti per migliorare il gusto, l'odore, il colore e garantire la durata dello stoccaggio. Un grande gruppo di sostanze appartiene alla categoria degli additivi alimentari: coloranti, aromi, antiossidanti, emulsionanti, enzimi, addensanti, sostanze batteriostatiche, conservanti, ecc.

Tra i coloranti alimentari più comuni si può menzionare la tartrazina, che fornisce una colorazione giallo-arancione del prodotto; nitrito di sodio, preservando il colore rosso dei prodotti a base di carne e altri.Per la conservazione, vengono utilizzati il ​​glutammato monosodico, i salicilati, in particolare l'acido acetilsalicilico, ecc.

Vazoaktivny ammina - betaphenylethylamine, che è contenuto in cioccolato, in prodotti subendo la fermentazione (per esempio, formaggi), le fave di cacao fermentate, causa reazioni pseudoallergiche.

Manifestazioni di allergie alimentari

Le manifestazioni della malattia sono diverse per forma, posizione, gravità e prognosi.

La manifestazione più antica e tipica della vera allergia alimentare è lo sviluppo della sindrome allergica orale. È caratterizzato dalla comparsa di prurito in bocca, intorpidimento e / o sensazione di "scoppio" della lingua, palato duro e / o molle, gonfiore della mucosa orale dopo aver mangiato l'allergene alimentare colpevole.

Le manifestazioni gastrointestinali più frequenti della malattia includono:

Il vomito nelle allergie alimentari può verificarsi in un periodo che va da alcuni minuti a 4-6 ore dopo aver mangiato, più spesso il paziente vomita cibo mangiato. A volte il vomito assume una natura persistente. Il verificarsi del vomito è principalmente associato a una riduzione del piloro quando un allergene alimentare viene ingerito nello stomaco.

Dolore addominale allergico colico può essere osservato immediatamente dopo un pasto o dopo poche ore ed è causato da uno spasmo della muscolatura liscia dell'intestino. I dolori addominali sono generalmente pronunciati. Il dolore addominale nelle allergie alimentari può non essere intenso ma persistente, accompagnato da una diminuzione dell'appetito, dalla presenza di muco nelle feci e da altri disturbi.

La mancanza di appetito può essere selettiva in relazione agli allergeni alimentari causa-significativi o può esserci una diminuzione generale dell'appetito. Stitichezza con allergie alimentari causate da spasmo di muscoli lisci di diverse parti dell'intestino.

Feci frequenti e lente che compaiono dopo aver assunto un allergene alimentare causa-significativo è uno dei segni più comuni di allergia alimentare negli adulti e nei bambini. Soprattutto spesso la diarrea si verifica nelle allergie alimentari al latte.

L'enterocolite allergica con questa malattia è caratterizzata da dolore addominale acuto, presenza di flatulenza, feci molli con scarico di muco vitreo. I pazienti con enterocolite allergica si lamentano di grave debolezza, perdita di appetito, mal di testa, vertigini.

Le manifestazioni cutanee, o dermatosi allergiche, con allergie alimentari sono più comuni, sia negli adulti che nei bambini.

Per le vere allergie alimentari, le manifestazioni cutanee più caratteristiche sono

La rinite allergica con la malattia è caratterizzata dalla comparsa di abbondanti secrezioni nasali mucose e acquose, a volte congestione nasale e difficoltà nella respirazione nasale.

Sintomi di allergie alimentari nei bambini

Nei bambini al di sotto di un anno, uno dei primi segni di malattia può essere

  • dermatite da pannolino testardo con cura attenta della pelle,
  • l'aspetto di dermatite intorno all'ano e prurito intorno all'ano dopo l'alimentazione.

La localizzazione dei cambiamenti della pelle è diversa, ma più spesso compaiono prima nella faccia e poi possono diffondersi su tutta la superficie della pelle. All'inizio della malattia, le allergie alimentari rivelano una chiara associazione di esacerbazioni cutanee con l'assunzione di un allergene alimentare causalmente significativo, ma nel tempo, i cambiamenti allergici nella pelle diventano persistenti e costantemente ricorrenti, il che rende difficile determinare il fattore causale.

diagnostica

La diagnosi di allergia alimentare in tutti i suddetti casi è stabilita sulla base dell'esame e del questionario del paziente, nonché dei risultati di uno specifico esame allergologico con allergeni alimentari e della completa scomparsa dell'allergia alimentare dopo aver prescritto una dieta di eliminazione (cioè non contenente allergeni).

Spesso, sotto l'apparenza di allergie alimentari nascondono malattie del tratto gastrointestinale o fermentopatie acquisite, invasioni helminthic, malattie mentali, ecc.

L'esame citologico di strisci (impronte) da membrane mucose (cavità nasale, congiuntiva, espettorato, ecc.) È un test accessibile che consente di chiarire indirettamente la natura della reazione (allergica, infettiva o altro).

I test cutanei con allergeni alimentari dovrebbero sempre essere inclusi nel piano d'esame per i pazienti con allergie alimentari.

I test provocatori sono tra i metodi più affidabili per diagnosticare le allergie. Considerando che questi test possono portare allo sviluppo di una grave reazione sistemica, si raccomanda che vengano eseguiti solo in ospedale o in regime ambulatoriale, in una sala per le allergie, esistente sulla base di un ospedale multidisciplinare con un'unità di terapia intensiva.

Due settimane prima del test provocatorio, viene prescritta una dieta ad eccezione dei presunti allergeni alimentari causali. Il test provocatorio si svolge al mattino, a stomaco vuoto, sullo sfondo del benessere generale del paziente. Gli alimenti secchi o liofilizzati (latte in polvere, uova in polvere, farina, noci, carne, ecc.) Possono essere utilizzati come allergeni alimentari. Allergeni alimentari stimati (8 mg), racchiusi in una capsula (ad esempio gelatina), vengono somministrati al paziente da deglutire, dopo di che vengono monitorati per 24 ore, fissando indicatori soggettivi e oggettivi: disturbi, condizione della pelle e delle mucose, fluttuazioni della pressione sanguigna, frequenza frequenza cardiaca, ecc.

Se entro 24 ore i segni di allergia alimentare non compaiono, il test viene ripetuto dopo un giorno, ma la dose dell'allergene viene aumentata a 20 mg. Nel caso di un risultato negativo, il test viene ripetuto a giorni alterni, raddoppiando ogni volta la dose del prodotto alimentare essiccato, portandolo gradualmente a 8000 mg, corrispondenti a 100 g del prodotto alimentare originale. Se, dopo la somministrazione di 8000 mg di un allergene alimentare, la reazione non viene seguita, il test viene interrotto e si ritiene che il prodotto in esame non sia un allergene alimentare in questo paziente.

I bambini piccoli che non possono ingerire una capsula possono essere aggiunti agli allergeni alimentari. Lo schema di test provocatori nei bambini è lo stesso degli adulti, ma la dose di allergeni alimentari somministrati varia da 8 mg a 2000 mg.

Nelle allergie alimentari, i segni di intolleranza di solito compaiono 2-12 ore dopo la somministrazione provocatoria di un prodotto alimentare: eruzioni cutanee, manifestazioni gastrointestinali, ecc. I test provocativi non sono prescritti con quei prodotti che possono causare gravi reazioni sistemiche. Il metodo dell'emocodice non può essere utilizzato per la diagnosi di vera allergia alimentare, dal momento che non può essere utilizzato per rilevare anticorpi allergici specifici ai prodotti alimentari. Gli studi più informativi per identificare le allergie alimentari includono:

  • test radioallergosorbente (PAST);
  • saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA);
  • test utilizzando il sistema CAP, sistema MAST-CLA.

Trattamento delle allergie alimentari

I principi fondamentali del trattamento delle allergie alimentari sono un approccio integrato e un approccio graduale alla terapia, mirato sia ad eliminare i segni di allergia sia a prevenire le esacerbazioni. Di fondamentale importanza è la nomina di un'alimentazione adeguata, che corrisponda al volume e al rapporto degli ingredienti alimentari rispetto all'età, al peso, alle malattie somatiche concomitanti e ad altri fattori.

Per le vere allergie alimentari, come per qualsiasi altra malattia allergica, vengono utilizzati trattamenti specifici e non specifici. I metodi di trattamento non specifici hanno lo scopo di eliminare i segni di una malattia in via di sviluppo e di prevenire le esacerbazioni.

Per le manifestazioni acute comuni di allergia alimentare, gli antistaminici di prima generazione (tavegil, suprastin) vengono somministrati per via orale sotto forma di compresse.

A manifestazioni di gravità lieve e moderata, gli antistaminici di una nuova generazione sono più spesso usati:

  • Ebastina (Kestin),
  • cetirizina (zyrtec, allertek, letisen, ecc.),
  • fexofenadina (telfast),
  • loratadina (claritina, clarisens, ecc.).

Qualunque sia il tipo di reazione allergica che si sviluppa, non importa quanto intensamente procede, è necessario integrare l'assunzione di droghe dalle allergie purificando il corpo con assorbenti. Per esempio, Enterosgel - questo moderno assorbente simile al gel a base di silicio bioorganico, dolcemente e senza danni per il corpo, assorbe sia gli allergeni che i prodotti tossici della risposta immunitaria, e quindi li rimuove dal corpo, facilitando così il corso dell'allergia.

I metodi specifici per trattare le allergie alimentari includono l'esclusione degli allergeni alimentari e ASIT (immunoterapia specifica allergene).

L'esclusione dalla dieta di un allergene alimentare causalmente significativo è uno dei metodi principali per trattare le allergie alimentari e, nei casi in cui si sviluppa a prodotti alimentari raramente consumati (ad esempio, fragole, cioccolato, granchi, ecc.), Può essere considerato l'unico trattamento efficace..

La dieta richiede l'esclusione dalla dieta non solo di uno specifico prodotto alimentare, che è responsabile per lo sviluppo di allergie alimentari, ma anche di qualsiasi altro, in cui è incluso, anche in tracce.

Quando si prescrive una dieta, è necessario assicurarsi rigorosamente che la dieta del paziente corrisponda al volume e al rapporto degli ingredienti alimentari, al loro peso e alla loro età.

L'immunoterapia allergica specifica (ASIT) per le allergie alimentari viene effettuata solo quando il prodotto alimentare è vitale (ad esempio, l'allergia al latte nei bambini).

Per saperne di più sulla nutrizione nelle allergie, consultare il nostro articolo "Dieta ipoallergenica"

Trattamento delle allergie alimentari

L'allergia alimentare è considerata una delle sezioni più difficili di allergologia. La ragione di ciò è che il problema è caratterizzato da un'alta prevalenza, specialmente nei bambini in tenera età. La malattia è caratterizzata da un'ampia gamma di allergeni, da una varietà di manifestazioni sintomatiche e da un numero insufficiente di terapie. Sebbene ai pazienti venga prescritto un trattamento per l'allergia alimentare, la medicina moderna non può eliminare completamente il problema. Non è stato ancora trovato alcun mezzo che possa, una volta per tutte, salvare una persona dalla dolorosa intolleranza di certi prodotti.

I principali metodi di trattamento

La malattia può essere ereditaria e acquisita. Gli allergeni alimentari più comuni sono frutti di mare, cioccolato, noci, latte vaccino, frutta e bacche, uova e miele. Anche se il trattamento delle allergie alimentari non eliminerà completamente la malattia, ma aiuterà a evitare le sue spiacevoli manifestazioni. Per combattere la malattia usando i seguenti metodi:

  • dieta di eliminazione;
  • terapia immunomodulatoria;
  • terapia di assorbimento;
  • terapia anti-farmaco.

Il ruolo principale è dato alla dieta. Tutti gli allergeni sono completamente esclusi dalla dieta del paziente. Sono sostituiti da altri prodotti ai quali non si osserva una reazione simile nel paziente. Il dottore aiuta a fare un piano di pasto. Seleziona in modo indipendente un sostituto per prodotti che causano allergie alimentari.

Ad esempio, se un paziente è allergico alle uova, allora si consiglia di escludere dalla dieta anche maionese, salse, soufflé, casseruole e prodotti a base di burro. È necessario abbandonarli, poiché ci sono uova nella loro composizione. Molte persone soffrono di intolleranza al latte vaccino. Devono sostituirlo con soia, mandorla o capra. Ma questo trattamento di allergia alimentare dovrebbe essere effettuato solo sotto la supervisione di un medico.

Gli esperti hanno dimostrato che la stretta osservanza di una dieta di eliminazione ha aiutato alcune persone a eliminare completamente l'intolleranza alimentare. Recenti studi hanno dimostrato che circa un terzo dei bambini più grandi ha affrontato la malattia dopo 1-2 anni limitando l'uso di allergeni. I pazienti hanno completamente sconfitto la loro malattia. Ma un risultato del genere era solo per coloro che seguivano fedelmente una dieta.

Quale medico aiuterà a recuperare?

Se una persona ha un'intolleranza a determinati prodotti, allora ha bisogno di consultare uno specialista. Il trattamento delle allergie alimentari negli adulti viene effettuato sotto la guida di un allergologo. I bambini sono diagnosticati con pediatri. Questi specialisti identificano rapidamente i sintomi delle allergie alimentari e aiutano con esso. Riconoscere la malattia non è così facile, perché può avere una varietà di sintomi. Un esame completo del paziente aiuta a confermare la diagnosi.

Al primo ricevimento, al paziente viene chiesto di descrivere in dettaglio tutti i reclami. Ha bisogno di dire al dottore per quanto tempo ha avuto i primi segni di allergie alimentari. È importante notare la presenza di altre malattie, comprese quelle croniche. Il medico ha anche bisogno di sapere se c'è un'intolleranza alimentare tra i parenti stretti del paziente per determinare la natura ereditaria del disturbo.

Dopo il sondaggio e l'esame obiettivo, una persona viene inviata per un esame. Il trattamento delle allergie alimentari negli adulti non può essere avviato se il paziente non ha subito test cutanei. Questa è un'analisi speciale che è necessariamente inclusa nel piano d'esame per i pazienti con sospette allergie alimentari. Questo metodo diagnostico è considerato il più preciso e affidabile.

Tuttavia, poiché lo studio può portare alla comparsa di gravi reazioni del corpo, è importante eseguirlo solo sotto la supervisione di uno specialista. Utilizzato anche per diagnosticare la malattia:

  • test radio allergosorbenti;
  • test usando il sistema CAP;
  • saggio immunoenzimatico.

Gli esperti di allergia alimentare possono confermare e sulla base dei risultati di un test allergologico specifico. Inoltre, il paziente può prescrivere un esame citologico di strisci raccolti dalla cavità nasale, congiuntiva. Questi studi offrono ai medici l'opportunità di chiarire la vera natura di una tale reazione dell'organismo.

Farmaci per allergie alimentari

Affrontare la malattia, la terapia farmacologica è impossibile. Tuttavia, aiuta a migliorare le condizioni generali del paziente, consente di affrontare i sintomi di allergia gravi. La farmacoterapia è utilizzata solo in questi casi:

  • la dieta di eliminazione dà un effetto debole;
  • i dottori non possono identificare l'allergene;
  • la reazione è osservata su un gran numero di prodotti.

Gli antistaminici sono usati per eliminare i sintomi. In caso di prurito della pelle o eruzioni cutanee, tali farmaci per le allergie alimentari sono prescritti sotto forma di unguenti, creme, gel. I medici possono prescrivere e compresse, ma possono prendere non più di due settimane di fila. Gli antistaminici più comunemente usati sono la terza generazione. Sono i più efficaci e inoltre non influenzano la capacità di guidare, non causano sonnolenza e non influenzano la qualità del lavoro.

Di norma, il trattamento delle allergie alimentari negli adulti viene effettuato con l'uso dei preparati di cui sopra. I bambini che soffrono di intolleranza alimentare sono spesso prescritti stabilizzatori della membrana mastocitaria. Gli studi hanno dimostrato che questo strumento è molto efficace non solo per le allergie alimentari, ma anche per la bronchite allergica e la rinite. Sono offerti sotto forma di:

Nei casi di grave esacerbazione, che è accompagnata dal rischio di shock anafilattico, ai pazienti viene immediatamente somministrata un'iniezione di adrenalina. Questo strumento consente di ripristinare rapidamente la respirazione, alleviare l'infiammazione.

Rimedi popolari per le allergie alimentari

Esistono molte ricette di medicina alternativa che promettono ai pazienti un recupero rapido e semplice. Ma nella maggior parte dei casi non sono assolutamente efficaci. Alcuni strumenti possono essere utili per migliorare le condizioni generali del paziente, ma solo un medico può prescriverli. Lo specialista seleziona per il paziente i rimedi popolari più efficaci e sicuri per le allergie alimentari.

Può essere usato per il trattamento della lenticchia d'acqua. Preparano la tintura, che gli esperti raccomandano di assumere quattro volte al giorno, 15 gocce. Da allergie perfettamente aiuta la serie. Da questa erba è preparato:

La sequenza può essere usata come un tè. È necessario berlo giornalmente, ma non meno di 3 volte al giorno. È necessario consumare un tè del genere per 3 mesi di seguito e dopo una pausa. Molto spesso, i prodotti di allergia alimentare a base di mummia sono fatti. Per la preparazione di un farmaco del genere è necessario dissolverlo in acqua purificata. Bevi ogni mattina con 100 ml e bevi latte. Il corso di tale trattamento dovrebbe essere effettuato due volte l'anno. La sua durata non dovrebbe superare i 20 giorni.

Il rimedio popolare più popolare ed efficace per le allergie alimentari è il guscio d'uovo schiacciato. Da questo è necessario fare una polvere. È necessario prenderlo, mescolandosi con succo di limone. Questo strumento aiuta a ridurre la sensibilità del corpo agli allergeni, inoltre non ha effetti collaterali. Pertanto, può essere preso da tutte le persone.

Trattamento di allergia alimentare

Trattamento di allergia alimentare

Allergie alimentari - una malattia che, nonostante l'apparente insignificanza, influisce notevolmente sulla qualità della vita. Questa è la risposta del corpo all'azione dello stimolo nel cibo.

Circa l'1% della popolazione adulta del pianeta e l'8% dei bambini hanno questa malattia. La specie alimentare viene diagnosticata nel 60-70% dei pazienti con allergie.

Perché appare la reazione

Come mostrano le statistiche mediche, il numero di casi registrati di allergie alimentari è in costante aumento negli ultimi anni.

I motivi che causano la sua manifestazione sono:

  1. Predisposizione ereditaria e genetica. È dimostrato che se qualcuno da parenti stretti soffre di una forma alimentare di allergia, allora questa malattia può essere ereditata.
  2. Stile di vita sbagliato. Le abitudini nocive riducono significativamente la difesa immunitaria del corpo.
  3. Problemi con il sistema gastrointestinale. La ragione per venire a consultare un gastroenterologo è la comparsa inaspettata di allergie.
  4. Mancanza di una corretta alimentazione. La nutrizione dovrebbe essere equilibrata, l'uso di cibi stagionali non dovrebbe essere eccessivo.
  5. La qualità del cibo moderno. Quasi ogni secondo prodotto alimentare acquistato contiene coloranti, emulsionanti, conservanti e vari additivi chimici. Queste sostanze ci sono estranee e il sistema immunitario le percepisce come aggressori.

Queste cause riducono la capacità dell'organismo di resistere alla penetrazione di anticorpi estranei, aumentano il rischio di sviluppare la malattia.

Cos'è un allergene

Allergeni che possono causare allergie, parecchio. Gli studi hanno dimostrato che il 90% di tutti i casi di questa malattia sono causati dall'uso di soli otto prodotti.

I seguenti prodotti si distinguono per il loro significato allergico in ordine decrescente:

Spesso, da questi prodotti si verificano esiti letali durante lo shock anafilattico.

Terapia generale

L'esclusione dal cibo del tipo causale di allergene (eliminazione) è considerata il metodo principale del corso della terapia.

Se c'è una reazione ai prodotti usati raramente, allora l'eliminazione è l'unico metodo di terapia che dà un effetto positivo.

Questo metodo richiede la rimozione completa dal cibo di un tipo specifico di allergene e dei prodotti in cui si trova, anche in piccole quantità.

Per una dieta di eliminazione, la sostituzione dell'allergene causale con un prodotto non allergenico è caratteristica.

Si raccomanda di aumentare la percentuale di oli vegetali negli alimenti e di ridurre significativamente il consumo di grassi animali.

È necessario usare enterosorbents - le sostanze trovate nelle fibre di frutta e verdure, crusca e prodotti di grano intero.

Tutti i piatti devono essere al vapore, in umido, bolliti, al forno, ma non fritti. Ridurre significativamente l'assunzione di sale.

Se una dieta ad eliminazione rigorosa è prescritta a un paziente, è necessario assicurarsi che il contenuto di tutte le sue componenti nutrizionali corrisponda strettamente alla sua età e al suo peso.

Con l'adempimento di tutte le prescrizioni del medico e l'osservanza di questa dieta, il miglioramento della condizione si verifica per 4-6 giorni.

Come curare le allergie alimentari negli adulti, a seconda delle sue manifestazioni

È possibile osservare la manifestazione dei sintomi da:

  1. pelle: secchezza, prurito, arrossamento, eruzione cutanea;
  2. sistema respiratorio: abbondante secrezione nasale, tosse, starnuti, mancanza di respiro, mancanza di respiro, congestione nasale persistente;
  3. apparato digerente: vomito, feci anormali, dolore all'addome, solletico.

Eruzione cutanea

Nel trattamento del sintomo ci sono buone medicine e rimedi popolari. Quando viene somministrato per via endovenosa, si usa cloruro di calcio o tiosolfato di sodio. Aiutano il corpo a rimuovere l'allergene.

Con una vasta eruzione cutanea, prednisolone o desametasone viene aggiunto a questi farmaci.

Allo stesso tempo, è prescritto un farmaco antistaminico di tre generazioni:

  1. "Suprastin", "Dimedrol", "Tavegil", "Diazolin" - la loro durata è breve, possono causare sonnolenza.
  2. "Fenistil", "Cetirizine", "Loratadine" - hanno un'azione più lunga, non possono causare sonnolenza.
  3. "Tigofast", Erius "," Telfast "- hanno un numero minimo di effetti collaterali, lunga durata.

In caso di manifestazione cronica del sintomo, vengono prescritte le compresse ormonali "Prednisolone". Il corso della sua ammissione può arrivare fino a due mesi. Spesso ricevimento combinato con antistaminici.

La manifestazione di questo sintomo è curabile dai seguenti gruppi di farmaci:

  • antistaminici di qualsiasi generazione (in caso di problemi esistenti con il fegato, il loro uso è possibile solo dopo aver consultato un medico).
  • farmaci e unguenti a base di corticosteroidi (ormone umano naturale). Aiutano ad alleviare l'infiammazione e hanno un effetto anestetico. Il corso della loro ammissione non deve superare i 10 giorni (un appuntamento più lungo è prescritto solo da un medico).
  • pomata e crema non ormonale. Per la guarigione, la rimozione della secchezza, l'infiammazione della pelle sono utilizzati "Fenistil - gel", Protopic "," Panthenol "," Bepanten ".

Disturbi gastrointestinali

I sintomi del tratto gastrointestinale sono ridotti dalla nomina di:

  • dieta rigorosa;
  • farmaci che ripristinano la microflora ("Kolibakterin", "Bifidumbakterin", "Lactobacterin");
  • i mezzi che sostituiscono la microflora patogena (se necessario): "Baktisubtil", "Intrix".

Se il trattamento delle allergie alimentari con i farmaci è iniziato in modo tempestivo e viene eseguito in modo completo, la sua efficacia aumenta più volte.

Video: consiglio del dottore Komarovsky

Differenza nel trattamento di bambini e adulti

Rilevamento tempestivo del prodotto che causa la risposta del corpo, combattendo i segni della sua manifestazione, è la condizione principale per un trattamento efficace della malattia.

Il modo migliore e più semplice per adulti e bambini è quello di escludere dalla dieta un prodotto o cibo problematico, dove questo si trova. Tutti quelli che lo circondano (parenti, amici, colleghi) dovrebbero sapere della sua esistenza.

Il trattamento di un paziente adulto con una forma acuta di allergia avviene necessariamente sotto la supervisione di uno specialista. Al paziente possono essere prescritte iniezioni di "epinefrina".

Questo farmaco blocca il rilascio di istamina, facilita la respirazione. Con un ulteriore trattamento, il trattamento combinato è prescritto con farmaci antistaminici e Epinifrin.

Il trattamento delle allergie alimentari nei bambini include la terapia interna in combinazione con l'esterno. Più spesso vengono prescritti farmaci antistaminici di seconda generazione.

Un sacco di droghe: alcune possono essere prese dai primi giorni di vita, altre solo dopo aver raggiunto una certa età.

Tutti questi farmaci riducono il prurito, alleviano il gonfiore e il rossore della pelle. Nella dermatite atopica è vietato l'uso di infusi, impacchi, bagni alle erbe.

Un bambino, così come un adulto con una forma acuta della malattia, deve sempre indossare un braccialetto che indichi il tipo di allergene. Questo è necessario per un rapido sollievo e l'eliminazione dello shock anafilattico.

Potrebbe esserci un'allergia alla birra? La risposta è qui

Uso di droghe

La complessità e la terapia a fasi sono i principi principali del trattamento della malattia, che mirano ad eliminare i sintomi e prevenire le esacerbazioni.

Nel trattamento dei farmaci usati:

  • gruppo antistaminico. La maggior parte degli antistaminici può essere usata per scopi profilattici;
  • glucocorticoidi. Sono progettati per stabilizzare una condizione seria. Il corso del loro ricevimento dipende dalla gravità dell'allergia e varia da 3 a 14 giorni;
  • cromoglicato. Il farmaco è destinato all'ingestione prima dei pasti e viene prescritto per un lungo periodo di tempo;
  • adrenalina. I pazienti dovrebbero sempre avere questo farmaco nella loro farmacia di casa. Nello shock anafilattico con adrenalina, viene fornito il primo aiuto di emergenza.

Se gli attacchi della malattia si verificano abbastanza spesso, è difficile, viene prescritta l'immunoterapia.Questo metodo riduce significativamente la manifestazione della malattia, e in alcuni casi lo elimina.

Un prerequisito per il trattamento qualitativo della malattia è l'uso di farmaci prescritti da un medico.

La scelta indipendente e l'impostazione del dosaggio potrebbero non solo essere inefficaci, ma, al contrario, peggiorare la condizione.

Uso di erbe

Nel trattamento delle allergie alimentari spesso aiutano la medicina tradizionale. Ma il loro uso è pericoloso senza consultare un medico.

Non è raro che, invece dell'effetto positivo atteso, una reazione allergica possa solo intensificarsi e portare a uno stato critico.

Molte piante possono contenere sostanze che causano prurito, eruzioni cutanee, difficoltà respiratorie, ecc. Pertanto, la terapia a base di erbe deve essere trattata in modo responsabile e con cautela.

Per alleviare i sintomi della malattia e dopo aver consultato un medico, puoi usare i consigli della medicina tradizionale.

Per la preparazione di decotti, si possono usare infusi:

  • succo di sedano appena spremuto. Si consiglia di bere 1 cucchiaino da tè fino a tre volte al giorno;
  • decotto della serie: 1 sl. Spoon un cucchiaio di piante con un bicchiere di acqua bollente, bere subito dopo la fermentazione.
  • decotto di fiori di calendula: 10 g. le piante vengono preparate con 2 tazze d'acqua, infuse per 2 ore, filtrate, prelevate ai sensi dell'art. cucchiaio 3 volte al giorno.
  • Fiori di ortica vengono versati acqua bollente in un rapporto di 1 °. cucchiai di fiori in 1 tazza d'acqua. Insistere per 30 minuti, filtrare. Assumere fino a 5 volte al giorno e 0,5 tazze sotto forma di calore.

I metodi usati di trattare le allergie alimentari con la medicina tradizionale non hanno dimostrato la loro piena efficacia e non hanno confutato. Pertanto, il loro uso è possibile solo in aggiunta alla principale terapia farmacologica.

Raccomandazioni generali

Per prevenire l'insorgenza di allergie alimentari o ridurre la gravità delle sue manifestazioni, è necessario seguire diverse regole.

Le principali raccomandazioni che i medici consigliano di rispettare:

  1. Non ritardare la visita agli specialisti.
  2. L'allattamento al seno più lungo possibile (non meno di mezzo anno).
  3. Esclusione dalla dieta di una donna incinta o in allattamento con prodotti altamente allergici.
  4. Quando si sostituiscono prodotti altamente allergenici con prodotti non allergenici, è importante tenere conto del rapporto tra nuovi nutrienti e le esigenze fisiologiche del paziente.
  5. Il trattamento termico dei prodotti riduce il rischio di reazioni allergiche (il latte deve essere bollito, i cereali ammollati, usare il burro fuso).
  6. Come misura di prevenzione è un metodo di desensibilizzazione naturale. Consiste nell'uso quotidiano nell'alimentazione in dosi minime di un prodotto allergenico con un ulteriore aumento graduale del suo uso.
  7. Non cercare di curare le allergie da soli.

Sei allergico alla candeggina in piscina? Leggi cosa fare nell'articolo.

Potrebbe esserci un'allergia al sudore? Rispondi ulteriormente.

prevenzione

Al fine di eliminare l'insorgenza di allergia alimentare nei bambini e negli adulti per ridurre il rischio di recidiva, è necessario adottare misure preventive.

Le misure di prevenzione delle allergie includono:

  1. Nutrizione corretta ed equilibrata delle donne in gravidanza e in allattamento.
  2. Diagnosi tempestiva e trattamento delle malattie dell'apparato digerente.
  3. Esclusione parziale o completa (se possibile) dalla dieta di cibi allergenici.
  4. Evitare di fumare la società, perché il fumo di tabacco aumenta solo la risposta.
  5. I prodotti allergenici devono essere sottoposti a trattamento a caldo oa freddo.
  6. Bastone cibo dieta.

Le allergie alimentari causano una diversa attitudine al loro stile di vita.

Parafrasando la famosa frase "La tua salute è nelle tue mani", dal lato di questa malattia puoi dire "La nostra salute è ciò che mangiamo".

Per bypassare la malattia, dovresti mangiare correttamente e, se necessario, seguire tutte le raccomandazioni e le prescrizioni del medico.

Trattamento di allergia alimentare

Le allergie alimentari sono caratterizzate da una maggiore sensibilità del corpo al cibo e dallo sviluppo di segni di intolleranza alimentare causati dalla reazione del sistema immunitario.

È noto che i meccanismi di intolleranza alimentare sono molto diversi. Le reazioni al cibo che sono di natura allergica sono molto meno comuni di quanto molti credano.

Le allergie alimentari, di regola, si sviluppa per la prima volta durante l'infanzia.

Tra le persone con malattie del tratto gastrointestinale e delle vie biliari, la prevalenza di allergie alimentari è maggiore rispetto a quelle non affette da queste malattie (Nogaller A., ​​1983).

Tra le reazioni di intolleranza alimentare si possono distinguere reazioni al cibo, aventi una natura tossica e non tossica.

Le reazioni tossiche si sviluppano dopo il consumo di prodotti alimentari che contengono sostanze tossiche sotto forma di impurità. Le manifestazioni di queste reazioni e il loro grado di gravità dipendono dalla dose e dalle proprietà chimiche dei composti tossici e non dal tipo di prodotto alimentare.

Tra le reazioni non tossiche al cibo, ci sono due tipi principali di intolleranza, che differiscono nei meccanismi di sviluppo:

1) reazioni ai prodotti alimentari causate da disturbi nel sistema immunitario (allergie alimentari),

2) le reazioni non sono di natura immunologica (intolleranza alimentare).

L'intolleranza alimentare può svilupparsi nelle malattie del tratto gastrointestinale, nelle vie biliari, nelle patologie endocrine, nelle enzimopatie congenite e acquisite e in altre malattie non associate a menomazioni del sistema immunitario.

Nel normale funzionamento del tratto gastrointestinale e del sistema biliare, l'allergia ai prodotti alimentari non si sviluppa.

La predisposizione genetica alle allergie è importante nella formazione di ipersensibilità al cibo.

Gli studi hanno dimostrato che circa la metà dei pazienti che soffrono di allergie alimentari, c'è una famiglia gravata o una propria storia allergica.

Ciò significa che entrambi soffrono di malattie allergiche (pollinosi, asma bronchiale atopica) o dei loro parenti più prossimi (genitori, fratelli, nonne, ecc.).

Formazione di allergie nell'infanzia

La formazione di allergie alimentari contribuisce ai disturbi alimentari nelle donne durante la gravidanza e l'alimentazione (abuso di alcuni prodotti che hanno una spiccata attività allergenica: pesce, uova, noci, latte, ecc.).

I fattori provocatori per lo sviluppo della malattia sono

  • trasferimento precoce del bambino all'alimentazione artificiale;
  • disordini alimentari nei bambini, espressi nella discrepanza tra il volume e il rapporto degli ingredienti alimentari rispetto al peso e all'età del bambino;
  • malattie associate del tratto gastrointestinale,
  • malattie del fegato e delle vie biliari, ecc.

La normale digestione e l'assorbimento del cibo sono forniti dallo stato del sistema endocrino, dalla struttura e dalla funzione del tratto gastrointestinale, dal sistema biliare, dalla composizione e dal volume dei succhi digestivi, dalla composizione della microflora intestinale, dallo stato di immunità locale della mucosa intestinale (tessuto linfoide, immunoglobuline secretorie, ecc.), E altri fattori.

Normalmente, i prodotti alimentari sono suddivisi in composti che non hanno proprietà allergeniche e la parete intestinale è impermeabile ai prodotti non spaccati.

Cause negli adulti

Lo sviluppo di allergie alimentari è innescato da fattori comuni per adulti e bambini.

  • Il primo è l'aumento della permeabilità della parete intestinale, che si osserva nelle malattie infiammatorie del tratto gastrointestinale.
  • La violazione (diminuzione o accelerazione) dell'assorbimento di composti alimentari può essere dovuta a una violazione degli stadi di digestione con insufficiente funzione pancreatica, carenza enzimatica, discinesia biliare e discinesia intestinale, ecc.
  • La nutrizione indiscriminata, i pasti rari o frequenti portano a una violazione della secrezione gastrica, allo sviluppo di gastriti e altri disturbi che causano la formazione di allergie alimentari o pseudoallergia.
  • La formazione di una maggiore sensibilità ai prodotti alimentari di natura proteica è influenzata non solo dalla quantità di cibo assunto e dai disturbi alimentari, ma anche dall'acidità del succo gastrico (Ugolev A., 1985).

La base delle vere reazioni allergiche al cibo è l'aumentata sensibilità e risposta immunitaria alla reintroduzione degli allergeni alimentari. Quando un prodotto alimentare entra nel corpo per la prima volta, gli antigeni del cibo entrano nel flusso sanguigno, in risposta al quale gli anticorpi della classe immunoglobulina A. iniziano a essere sintetizzati nell'organismo.In una persona sana, l'assorbimento dell'antigene alimentare e il suo ingresso nel sangue fornisce una "indifferenza" del sistema immunitario quando la sua successiva entrata nel corpo, e questo processo è sotto controllo genetico.

Le allergie alimentari possono svilupparsi con suscettibilità genetica alla formazione di allergie agli antigeni alimentari con la partecipazione di anticorpi della classe di immunoglobuline E.

Le allergie a volte possono svilupparsi in alcuni additivi alimentari, in particolare azo-coloranti (come la tartrazina).

Spesso la ragione per lo sviluppo di una reazione pseudo-allergica al cibo non è il prodotto stesso, ma vari additivi chimici introdotti per migliorare il gusto, l'odore, il colore e garantire la durata dello stoccaggio. Un grande gruppo di sostanze appartiene alla categoria degli additivi alimentari: coloranti, aromi, antiossidanti, emulsionanti, enzimi, addensanti, sostanze batteriostatiche, conservanti, ecc.

Tra i coloranti alimentari più comuni si può menzionare la tartrazina, che fornisce una colorazione giallo-arancione del prodotto; nitrito di sodio, preservando il colore rosso dei prodotti a base di carne e altri.Per la conservazione, vengono utilizzati il ​​glutammato monosodico, i salicilati, in particolare l'acido acetilsalicilico, ecc.

Vazoaktivny ammina - betaphenylethylamine, che è contenuto in cioccolato, in prodotti subendo la fermentazione (per esempio, formaggi), le fave di cacao fermentate, causa reazioni pseudoallergiche.

Manifestazioni di allergie alimentari

Le manifestazioni della malattia sono diverse per forma, posizione, gravità e prognosi.

La manifestazione più antica e tipica della vera allergia alimentare è lo sviluppo della sindrome allergica orale. È caratterizzato dalla comparsa di prurito in bocca, intorpidimento e / o sensazione di "scoppio" della lingua, palato duro e / o molle, gonfiore della mucosa orale dopo aver mangiato l'allergene alimentare colpevole.

Le manifestazioni gastrointestinali più frequenti della malattia includono:

Il vomito nelle allergie alimentari può verificarsi in un periodo che va da alcuni minuti a 4-6 ore dopo aver mangiato, più spesso il paziente vomita cibo mangiato. A volte il vomito assume una natura persistente. Il verificarsi del vomito è principalmente associato a una riduzione del piloro quando un allergene alimentare viene ingerito nello stomaco.

Dolore addominale allergico colico può essere osservato immediatamente dopo un pasto o dopo poche ore ed è causato da uno spasmo della muscolatura liscia dell'intestino. I dolori addominali sono generalmente pronunciati. Il dolore addominale nelle allergie alimentari può non essere intenso ma persistente, accompagnato da una diminuzione dell'appetito, dalla presenza di muco nelle feci e da altri disturbi.

La mancanza di appetito può essere selettiva in relazione agli allergeni alimentari causa-significativi o può esserci una diminuzione generale dell'appetito. Stitichezza con allergie alimentari causate da spasmo di muscoli lisci di diverse parti dell'intestino.

Feci frequenti e lente che compaiono dopo aver assunto un allergene alimentare causa-significativo è uno dei segni più comuni di allergia alimentare negli adulti e nei bambini. Soprattutto spesso la diarrea si verifica nelle allergie alimentari al latte.

L'enterocolite allergica con questa malattia è caratterizzata da dolore addominale acuto, presenza di flatulenza, feci molli con scarico di muco vitreo. I pazienti con enterocolite allergica si lamentano di grave debolezza, perdita di appetito, mal di testa, vertigini.

Le manifestazioni cutanee, o dermatosi allergiche, con allergie alimentari sono più comuni, sia negli adulti che nei bambini.

Per le vere allergie alimentari, le manifestazioni cutanee più caratteristiche sono

La rinite allergica con la malattia è caratterizzata dalla comparsa di abbondanti secrezioni nasali mucose e acquose, a volte congestione nasale e difficoltà nella respirazione nasale.

Sintomi di allergie alimentari nei bambini

Nei bambini al di sotto di un anno, uno dei primi segni di malattia può essere

  • dermatite da pannolino testardo con cura attenta della pelle,
  • l'aspetto di dermatite intorno all'ano e prurito intorno all'ano dopo l'alimentazione.

La localizzazione dei cambiamenti della pelle è diversa, ma più spesso compaiono prima nella faccia e poi possono diffondersi su tutta la superficie della pelle. All'inizio della malattia, le allergie alimentari rivelano una chiara associazione di esacerbazioni cutanee con l'assunzione di un allergene alimentare causalmente significativo, ma nel tempo, i cambiamenti allergici nella pelle diventano persistenti e costantemente ricorrenti, il che rende difficile determinare il fattore causale.

diagnostica

La diagnosi di allergia alimentare in tutti i suddetti casi è stabilita sulla base dell'esame e del questionario del paziente, nonché dei risultati di uno specifico esame allergologico con allergeni alimentari e della completa scomparsa dell'allergia alimentare dopo aver prescritto una dieta di eliminazione (cioè non contenente allergeni).

Spesso, sotto l'apparenza di allergie alimentari nascondono malattie del tratto gastrointestinale o fermentopatie acquisite, invasioni helminthic, malattie mentali, ecc.

L'esame citologico di strisci (impronte) da membrane mucose (cavità nasale, congiuntiva, espettorato, ecc.) È un test accessibile che consente di chiarire indirettamente la natura della reazione (allergica, infettiva o altro).

I test cutanei con allergeni alimentari dovrebbero sempre essere inclusi nel piano d'esame per i pazienti con allergie alimentari.

I test provocatori sono tra i metodi più affidabili per diagnosticare le allergie. Considerando che questi test possono portare allo sviluppo di una grave reazione sistemica, si raccomanda che vengano eseguiti solo in ospedale o in regime ambulatoriale, in una sala per le allergie, esistente sulla base di un ospedale multidisciplinare con un'unità di terapia intensiva.

Due settimane prima del test provocatorio, viene prescritta una dieta ad eccezione dei presunti allergeni alimentari causali. Il test provocatorio si svolge al mattino, a stomaco vuoto, sullo sfondo del benessere generale del paziente. Gli alimenti secchi o liofilizzati (latte in polvere, uova in polvere, farina, noci, carne, ecc.) Possono essere utilizzati come allergeni alimentari. Allergeni alimentari stimati (8 mg), racchiusi in una capsula (ad esempio gelatina), vengono somministrati al paziente da deglutire, dopo di che vengono monitorati per 24 ore, fissando indicatori soggettivi e oggettivi: disturbi, condizione della pelle e delle mucose, fluttuazioni della pressione sanguigna, frequenza frequenza cardiaca, ecc.

Se entro 24 ore i segni di allergia alimentare non compaiono, il test viene ripetuto dopo un giorno, ma la dose dell'allergene viene aumentata a 20 mg. Nel caso di un risultato negativo, il test viene ripetuto a giorni alterni, raddoppiando ogni volta la dose del prodotto alimentare essiccato, portandolo gradualmente a 8000 mg, corrispondenti a 100 g del prodotto alimentare originale. Se, dopo la somministrazione di 8000 mg di un allergene alimentare, la reazione non viene seguita, il test viene interrotto e si ritiene che il prodotto in esame non sia un allergene alimentare in questo paziente.

I bambini piccoli che non possono ingerire una capsula possono essere aggiunti agli allergeni alimentari. Lo schema di test provocatori nei bambini è lo stesso degli adulti, ma la dose di allergeni alimentari somministrati varia da 8 mg a 2000 mg.

Nelle allergie alimentari, i segni di intolleranza di solito compaiono 2-12 ore dopo la somministrazione provocatoria di un prodotto alimentare: eruzioni cutanee, manifestazioni gastrointestinali, ecc. I test provocativi non sono prescritti con quei prodotti che possono causare gravi reazioni sistemiche. Il metodo dell'emocodice non può essere utilizzato per la diagnosi di vera allergia alimentare, dal momento che non può essere utilizzato per rilevare anticorpi allergici specifici ai prodotti alimentari. Gli studi più informativi per identificare le allergie alimentari includono:

  • test radioallergosorbente (PAST);
  • saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA);
  • test utilizzando il sistema CAP, sistema MAST-CLA.

Trattamento delle allergie alimentari

I principi fondamentali del trattamento delle allergie alimentari sono un approccio integrato e un approccio graduale alla terapia, mirato sia ad eliminare i segni di allergia sia a prevenire le esacerbazioni. Di fondamentale importanza è la nomina di un'alimentazione adeguata, che corrisponda al volume e al rapporto degli ingredienti alimentari rispetto all'età, al peso, alle malattie somatiche concomitanti e ad altri fattori.

Per le vere allergie alimentari, come per qualsiasi altra malattia allergica, vengono utilizzati trattamenti specifici e non specifici. I metodi di trattamento non specifici hanno lo scopo di eliminare i segni di una malattia in via di sviluppo e di prevenire le esacerbazioni.

Per le manifestazioni acute comuni di allergia alimentare, gli antistaminici di prima generazione (tavegil, suprastin) vengono somministrati per via orale sotto forma di compresse.

A manifestazioni di gravità lieve e moderata, gli antistaminici di una nuova generazione sono più spesso usati:

  • Ebastina (Kestin),
  • cetirizina (zyrtec, allertek, letisen, ecc.),
  • fexofenadina (telfast),
  • loratadina (claritina, clarisens, ecc.).

I metodi specifici per trattare le allergie alimentari includono l'esclusione degli allergeni alimentari e ASIT (immunoterapia specifica allergene).

L'esclusione dalla dieta di un allergene alimentare causalmente significativo è uno dei metodi principali per trattare le allergie alimentari e, nei casi in cui si sviluppa a prodotti alimentari raramente consumati (ad esempio, fragole, cioccolato, granchi, ecc.), Può essere considerato l'unico trattamento efficace..

La dieta richiede l'esclusione dalla dieta non solo di uno specifico prodotto alimentare, che è responsabile per lo sviluppo di allergie alimentari, ma anche di qualsiasi altro, in cui è incluso, anche in tracce.

Quando si prescrive una dieta, è necessario assicurarsi rigorosamente che la dieta del paziente corrisponda al volume e al rapporto degli ingredienti alimentari, al loro peso e alla loro età.

L'immunoterapia allergica specifica (ASIT) per le allergie alimentari viene effettuata solo quando il prodotto alimentare è vitale (ad esempio, l'allergia al latte nei bambini).

Per saperne di più sulla nutrizione nelle allergie, consultare il nostro articolo "Dieta ipoallergenica"

Diagnosi dei sintomi

Scopri le tue possibili malattie e quale dottore dovresti visitare.

Trattamento di allergia alimentare

7 (499) 519-32-81, 7 (812) 409-93-64

Le allergie alimentari sono i sintomi principali:

  • Umore oscilla
  • Eruzione cutanea
  • nausea
  • Dolore addominale
  • Disturbi del sonno
  • vomito
  • tosse
  • Occhi rossi
  • Congestione nasale
  • lacrimazione
  • asma
  • Perdita dell'udito
  • Prurito al naso
  • starnuti
  • Secrezione del muco nasale
  • Gonfiore nella zona interessata
  • intertrigo
  • Bruciore nell'area colpita
  • Prurito della pelle sul sito di lesione
  • Invito frequente alle feci

Allergie alimentari - la risposta immunitaria ad alcuni componenti che sono contenuti nel cibo. Molto spesso, una tale malattia è osservata nei bambini (specialmente in un bambino allattato al seno) e molte volte meno negli adulti. Mangiare anche una piccola quantità di un allergene alimentare può mettere a rischio la vita.

I sintomi principali della manifestazione di un tale disturbo alimentare sono - la comparsa di un'eruzione sulla pelle, spesso accompagnata da prurito o bruciore, congestione nasale e starnuti frequenti, difficoltà di respirazione, una violazione del tratto gastrointestinale. Il trattamento delle allergie alimentari consiste nell'assunzione di farmaci mirati all'eliminazione di sintomi fastidiosi, nonché di una dieta appositamente formulata, che esclude il fattore principale nel verificarsi di una malattia.

Il trattamento delle allergie alimentari è ostacolato dal fatto che una persona non può rendersi conto che è allergico perché prende i suoi sintomi per un raffreddore comune, uno stomaco turbato o malattie della pelle infettive. Ecco perché il corso di questo tipo di allergia e la manifestazione dei suoi segni saranno individuali per ogni persona. Inoltre, questa condizione è confusa con l'intolleranza alimentare.

La differenza principale è che il sistema immunitario non partecipa a questo processo. Ecco perché la maggior parte degli adulti confonde queste due malattie. Spesso, le allergie alimentari nei bambini sono ereditarie e si manifestano nei primi anni di vita, e col passare del tempo, i bambini semplicemente lo superano.

Ci sono diverse cause di allergie alimentari nei neonati e nei bambini più grandi, perché spesso soffrono di questa malattia. I fattori di espressione di questo disturbo sono:

  • predisposizione ereditaria - se uno dei genitori aveva una tale malattia nell'infanzia, allora c'è un'alta probabilità che apparirà nel neonato;
  • l'abuso di una donna durante la gravidanza con determinati alimenti, come latte o pesce, che hanno una spiccata attività allergica;
  • alimentazione prematura del bambino dopo l'allattamento;
  • scarsa nutrizione, cioè un rapporto errato della quantità di cibo rispetto alla massa e all'età del bambino;
  • uso di antibiotici per il trattamento di un bambino nel primo anno di vita;
  • anomalie congenite del tratto gastrointestinale, del fegato e delle vie biliari;
  • rottura endocrina;
  • l'uso da parte di una donna di determinati alimenti che raggiungono il bambino attraverso il latte materno e provocano allergie. Ecco perché le giovani madri che allattano devono seguire una dieta.

I prodotti principali a cui il bambino può sviluppare allergie sono:

  • latticini, che contengono una grande quantità di proteine;
  • uova di gallina, in particolare proteine, che possono causare reazioni allergiche alla carne di pollame;
  • frutti di mare;
  • alcuni cereali, tra cui miglio, orzo, riso, avena o mais. In questi casi, c'è anche un'allergia alle sostanze che contengono;
  • legumi;
  • verdure e frutta - le allergie si verificano individualmente per ciascuna di esse;
  • semi di soia;
  • noci.

L'allergia alimentare negli adulti si verifica sullo sfondo di:

  • dieta scorretta, cioè intervalli troppo lunghi tra un pasto o, al contrario, pasti frequenti. Questo è ciò che porta a disturbi della secrezione gastrica, che provocano la comparsa non solo di questa malattia, ma anche di intolleranza ad alcuni cibi o gastrite cronica;
  • processi infiammatori del tratto gastrointestinale, che portano ad una maggiore permeabilità delle pareti intestinali;
  • insufficienza pancreatica o bassi livelli di enzimi;
  • aumento dell'acidità del succo gastrico.

Spesso gli adulti assumono erroneamente intolleranza alimentare per allergie alimentari, ma l'importante differenza è l'intolleranza non del prodotto stesso, ma dei coloranti chimici, aromi o aromi contenuti in esso.

A seconda dell'età e dello stato di immunità, i sintomi delle allergie alimentari e il grado della loro gravità in ciascun bambino saranno diversi. Quindi, i principali segni di questo disturbo sono:

  • l'aspetto di un'eruzione cutanea - colpisce sia l'intera pelle che le sue singole sezioni;
  • prurito, bruciore e gonfiore delle zone cutanee colpite;
  • rinite allergica - un fenomeno in cui una persona soffre di una maggiore secrezione di muco, congestione nasale, starnuti frequenti e prurito;
  • tosse, in alcuni casi con espettorato;
  • il soffocamento si verifica a causa del gonfiore della laringe;
  • aumento della lacrimazione;
  • difficoltà a respirare aria attraverso il naso;
  • arrossamento della pelle bianca degli occhi;
  • frequente necessità di eliminare le masse fecali;
  • nausea costante, che si conclude spesso con attacchi di vomito;
  • dolore nell'addome;
  • perdita dell'udito;
  • disturbi del sonno, manifestati come insonnia in un bambino;
  • un leggero aumento della temperatura corporea;
  • cambiamenti in qualsiasi parte degli indicatori di pressione sanguigna;
  • frequenti sbalzi d'umore.

Le allergie alimentari nei bambini hanno manifestato ulteriori segni:

  • comparsa di dermatite da pannolino dopo un'attenta cura della pelle;
  • arrossamento della pelle nell'ano, che si esprime dopo l'alimentazione.

La maggior parte dei segni della malattia scompare se segui una dieta formulata individualmente.

complicazioni

Se non inizi il trattamento delle allergie alimentari in modo tempestivo, può portare a molte complicazioni molto gravi sotto forma di:

  • shock anafilattico - una grave reazione del corpo alle allergie, spesso porta alla perdita di coscienza a breve termine, ma può anche minacciare la vita del bambino;
  • gonfiore della laringe - a causa di ciò che si sviluppa asfissia e morte si verifica.

diagnostica

Le misure diagnostiche dell'allergia alimentare nei bambini e negli adulti consistono in una serie di strumenti:

  • scoprire l'intensità e la prima volta di sintomi spiacevoli. Inoltre, al medico deve essere detto quali prodotti sono stati usati immediatamente prima dei sintomi delle allergie alimentari;
  • analisi di ciò che ha causato la malattia - ereditarietà, cibo o patologia del tratto gastrointestinale;
  • esame della vittima, in particolare della pelle, congiuntiva, rilevamento di arrossamento del naso ed edema laringeo;
  • analisi generale del sangue, delle secrezioni nasali e delle feci;
  • studio del siero del sangue - grazie al quale è possibile scoprire quale prodotto alimentare è allergico ad un bambino o ad un adulto;
  • test allergico della pelle su cui viene applicata una soluzione speciale con vari allergeni. Se il paziente è allergico a uno degli allergeni applicati, comparirà sulla pelle una bolla rossa. Per l'accuratezza dei risultati di questo test, è necessario che il paziente non abbia alcuna manifestazione di allergie alimentari;
  • ulteriori consulenze presso il terapeuta, ostetrico-ginecologo e pediatra.

Se un bambino o un adulto non presentano sintomi potenzialmente letali e le allergie alimentari si sono verificate per la prima volta, devi comunque essere sicuro e chiamare un'ambulanza. Dopo l'arrivo in una struttura medica, il trattamento di allergia alimentare sarà diretto a:

  • ricezione di assorbenti, che hanno lo scopo di ridurre l'intensità dei sintomi, la rapida rimozione degli allergeni dal corpo e l'accelerazione dei processi di guarigione. Il dosaggio per l'adulto e il bambino sarà diverso, e dovrebbero essere assunti non prima di due ore dopo l'assunzione di altri medicinali;
  • somministrazione di antistaminici che riducono l'infiammazione;
  • l'uso di unguenti terapeutici, ormonali o non ormonali;
  • assunzione di sostanze ormonali - solo con gravi allergie;
  • esclusione di qualsiasi contatto con allergeni.

Inoltre, una dieta speciale è coinvolta nel trattamento delle allergie alimentari, volte a respingere il prodotto e le sue componenti in piatti, che possono causare una reazione nel corpo sotto forma di allergia o complicare il suo corso. La dieta è finalizzata all'eliminazione lenta ma efficace di tutti i sintomi. Dopo il sollievo, non dovresti mangiare cibi che causano allergie. Questo è particolarmente vero per le madri che allattano. Inoltre, ci sono diversi tipi di diete, ciascuna delle quali viene nominata in base al grado di reazione a un particolare prodotto:

  • tipo di dieta non specifico - tutti gli alimenti che possono causare una reazione allergica sono esclusi. Generalmente assegnato nelle fasi iniziali del sondaggio, quando l'agente patogeno rimane inspiegato;
  • dieta di esclusione - durante la quale è severamente vietato mangiare il prodotto e le sue impurità nei piatti in qualsiasi quantità.

La dieta, come unico metodo di prevenzione, è prescritta sia per un paziente adulto che per un bambino. A seconda dell'età, il recupero si verifica nel periodo da una settimana a un mese.

Se pensi di avere allergie alimentari e sintomi caratteristici di questa malattia, i medici possono aiutarti: allergologo, pediatra, medico di famiglia.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

La rinofaringite è un'infiammazione che si forma nella mucosa nasale e faringea. Questa malattia ha somiglianze con due malattie simili, che sono concentrate in questa zona, vale a dire faringite e rinite. In altre parole, la rinofaringite è una complicanza derivante dalla rinite acuta, in cui la mucosa faringea si infiamma, il che rende anche i reclami reali circa il verificarsi di dolore che si verifica durante la deglutizione. A sua volta, la gola diventa arrossata e la sua mucosa acquisisce un ispessimento delle membrane, diventando coperta in alcuni casi con muco o fioritura purulenta.

In una sintesi globale, l'allergia è una malattia che sfortunatamente si manifesta non solo nella primavera della fioritura di massa. Ad esempio, un'allergia al freddo, i cui sintomi sono significativamente diversi dai sintomi di un altro tipo di reazione allergica, si pone, come probabilmente avete indovinato, con l'arrivo del freddo. Inoltre, se sei allergico al freddo - più della malattia vera e propria, allora al momento più caldo dovrai anche prendere in considerazione i fattori che contribuiscono alla sua manifestazione, evitando l'ipotermia e nuotando nell'acqua fredda.

Una condizione di allergia è una maggiore sensibilità che un organismo possiede, manifestata in una peculiare reazione specifica che si verifica in risposta al contatto con determinati elementi che agiscono come allergeni nell'ambiente. L'allergia alla polvere, i cui sintomi sono un po 'più bassi, riteniamo che sia uno dei tipi più comuni di allergia, e si nota in circa l'80% dei pazienti con una diagnosi di asma bronchiale e nel 46% con una diagnosi di rinite allergica e congiuntivite.

Opisthorchiasis è un processo patologico che provoca gravi danni alla milza, fegato, pancreas. I fattori che contribuiscono alla formazione di questa malattia, sono nella sconfitta del colpo di fortuna del corpo. Il decorso della malattia per lungo tempo è caratterizzato da frequenti esacerbazioni che possono provocare il cancro al pancreas e al fegato.

Cos'è ARVI? Le infezioni virali respiratorie acute sono malattie infettive di eziologia virale che colpiscono il corpo attraverso il tratto respiratorio da goccioline trasportate dall'aria. Molto spesso, questa malattia viene diagnosticata nei bambini di età compresa tra 3-14 anni. Come mostrano le statistiche, l'ARVI nei bambini non si sviluppa, solo casi isolati sono stati rilevati quando un bambino era malato di una malattia a quell'età.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Sintomi e trattamento delle malattie umane

La riproduzione dei materiali è possibile solo con il permesso dell'amministrazione e un'indicazione del link attivo alla fonte.

Tutte le informazioni fornite sono soggette a consultazione obbligatoria con il medico!

Domande e suggerimenti: [indirizzo email protetto da javascript]

Popolarmente Sulle Allergie