La psoriasi, o zoster squamoso, è un gruppo di gravi malattie autoimmuni. La malattia è caratterizzata dal coinvolgimento delle cellule del sistema immunitario nel processo patologico, dall'aumentata produzione di citotossine antinfiammatorie. L'eccesso del loro numero porta alla disfunzione della placenta, colpisce il suo apporto di sangue. La psoriasi non crea problemi con la concezione di un bambino, la funzione di riproduzione è spesso preservata.

Quando nasce un bambino, lo sfondo ormonale di una donna cambia durante l'allattamento, a volte serve come un miglioramento delle condizioni della futura madre. I sintomi della malattia possono diminuire o scomparire completamente. Il meccanismo per migliorare la condizione delle donne incinte che soffrono di una tale malattia non è ancora noto alla scienza. Tuttavia, esacerbazione può verificarsi dopo il parto. Ci sono casi in cui la gravidanza è stata il punto di partenza per lo sviluppo della malattia.

Il processo patologico influisce sul decorso della gravidanza nella psoriasi. Una esacerbazione della malattia può portare a aborto spontaneo, parto prematuro o alla nascita di un feto con un peso corporeo inferiore. La gravidanza con psoriasi del primo trimestre può raccontare la natura del flusso dei seguenti periodi e l'esito della gravidanza.

Tipi di sintomi della psoriasi durante la gravidanza

In attesa di un bambino, le donne dovrebbero monitorare attentamente le loro condizioni. I sintomi dello sviluppo di esacerbazione della psoriasi in donne in gravidanza sono diversi.

L'artrite psoriasica in donne in gravidanza è caratterizzata da un aumento del dolore alle articolazioni. Il sintomo è una conseguenza di un aumento del peso corporeo durante la gravidanza, un aumento dello stress sulle articolazioni.

Una forma grave della malattia si manifesta con psoriasi pustolosa generalizzata, causata da un'interruzione ormonale, una violazione del metabolismo della vitamina D. Vi sono eruzioni cutanee nell'addome e nell'inguine sotto forma di placche rosse accompagnate da prurito. Dopo che le pustole compaiono intorno alle placche, si tratta di un tipo di eritema cavitario con un diverso tipo di liquido.

Comuni sintomi di intossicazione si verificano:

  • nausea;
  • diminuzione dell'appetito;
  • vomito;
  • aumento della temperatura;
  • disturbi mentali.

Il motivo principale è un aumento del livello dell'ormone cortisolo, che è prodotto dalle ghiandole surrenali.

Questa forma porta a un parto prematuro. Il trattamento deve essere rapido. I sintomi di solito scompaiono immediatamente dopo l'aborto.

Una forma di psoriasi in donne in gravidanza può manifestarsi con la comparsa di impetigine erpetiforme. La patologia si sviluppa nelle donne che non hanno precedentemente sofferto di questa malattia. L'insorgenza della malattia è associata a disturbi neuroendocrini. Spesso questa forma è presa per l'herpes, anche se l'impetigine non ha nulla a che fare con l'infezione da herpes. La maggior parte degli scienziati considera questa forma della malattia un tipo di psoriasi pustolosa generalizzata. Dopo il parto, l'impetigine scompare, ma con le gravidanze successive, l'impetigine erpetiforme tende a ripresentarsi.

La psoriasi in donne in gravidanza è spesso accompagnata da stati depressivi. La causa di questo sintomo non è stata ancora completamente compresa.

La possibilità di trasmissione di psoriasi al bambino

Geneticamente provato, la predisposizione ereditaria per trasmettere una malattia è del 10% se un genitore è malato. Quando entrambi i genitori hanno la malattia, il rischio di predisposizione è del 50%.

La trasmissione infettiva di psoriasi in donne in gravidanza non è confermata, quindi la gestione naturale del travaglio, l'allattamento al seno non è controindicato.

Gravidanza e psoriasi: come evitare problemi

La psoriasi non è una controindicazione assoluta al concepimento e alla gravidanza. La preparazione, la pianificazione, la gestione della gravidanza nella psoriasi richiede un costante monitoraggio da parte dei medici. Per il concepimento, il trasporto di maggior successo dovrebbe scegliere il momento della remissione della malattia. Quindi il rischio di complicanze è più basso. Dovresti scegliere un periodo con un minor numero di eruzioni cutanee.

Prima di concepire, oltre alla formazione specifica, dovresti sottoporti ad un esame completo. Curare tutti i possibili focolai di infezione, come i denti. Dopo un ciclo di terapia vitaminica, massaggi, cure termali.

Nelle donne in gravidanza prive di squame, c'è un alto rischio di ingrassare. Pertanto, al momento del trasporto di un bambino deve monitorare attentamente il peso. Si raccomanda di fare passeggiate, mangiare in modo corretto ed equilibrato.

La psoriasi con un decorso cronico può contribuire alla nascita di un bambino con basso peso corporeo.

Come trattare l'esacerbazione della psoriasi nel periodo di gestazione

Se si è verificata una esacerbazione della malattia, il trattamento è molto difficile durante questo delicato periodo. Molti farmaci usati per il lichene squamoso influenzano lo sviluppo del feto. Dopo l'uso di alcuni farmaci specifici può sviluppare il rischio di parto prematuro. Durante la gravidanza, cerca di applicare un trattamento che non influenzi lo sviluppo del bambino.

Preferenza è data a rimedi naturali naturali che non hanno un effetto teratogeno (farmaci che causano sviluppo anormale, deformità) che non sono controindicati durante l'allattamento. Un metodo più sicuro durante il periodo di malattia durante la gravidanza e l'allattamento al seno è lo spettro ultravioletto B UVB.

È possibile trattare l'esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza con emollienti che non hanno effetti collaterali negativi durante la gestazione o l'allattamento.

Per la prevenzione, il trattamento degli stati depressivi, vengono utilizzati vari metodi:

  • tè lenitivi alle erbe;
  • lezioni di yoga;
  • trattamenti termali per donne incinte;
  • camminare all'aria aperta;
  • counseling psicoterapeuta.

Durante la gravidanza e dopo l'allattamento, l'uso di droghe di base è proibito. Se è necessario un trattamento urgente con l'uso di farmaci specifici, stiamo parlando di aborto. Se la psoriasi si è sviluppata durante l'allattamento, il trattamento viene effettuato con farmaci specifici e il bambino viene trasferito a un tipo artificiale di alimentazione.

Le donne che soffrono di psoriasi dovrebbero ricordare che la malattia non è una condanna alla mancanza di figli. Il trattamento specifico della psoriasi in donne in gravidanza è impossibile. La pianificazione, un'attenta preparazione per il concepimento consente, a minor rischio, di sopportare e dare alla luce un bambino sano. L'allattamento al seno non è una controindicazione per la remissione della malattia. Dopo il parto, nel caso dell'attivazione della malattia, alla donna viene prescritta una terapia tradizionale.

Psoriasi e gravidanza: come evitare le conseguenze negative?

La psoriasi è una malattia cronica della pelle, manifestata sotto forma di macchie. La psoriasi di per sé non rappresenta un pericolo per il feto durante la gravidanza.

Come ogni malattia, la psoriasi durante la gravidanza può causare alcuni inconvenienti. Tuttavia, la psoriasi nelle donne non è un motivo per rifiutare la maternità.

Una corretta selezione di farmaci aiuterà ad evitare conseguenze negative. Pertanto, è importante sapere come trattarlo durante la gravidanza in modo da non danneggiare il bambino.

Cos'è la psoriasi?

In termini di dimensioni e forma dell'eruzione cutanea, la psoriasi può essere dei seguenti tipi:

  1. Point. La dimensione dell'eruzione in questa forma non è più grande della dimensione della capocchia di spillo.

  • Teardrop. La dimensione dell'eruzione supera leggermente la dimensione della capocchia di spillo.

  • Coin-tipo. Le eruzioni cutanee sono presentate sotto forma di grandi placche rotonde.

  • Figured. La malattia è rappresentata da grandi focolai della malattia, con una forma curva.

  • Anelli. Nella sua forma, l'eruzione si presenta come un anello.

  • Geografica. La fusione, i punti focali della malattia sono una forma bizzarra che assomiglia a una mappa geografica.

  • Serpiginosa. Il focus della malattia è in costante crescita.
  • La psoriasi ha tre stadi: progressivo, stazionario e regressivo.

    Durante la fase progressiva della malattia, nuove eruzioni cutanee compaiono nelle zone di irritazione cutanea. Ad esempio, al posto di scottature o graffi. Questo stadio della malattia dura da una settimana a un mese.

    Dopo il passaggio allo stadio stazionario, non compaiono nuove eruzioni. Le macchie già presenti sulla pelle non aumentano più di dimensioni.

    Durante la fase regressiva, si osserva una diminuzione della desquamazione della pelle. Le placche presenti sul corpo si dissolvono gradualmente, la scolorazione della pelle può essere notata nei luoghi delle eruzioni. La durata della fase regressiva è in genere di diversi mesi.

    I tipi più gravi di psoriasi sono pustolosi e artropatici. La psoriasi pustolosa inizia improvvisamente, con la comparsa di pustole. Sono organizzati in gruppi, mentre la pelle diventa rossa e gonfia.

    La psoriasi artropica colpisce le piccole articolazioni, le dita, le gambe e i piedi. Durante la progressione della malattia, anche le articolazioni grandi sono colpite.

    Questa forma della malattia è in grado di deformare le ossa, a causa della quale la mobilità di una persona è limitata. Insieme a una tale malattia, possono verificarsi contemporaneamente unghie, anale e arresto della psoriasi.

    La forma media della psoriasi di solito colpisce dal 3% al 10% della pelle. In forma lieve, viene colpito meno del 3% della pelle.

    Psoriasi. Come sbarazzarsi degli inestetismi della pelle? Il programma "Live è fantastico!"

    diagnostica

    La psoriasi si esprime sotto forma di punti rossi sporgenti ricoperti da scaglie di pelle secca. Molto spesso le macchie possono essere trovate sui gomiti e sulle ginocchia, ma possono verificarsi su qualsiasi altra parte del corpo. A volte le macchie possono essere accompagnate da leggero prurito.

    Nella psoriasi, c'è una forte esfoliazione delle cellule morte della pelle, che di solito assomiglia alla forfora. A volte le unghie deformate esfoliate diventano un segno di psoriasi.

    Ci possono essere vesciche sui piedi o sui palmi, compaiono crepe dolorose sulla pelle.

    La psoriasi può essere accompagnata da sentimenti di stanchezza cronica, debolezza generale e stato depressivo.

    Qual è la psoriasi pericolosa durante la gravidanza?

    Durante la gravidanza, la psoriasi si presenta in forma più lieve, ma dopo il parto il decorso della malattia diventa più difficile.

    La psoriasi può in qualche modo influenzare negativamente il corso della gravidanza? Una esacerbazione della malattia durante la gravidanza può portare a aborto spontaneo, parto prematuro e anche alla nascita di un bambino con sottopeso.

    La psoriasi è una malattia ereditaria. La probabilità di insorgenza della malattia in un bambino è del 10% se uno dei genitori ha la psoriasi. Se entrambi i genitori hanno la malattia, allora nel 50% dei casi si verifica anche nel bambino.

    I farmaci sono in grado di danneggiare il bambino, di solito preso in psoriasi. La maggior parte delle droghe di azione sistemica è cancellata a causa del fatto che sono pericolose per il feto.

    Alcuni preparati topici sono anche cancellati, in quanto possono essere assorbiti attraverso la pelle ed entrare nel sangue.

    Psoriasi: cause e conseguenze. Il programma "Informazioni più importanti"

    Caratteristiche del trattamento

    La maggior parte dei medici è convinta che valga la pena astenersi dal trattare la psoriasi durante la gravidanza, o utilizzare solo i metodi più sicuri per evitare eventuali difetti alla nascita. Qual è il trattamento della psoriasi durante la gravidanza?

    Durante il primo trimestre non è raccomandato l'uso di droghe di azione sistemica. È severamente vietato l'uso di Metotrexato, Retinoidi e terapia PUVA.

    È meglio limitare il mantenimento del livello ottimale di umidità della pelle, per evitare che si asciughi per rallentare la progressione della malattia.

    Nel secondo e terzo trimestre, è consentito l'uso di glucocorticoidi, in particolare il cortisone.

    Tuttavia, vale la pena notare che un tale farmaco può aumentare il rischio di smagliature, quindi non è consigliabile applicarlo sullo stomaco, sulle cosce e sul torace.

    Se la malattia è grave, la donna incinta può usare Ciclosporina. In rari casi è possibile utilizzare l'urea e l'acido salicilico.

    Il trattamento efficace della psoriasi dipende dalla dieta. Si raccomanda di escludere dalla dieta agrumi, uova, cioccolato, miele, latte intero e prodotti contenenti pigmento rosso (ad esempio fragole, pomodori, peperoncino).

    Durante la remissione della malattia, questi prodotti possono essere consumati, ma in piccole quantità.

    prevenzione

    Se una persona è incline all'insorgenza della psoriasi, un danno meccanico alla pelle, uno stato di stress e una grave influenza, un raffreddore o mal di gola può diventare un impeto per il suo aspetto.

    La psoriasi può verificarsi a causa di una reazione allergica al cibo, a causa di condizioni ambientali o indossando abiti sbagliati.

    Poiché la causa della psoriasi è spesso lo stress, si raccomanda di assumere vari sedativi che hanno un effetto lieve, ad esempio, la tintura di motherwort o l'estratto di valeriana. Le persone inclini alla psoriasi hanno bisogno di riposo regolare.

    Come prevenzione della malattia, non è consigliabile indossare sintetici, soprattutto biancheria intima. Inoltre, non dovresti indossare oggetti di lana o fare in modo che non si adattino al corpo.

    È preferibile rimuovere tutti i cuscini di piume e piumini, utilizzando invece ipoallergenici.

    Psoriasi e gravidanza

    Per identificare la relazione tra i cambiamenti ormonali e la natura del decorso della psoriasi, sono stati condotti diversi studi.

    Tuttavia, molte donne già notano che la gravidanza allevia la loro malattia e la menopausa si aggrava. Secondo gli esperti, i cambiamenti nella natura del decorso della psoriasi nelle diverse fasi del periodo riproduttivo nelle donne sono dovuti a fluttuazioni ormonali, ma non si possono escludere le azioni di altri fattori, finora sconosciuti.

    Cos'è la psoriasi?

    La psoriasi è una malattia cronica della pelle causata da fattori genetici, immunologici ed esterni. I fattori esterni che possono scatenare la malattia includono lo stress, l'uso di determinati farmaci e malattie infettive. Le fluttuazioni ormonali nelle donne possono anche influenzare il decorso della malattia, determinando la comparsa di nuove lesioni o, al contrario, il miglioramento delle condizioni della pelle.

    Come si verifica la psoriasi durante la gravidanza?

    La maggior parte delle donne afferma che durante la gravidanza la malattia è più facile e, dopo il parto, il suo corso diventa più grave. Durante la menopausa, la malattia diventa spesso più grave. Inoltre, la psoriasi inizia spesso durante la menopausa.

    Sebbene la relazione tra i cambiamenti ormonali e il decorso della psoriasi sia stata studiata in diversi studi, non è ancora noto quali meccanismi ormonali scatenano la psoriasi e ne influenzano il decorso.

    Cause non ormonali di psoriasi

    Si ritiene che lo sviluppo della malattia e le sue esacerbazioni possano essere dovute ad altri fattori non ormonali. Secondo alcuni esperti, l'insorgenza frequente di psoriasi nell'adolescenza non significa necessariamente che i cambiamenti ormonali siano l'unica causa della malattia. Forse questo è il risultato di uno speciale programma genetico.

    Sebbene alcune donne riferiscano che il decorso della psoriasi dipende dallo stadio del ciclo mestruale, i dati della ricerca non confermano che le fluttuazioni ormonali durante il ciclo mestruale possono influenzare il decorso di questa malattia. Non esiste inoltre una chiara evidenza che i contraccettivi orali abbiano un effetto positivo o negativo sulla psoriasi.

    La psoriasi è pericolosa durante la gravidanza?

    La psoriasi non è un ostacolo alla gravidanza e non pregiudica la fertilità nelle donne.

    Molti pazienti con psoriasi hanno paura che la loro malattia possa andare ai loro figli. Dal momento che la psoriasi non è contagiosa, puoi tranquillamente allattare il bambino e premerlo senza timore di trasmissione della malattia. Tuttavia, la psoriasi può avere una predisposizione genetica. Secondo gli studi, se uno dei genitori è malato, il rischio di trasmettere la psoriasi alla prole è dell'8-15%, se entrambi sono compresi tra il 50% e il 60%.

    Le donne che soffrono di psoriasi hanno spesso paura di rimanere incinta. Si fanno domande: lo sviluppo del bambino non sarà disturbato, potranno nutrirlo, la gravidanza peggiorerà il decorso della psoriasi, non danneggerà il trattamento che usano per il bambino?

    Come viene trattata la psoriasi in donne in gravidanza?

    Il trattamento della psoriasi in donne in gravidanza è difficile, specialmente se è grave. Durante la gravidanza, le donne dovrebbero interrompere il trattamento con la maggior parte dei farmaci per uso sistemico, in quanto possono portare a compromissione dello sviluppo intrauterino.

    Se una donna sta pianificando una gravidanza, dovrebbe avvisare il dermatologo in anticipo. Quindi il dermatologo sarà in grado di decidere se continuare il precedente trattamento per la psoriasi durante la gravidanza e di prescrivere un altro trattamento, se necessario.

    Le donne che soffrono di artrite psoriasica durante la gravidanza possono avvertire un aumento del dolore alle articolazioni a causa dell'aumento di peso.

    In che modo esattamente la gravidanza influisce sulla psoriasi?

    La maggior parte degli studi condotti su donne incinte mostra che la gravidanza influisce sulla psoriasi.

    Uno studio statunitense * che ha coinvolto 248 donne affette da psoriasi ha rivelato cambiamenti ormonali che si verificano durante la gravidanza e la menopausa, che possono influire sul decorso della psoriasi.

    Lo studio ha mostrato che nel 30-40% delle donne intervistate durante la gravidanza, la psoriasi ha preso un decorso più leggero, che di solito è stato osservato nel primo trimestre di gravidanza. Circa il 20% delle donne ha riferito che la gravidanza ha aggravato la loro malattia, il resto non ha notato alcun cambiamento. Lo studio ha anche rilevato che l'età delle donne in gravidanza e la gravità della psoriasi non influenzano il suo corso. Secondo un altro studio, la gravidanza migliora le condizioni dei pazienti con psoriasi nel 63% dei casi. In alcune donne, un significativo miglioramento si è verificato durante la gravidanza, manifestato da ipopigmentazione nelle lesioni.

    I cambiamenti durante la psoriasi (in peggio o in meglio) durante la prima gravidanza rendono possibile prevedere come procederà durante le successive gravidanze. Lo studio sopra riportato ha dimostrato che nell'87% delle madri con più figli ogni gravidanza era accompagnata da cambiamenti simili nel corso della psoriasi.

    Perché la condizione dei pazienti affetti da psoriasi migliora durante la gravidanza?

    Sebbene le ragioni per il miglioramento della condizione dei pazienti con psoriasi durante la gravidanza siano sconosciute, possono essere fornite diverse spiegazioni. Alcuni ricercatori ritengono che questo miglioramento sia dovuto all'aumento dei livelli di estrogeni e progesterone. Forse l'effetto immunosoppressivo transitorio di questi ormoni inibisce le reazioni autoimmuni nella psoriasi.

    Altri ricercatori sottolineano il ruolo positivo del cortisone. Il fatto è che il cortisone ha un effetto antinfiammatorio e durante la gravidanza il suo livello nel corpo aumenta, così l'infiammazione causata dalla psoriasi diventa meno pronunciata (come quando si usa una crema con cortisone).

    È ovvio che l'effetto positivo della gravidanza sul decorso della psoriasi è dovuto a molti fattori. Forse il principale è l'aumento dei livelli di cortisolo nelle donne incinte secrete dalle ghiandole surrenali sia della madre che del feto. Tuttavia, è altrettanto probabile che questo possa essere collegato ad altre sostanze non ancora stabilite.

    In alcuni casi (meno di un quarto), la gravidanza ha un effetto negativo sul decorso della psoriasi.

    Le ragioni di ciò, come già accennato, sono sconosciute, ma è possibile che questo possa essere un disturbo legato allo stress del metabolismo ormonale.

    Qual è l'impetigine erpetiforme?

    In alcune donne, la psoriasi è iniziata durante la gravidanza.

    L'impetigine erpetiforme è una delle varianti cliniche della psoriasi pustolosa generalizzata, che si verifica in genere durante la gravidanza.

    Questa è una forma estremamente difficile, ma fortunatamente, molto rara di psoriasi. Di solito si sviluppa nel terzo trimestre di gravidanza o subito dopo la nascita.

    Circa un terzo delle donne che soffrono di questa forma di malattia, la psoriasi è iniziata prima o ci sono indicazioni di psoriasi nella storia familiare.

    Si ritiene che le fluttuazioni ormonali e il metabolismo compromesso della vitamina D portino a esacerbazioni della psoriasi pustolosa nelle donne in gravidanza.

    Sintomi di impetigine erpetiforme

    La sconfitta spesso inizia con le pieghe della pelle. Le placche rosse iniziano a diffondersi in tutto lo stomaco e l'inguine, a volte accompagnate da prurito. Pustole compaiono intorno alle placche. A volte le mucose sono coinvolte nel processo patologico.

    L'impetigine erpetiforme è accompagnata da un deterioramento della salute generale. Insieme ad altri sintomi, i pazienti possono manifestare nausea, febbre e disturbi mentali.

    I glucocorticoidi sono in genere inefficaci, quindi gli antibiotici vengono spesso prescritti durante le esacerbazioni.

    Questa forma di psoriasi ha spesso gravi conseguenze per il feto, nella metà dei casi che portano ad aborto spontaneo.

    Psoriasi pustolosa

    La psoriasi pustolosa che si verifica durante la gravidanza di solito scompare dopo il parto. Sebbene nell'82% dei casi si sviluppi durante la prima gravidanza, il rischio di esacerbazione persiste nelle successive gravidanze.

    Nei primi tre mesi dopo il parto, la maggior parte delle donne che soffrono di psoriasi, l'eruzione riappare sulla pelle, anche in quelle aree dove c'era un miglioramento in precedenza. Tuttavia, i dati di diversi studi sono ambigui.

    Alcuni studi mostrano che in circa l'88% delle donne nei primi quattro mesi dopo la nascita, la psoriasi peggiora.

    Secondo uno studio condotto negli Stati Uniti, il 41% delle donne subito dopo il parto esacerba, ma il 55% delle donne non nota alcun cambiamento nella natura della malattia in questo periodo.

    Trattamento della psoriasi durante la gravidanza

    La scelta dei farmaci per il trattamento della psoriasi durante la gravidanza è piccola, poiché la maggior parte di essi sono tossici per il feto.

    Durante la gravidanza, la psoriasi può diventare più facile, che può ridurre la dose o cancellare alcuni farmaci.

    Le donne incinte hanno bisogno di monitorare attentamente la pelle, non permettendo che si asciughi.

    Trattamento della psoriasi topica

    Poiché la maggior parte dei farmaci per l'uso sistemico durante la gravidanza deve essere cancellata, il dermatologo viene lasciato a prescrivere i mezzi della terapia locale.

    Tuttavia, questi farmaci non sono privi di effetti collaterali, perché possono essere assorbiti attraverso la pelle. Alcuni di essi sono controindicati nelle donne in gravidanza perché hanno un effetto teratogeno. Fatta eccezione per gli emollienti, che non rappresentano un pericolo né per la madre né per il feto, i restanti trattamenti topici possono essere applicati solo su aree cutanee limitate.

    Prodotti locali, il cui uso durante la gravidanza dovrebbe essere evitato:

    I derivati ​​della vitamina A sono controindicati durante la gravidanza perché hanno un effetto teratogeno.

    Derivati ​​della vitamina D - possono essere usati in quantità molto ridotte e in aree del corpo molto limitate.

    Prodotti locali approvati:

    Emollienti - creme lenitive e idratanti possono essere utilizzate senza alcun rischio.

    I glucocorticoidi (cortisone) - a volte possono essere usati in piccole quantità in aree molto limitate della pelle. Questi farmaci possono aumentare il rischio di smagliature, quindi non dovrebbero essere applicati sulla pelle in alcune aree del corpo, comprese le ghiandole mammarie, l'addome e le spalle.

    Gli agenti esfolianti, inclusa l'urea e l'acido salicilico, possono essere utilizzati su aree limitate della pelle.

    Trattamento sistemico della psoriasi

    La maggior parte dei trattamenti sistemici per la psoriasi hanno un effetto teratogeno, cioè possono portare a gravi anomalie dello sviluppo fetale. Il rischio di azione teratogena è particolarmente alto nel primo trimestre di gravidanza. Pertanto, la maggior parte dei farmaci per la somministrazione orale durante la gravidanza si annulla.

    Farmaci sistemici, il cui uso durante la gravidanza dovrebbe essere evitato:

    L'atsitretina (e altri retinoidi) e il metotrexato possono causare gravi difetti alla nascita e portare all'aborto spontaneo. Durante il trattamento con questi farmaci, le donne dovrebbero usare i contraccettivi. È possibile pianificare una gravidanza solo pochi mesi dopo l'abolizione di questi farmaci (dopo l'abolizione dell'acitretina, due mesi devono passare, dopo l'abolizione del metotrexato, quattro mesi) per attendere la loro completa eliminazione dal corpo.

    Va notato che il metotrexato influenza la spermatogenesi. Pertanto, se il marito usa il metotrexato, durante il trattamento e per tre mesi dopo che è stato cancellato, la coppia dovrebbe utilizzare i contraccettivi.

    La terapia PUVA può essere una minaccia per il feto, perché prima della sessione UV il paziente utilizza psoraleni (fotosensibilizzanti).

    Mezzi di azione sistemica consentiti per la psoriasi con lesioni estese durante la gravidanza:

    La ciclosporina è sicura per il feto, ma ha un effetto collaterale sul corpo della madre. Consentito durante la gravidanza solo nella psoriasi grave.

    Fototerapia UV-B - La fototerapia a banda stretta, utilizzata per il trattamento di lesioni estese nella psoriasi, è sicura durante la gravidanza.

    Allattamento al seno con psoriasi

    Le donne che soffrono di psoriasi, comprese quelle che si ammalano durante la gravidanza e dopo il parto, possono allattare al seno.

    Evitare l'allattamento al seno è solo per le donne che usano farmaci sistemici o rimedi locali su ampie aree della pelle, dal momento che questi farmaci possono essere assorbiti nel latte e nel corpo del bambino.

    Psoriasi durante la gravidanza: caratteristiche, trattamento

    La psoriasi e la gravidanza sono un argomento particolarmente interessante. La psoriasi non è né pericolosa per la madre né per il bambino, poiché la malattia non è contagiosa e non viene trasmessa con il latte materno. Alcune donne hanno completamente la psoriasi. È meglio rifiutare il trattamento e usare solo cosmetici che alleviano il prurito e la pelle secca.

    Considerare le caratteristiche della psoriasi durante la gravidanza.

    In che modo la gravidanza influisce sulla psoriasi

    Psoriasi durante la gravidanza

    Durante la gravidanza, si verificano cambiamenti ormonali nel corpo di una donna, che facilitano il decorso di alcune malattie e aggravano il corso degli altri.

    Secondo la maggior parte delle donne, durante la gravidanza, l'eruzione psoriasica è diminuita, la malattia ha iniziato a fluire più facilmente. Tuttavia, l'esacerbazione della psoriasi inizia di solito dopo la gravidanza.

    Non vi è alcuna prova di come i contraccettivi orali influenzano il decorso della psoriasi, anche qui, possono essere giudicati solo dalle recensioni, che sono divise approssimativamente a metà.

    In che modo la madre psoriasi colpisce un bambino

    La psoriasi è ereditata

    Molte persone si chiedono: cosa minaccia la psoriasi durante la gravidanza? Non è pericoloso ammalarsi se non è una forma grave, ad esempio l'eritroderma psoriasico. In questo caso, solo il medico sarà in grado di prescrivere il trattamento necessario senza rischi per il bambino.

    La psoriasi non è una malattia contagiosa, non viene trasmessa attraverso il latte materno o quando viene toccata.

    Tuttavia, la malattia è ereditaria. Se solo la madre è malata o solo il padre, il rischio di psoriasi in un bambino è dell'8-15%. Se entrambi i genitori sono malati - 50-60%.

    Psoriasi durante la gravidanza: trattamento

    Durante la gravidanza, sii doppiamente attento e leggi le istruzioni speciali per i farmaci.

    In ogni caso, indipendentemente dal metodo scelto, monitorare il proprio benessere e interrompere il trattamento per eventuali segni di deterioramento.

    Pochi trattamenti per la psoriasi sono adatti se stai aspettando un bambino. E mamme e medici raccomandano di interrompere completamente il trattamento durante questo periodo.

    Considerare i rimedi che aiutano a ridurre i sintomi particolarmente sgradevoli - prurito, desquamazione e idratazione della pelle.

    fototerapia

    Dei metodi di fototerapia per la psoriasi durante la gravidanza, solo UV 311 nm è adatto. Il metodo non ha controindicazioni, perché non è necessario assumere droghe.

    Per il trattamento della psoriasi testa in gravidanza è conveniente utilizzare una lampada a 311 nm per il trattamento della psoriasi. Per prima cosa è necessario rimuovere le squame e le croste dal cuoio capelluto: è conveniente farlo con uno shampoo contro la psoriasi, che non contenga ormoni. Quindi irradiare secondo le istruzioni. Le sessioni si tengono ogni altro giorno.

    Categoricamente è impossibile usare la terapia PUVA. Le medicine che vengono utilizzate con questo metodo hanno molti effetti collaterali.

    Inoltre, prima della gravidanza, è opportuno massimizzare il trattamento per la psoriasi. Per questo trattamento perfetto in un sanatorio. La luce solare rimuove le lesioni psoriasiche in 1-2 settimane, a seconda della gravità della malattia.

    Trattamento di rimedi popolari

    La medicina tradizionale non ha praticamente controindicazioni. Tuttavia, dovrebbero essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico.

    Gli oli essenziali sono particolarmente efficaci durante la gravidanza - aiutano a portare i nervi in ​​ordine e migliorare l'umore, lenire.

    L'olio essenziale di pino allevia l'infiammazione, stimola la circolazione sanguigna, allevia il dolore.

    Il pepe nero (olio) stimola la circolazione sanguigna, allevia il dolore e gli spasmi vascolari.

    Maggiori informazioni su altri metodi popolari nell'articolo "53 metodi popolari contro la psoriasi".

    farmaci

    Le compresse e le soluzioni per uso interno non possono essere utilizzate solo nei casi gravi di psoriasi e solo se prescritte da un medico.

    Unguenti e creme

    I farmaci ormonali non possono essere utilizzati durante la gravidanza.

    Dopo aver consultato il medico e sotto il suo controllo, puoi usare unguenti con una composizione naturale:

    Crema Super Psori

    • unguento salicilico;
    • Unguento di Kartalin;
    • Crema super psoria (notare l'olio di grasso e naftalan nella composizione).

    Nel forum per il trattamento della psoriasi, si raccomanda di usare metodi di trattamento con parsimonia o di abbandonarli del tutto:

    Recensione della psoriasi Sofi

    Feedback sulla psoriasi durante la gravidanza utente Natalka

    Feedback sulla psoriasi durante la gravidanza Lika

    Feedback sulla psoriasi durante la gravidanza utente Olga

    Revisione della psoriasi durante la gravidanza utente Aronka

    risultati

    La psoriasi viene ereditata nell'8-15% dei casi se solo un genitore è malato.

    Durante la gravidanza, l'eruzione psoriasica, il più delle volte, diminuisce. Ma a volte peggiorano nel primo trimestre, ma non preoccuparti. Entro la metà della gravidanza, passa e alcune placche scompaiono completamente.

    Durante la gravidanza, è necessario interrompere il trattamento. È consentito utilizzare solo cosmetici che idratano la pelle e alleviano il prurito.

    Inoltre, l'ultravioletto 311 nm può essere usato per trattare la psoriasi durante la gravidanza.

    Psoriasi durante la gravidanza

    La psoriasi è una malattia cronica non infettiva che colpisce principalmente la pelle. La malattia si verifica principalmente nelle giovani donne, anche durante la gravidanza. Il decorso della psoriasi nelle future mamme dipende in gran parte dalla gravità iniziale della condizione, nonché dalle caratteristiche individuali della risposta del sistema immunitario.

    motivi

    La psoriasi è ugualmente comune negli uomini e nelle donne. Per lo più persone di età compresa tra 15 e 30 anni sono ammalate. Il primo episodio della malattia di solito si verifica nell'adolescenza. Non è sempre possibile capire la causa esatta e i fattori scatenanti dello sviluppo della psoriasi in un particolare paziente.

    La psoriasi appartiene al gruppo di malattie autoimmuni. Ciò significa che il proprio sistema immunitario reagisce contro le cellule del corpo, distruggendole e interferendo con il normale funzionamento di organi e tessuti. Si verifica una produzione anormale di anticorpi aggressivi, che portano alla formazione di infiammazione autoimmune e allo sviluppo di tutti i principali sintomi della malattia.

    Nella psoriasi, prevalentemente la pelle è colpita. Possibile coinvolgimento nel processo patologico degli organi interni e delle articolazioni. Fino al 10% di tutti i pazienti con psoriasi soffre di artrite psoriasica.

    Fattori di rischio per la psoriasi:

    • predisposizione genetica;
    • lo stress;
    • malattie infettive;
    • danno meccanico alla pelle;
    • cattive abitudini (dipendenza da nicotina e alcol);
    • prendendo alcuni farmaci (anti-infiammatori, anti-ipertensivi, ecc.).

    Le ragioni esatte per lo sviluppo della psoriasi non sono ancora chiare. Un grande ruolo è dato ai meccanismi genetici di trasmissione della malattia. Si presume che i geni responsabili dello sviluppo della psoriasi influiscano sul funzionamento del sistema immunitario e, soprattutto, sui linfociti T. Nel 50% dei pazienti viene rilasciato il gene PSORS1, che è considerato il principale colpevole nello sviluppo della psoriasi.

    La teoria del virus della psoriasi non è stata confermata. Allo stesso tempo, è noto che la malattia si manifesta spesso dopo aver sofferto di influenza, tonsillite o altre malattie infettive. Non si tratta dell'azione distruttiva diretta dei microrganismi, ma della reazione individuale del sistema immunitario in risposta all'ingresso di virus e batteri nel sangue. La probabilità di sviluppare la psoriasi aumenta dopo aver sofferto di gravi infezioni.

    Si nota che la malattia si verifica spesso sullo sfondo di lesioni cutanee stafilococciche e streptococciche e micosi (infezione fungina). Alcuni esperti ritengono che questo sia un fattore stimolante, altri sostengono che micosi e altre malattie della pelle si presentano come una delle complicanze della psoriasi. La probabilità di sviluppare la malattia aumenta nelle donne con infezione da HIV.

    La psoriasi si verifica spesso nelle persone con pelle secca e sottile, soggetta allo sviluppo di reazioni allergiche. Nelle aree di pelle grassa, la malattia è estremamente rara. I primi punti focali si trovano solitamente in punti di attrito o lesioni. Il rischio di sviluppare la psoriasi è aumentato nelle donne che lavorano in industrie pericolose e in costante contatto con sostanze aggressive per la pelle.

    Sintomi della pelle della psoriasi

    La psoriasi si verifica più spesso nell'adolescenza molto prima della prima gravidanza. L'attesa del bambino può esacerbare la malattia sullo sfondo di cambiamenti ormonali e cambiamenti nella risposta immunitaria del corpo. In rari casi, il primo episodio di psoriasi si verifica durante la gravidanza.

    • comparsa di placche psoriasiche tipiche;
    • ispessimento della pelle;
    • prurito;
    • peeling.

    La placca psoriasica è un sito di ispessimento della pelle di colore grigio pallido. In apparenza, la placca assomiglia alla cera congelata. L'educazione può essere localizzata ovunque sulla pelle, incluso il cuoio capelluto. Localizzazione preferita delle placche psoriasiche - superfici estensori delle braccia e delle gambe nella zona delle articolazioni.

    La triade psoriasica è un sintomo caratteristico che consente di distinguere questa patologia da altre lesioni cutanee autoimmuni. La triade consiste di tre fenomeni, che si sostituiscono l'uno con l'altro durante l'attrito o altri effetti sulla placca psoriasica:

    • il fenomeno delle macchie steariche (placca di sfregamento con esso, scaglie di scia, simile alla stearina);
    • il fenomeno del film terminale (dopo aver rimosso i fiocchi, viene esposta una superficie lucida che assomiglia a un film);
    • il fenomeno del sanguinamento puntuale (dopo la rimozione del film terminale si verifica un leggero sanguinamento).

    Il sintomo di Kebner è un'altra manifestazione caratteristica della psoriasi. Quando la pelle danneggiata libera da eruzioni cutanee, nuove placche appaiono piuttosto rapidamente su di esso. Dato che la maggior parte delle donne con psoriasi soffre di prurito, la diffusione della malattia si verifica abbastanza rapidamente.

    Una caratteristica distintiva della psoriasi è la presenza di un "cane da guardia". Dopo completa detersione della pelle sullo sfondo del trattamento, una placca rimarrà sicuramente su una delle aree della pelle (di solito sulle superfici estensorie di braccia e gambe). In futuro, l'esacerbazione della malattia andrà nell'area dove rimane la "placca di guardia".

    La psoriasi è una malattia cronica. La medicina moderna può solo rallentare la progressione della malattia ed eliminare il difetto estetico, ma non garantisce una cura completa. Il recupero dalla psoriasi in rari casi si verifica spontaneamente e non è praticamente correlato all'intensità del trattamento. L'autoguarigione si verifica spesso negli adolescenti dopo la pubertà. Nell'età adulta, il pieno recupero è abbastanza raro.

    Manifestazioni extracutanee di psoriasi

    Fino al 10% di tutte le donne soffre dello sviluppo di artrite psoriasica. In questa condizione, le articolazioni del gomito e del ginocchio sono interessate, così come le piccole articolazioni delle mani e dei piedi. L'infiammazione di un organo è estremamente rara. Molto spesso diverse articolazioni sono coinvolte nel processo patologico da uno o due lati.

    L'artrite psoriasica si manifesta molti anni dopo la comparsa dei primi sintomi cutanei della malattia. La stessa gravidanza può causare la progressione della malattia e il passaggio dell'infiammazione alle articolazioni. Le fluttuazioni del background ormonale e la reattività alterata del sistema immunitario causano anticorpi aggressivi per iniziare a lavorare contro le cellule della cartilagine. I sintomi della pelle della malattia di solito compaiono insieme a danni alle articolazioni.

    Sintomi di artrite psoriasica:

    • dolore nell'articolazione colpita;
    • limitazione della mobilità articolare;
    • arrossamento e gonfiore della pelle attorno all'articolazione.

    Oltre alle lesioni cutanee, la maggior parte delle donne sviluppa un cambiamento nella lamina ungueale. Possibile danno agli organi interni - cuore, fegato, reni. I cambiamenti sistemici nella psoriasi sono rari e di solito si verificano dopo molti anni di malattia attiva.

    Corso di psoriasi durante la gravidanza

    Predire in anticipo come si comporterà una malattia durante la gravidanza è abbastanza difficile. In alcune future mamme, la pelle e le manifestazioni articolari della patologia si placano e non si fanno sentire fino alla nascita. Probabilmente, l'aumento temporaneo del cortisolo, l'ormone delle ghiandole surrenali, è da biasimare. Il cortisolo riduce l'attività del processo infiammatorio e rallenta la progressione della malattia. Un tale percorso di psoriasi è più favorevole e aumenta significativamente le possibilità di portare e avere un bambino sano.

    I cambiamenti ormonali durante la gravidanza possono portare alla progressione della malattia. Esacerbazioni della psoriasi sono possibili in qualsiasi fase della gravidanza e nel periodo postpartum. Una piccola percentuale di future madri sviluppa una grave forma di patologia - psoriasi pustolosa generalizzata. Le placche tipiche appaiono su tutta la superficie del corpo. C'è forte prurito, graffi. Spesso si unisce a un'infezione batterica secondaria. Sullo sfondo del deterioramento delle condizioni generali, l'aborto è possibile in qualsiasi momento.

    L'artrite psoriasica è quasi sempre esacerbata durante la gravidanza. Ciò è dovuto al rapido aumento del peso corporeo, soprattutto nel periodo dopo 20 settimane. Ci sono dolori alle articolazioni, la loro mobilità è disturbata. Dopo il parto, le manifestazioni di artrite psoriasica sono marcatamente ridotte.

    Dopo il parto, la maggior parte delle donne sperimenta un'esacerbazione della psoriasi. Nuove placche appaiono su tutta la superficie del corpo, incluso il cuoio capelluto. La durata e la gravità dell'esacerbazione dipenderanno dall'attività complessiva del processo infiammatorio.

    Complicanze della gravidanza

    L'esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza può causare lo sviluppo di tali condizioni:

    • aborto nelle prime fasi;
    • consegna pretermine;
    • insufficienza placentare;
    • ipossia cronica del feto e ritardato il suo sviluppo.

    Tutte le complicanze della gravidanza non sono specifiche e sono associate a cambiamenti nella reattività generale del corpo e all'attivazione del processo infiammatorio nella pelle, nelle articolazioni e negli organi interni.

    Conseguenze per il feto

    È noto che una donna che soffre di psoriasi, con una probabilità del 10%, nascerà un bambino con una patologia simile. Con la presenza della malattia in entrambi i genitori, il rischio di sviluppare la malattia aumenta al 50%. Non è la malattia in sé che viene ereditata, ma solo una predisposizione ad essa. Ciò significa che è probabile che il bambino nascerà sano, ma tutta la sua vita sarà a rischio per lo sviluppo della psoriasi. In questo caso, la malattia potrebbe non apparire mai nemmeno nella forma più lieve.

    È importante ricordare: la psoriasi non è contagiosa. La malattia non viene trasmessa al feto attraverso la placenta e non ha un impatto diretto sul suo sviluppo. La probabilità di nascita di un bambino con una forma congenita di psoriasi è estremamente bassa. Molto spesso, la malattia si manifesta negli adolescenti in presenza di una certa predisposizione genetica e sotto l'influenza di altri fattori provocatori.

    Pianificazione della gravidanza per la psoriasi

    La psoriasi non è una controindicazione per la gestazione e il parto. Per il concepimento, dovresti scegliere il tempo senza esacerbare la malattia. Dopo la scomparsa dell'ultima eruzione dovrebbe prendere almeno 1 mese. Dopo questo è permesso di pianificare il bambino. Se la malattia procede senza lunghi periodi di remissione, è necessario scegliere il tempo con la minor quantità di eruzioni cutanee e altre manifestazioni di psoriasi.

    Prima di concepire un bambino, dovresti visitare un medico e sottoporlo a un esame completo da uno specialista. Non sarebbe superfluo sbarazzarsi dei focolai di infezione cronica: curare i denti, sottoporsi a un ciclo di terapia in presenza di malattie delle prime vie respiratorie. Qualsiasi infezione durante la gravidanza può provocare una esacerbazione della psoriasi e causare lo sviluppo di complicanze.

    Metodi di trattamento

    Il trattamento della psoriasi durante la gravidanza dovrebbe essere trattato da un reumatologo. La terapia viene effettuata sotto la supervisione obbligatoria di un ginecologo, che valuta le condizioni della donna, il corso della gravidanza e lo sviluppo del feto. Il regime di trattamento viene selezionato individualmente, tenendo conto della gravità delle condizioni del paziente e del periodo di gestazione.

    Se la donna incinta prende in continuazione medicinali per la psoriasi, dovrebbe essere sicura di informare il suo medico sull'eventualità di una gravidanza. Molti farmaci sono vietati per l'uso nel periodo di attesa del bambino. Alcuni farmaci attraversano la placenta e possono portare alla formazione di varie malformazioni fetali, aborto e altre complicazioni gravi della gravidanza.

    Per il trattamento della psoriasi vengono utilizzati tali farmaci:

    • steroidi;
    • immunosoppressori;
    • significa che migliora la microcircolazione nella pelle.

    Durante la gravidanza vengono utilizzati principalmente preparati ormonali di azione locale. Questi possono essere varie creme e unguenti con debole attività corticosteroidea, che sono considerati relativamente sicuri per il feto. I prodotti locali vengono applicati sulla pelle interessata con uno strato sottile. La durata della terapia è determinata dal medico che osserva la donna incinta.

    I corticosteroidi sistemici e gli immunosoppressori non vengono praticamente utilizzati durante la gravidanza. Il loro uso è giustificato solo nella malattia grave. In ogni caso, il regime di trattamento viene selezionato individualmente e tenendo conto di tutti i possibili rischi per il feto in crescita.

    Grande importanza nel trattamento della psoriasi viene data alla cura della pelle:

    1. Al momento della esacerbazione della malattia fare una doccia calda (temperatura dell'acqua non superiore a 36 gradi). Rinunciare a fare il bagno in bagno
    2. Non usare luffa o prodotti per la cura della pelle.
    3. Dopo la doccia, non dimenticare di creme e lozioni emollienti studiate appositamente per la pelle secca. Controlla con il tuo dermatologo, il che significa che sono più adatti per la psoriasi.
    4. Dopo le procedure dell'acqua, non strofinare con un asciugamano. Battere delicatamente la pelle con un panno morbido, facendo attenzione a non toccare la placca e le aree deselezionanti della pelle.

    Al di fuori della esacerbazione della malattia, si consiglia alla futura madre di visitare il sole il più spesso possibile. Un buon effetto è visto dal nuoto in acqua di mare salata. Un luogo eccellente per la prevenzione della psoriasi sono le località del Mar Morto. Nel periodo di esacerbazioni dall'esposizione al sole dovrebbe essere abbandonato.

    La psoriasi è una malattia cronica, lentamente progressiva, che può interrompere la gravidanza normale e il parto. Quando i primi sintomi di psoriasi o esacerbazione della malattia in attesa del bambino, è necessario consultare un medico.

    Psoriasi e gravidanza

    La gravidanza è il periodo più bello della vita di ogni donna. Il tempo in cui una piccola creatura cresce e si sviluppa all'interno dell'organismo materno, ogni donna viene percepita con particolare ammirazione e riverenza. Una tempesta di emozioni ed esperienze travolge dal momento in cui il fatto della gravidanza è confermato da un medico e non lascia andare fino alla nascita.

    Naturalmente, ogni donna vuole che questo periodo di vita non sia offuscato, da qualunque momento spiacevole. Nel processo di portare un bambino, il corpo della futura gestante è sottoposto a un enorme stress fisico ed emotivo. Dovrei parlare delle esperienze che sta vivendo una donna incinta ?!

    Tuttavia, la gravidanza non procede sempre in modo fluido e sicuro. Tutti i nove mesi non è un periodo di tempo così breve. Durante questo periodo, una donna dovrà essere registrata nella clinica prenatale, sottoporsi a una serie di esami, superare un numero enorme di test e visitare molti medici. Ciascuno di questi "eventi" è accompagnato dall'eccitazione: tutto va bene, il bambino sta crescendo correttamente?

    È noto che l'immunità di una donna incinta è ridotta, e qui la futura madre è in attesa di vari pericoli. La malattia più comune durante questo periodo può rappresentare una potenziale minaccia per l'organismo minuscolo trasportato sotto il cuore della madre.

    La maggior parte delle malattie può essere trattata in modo sicuro durante questo periodo, l'importante è consultare un medico in tempo e non ricorrere ai mezzi e ai consigli di "nonna" di un amico, farmacista o vicino più esperto.

    Gravidanza e psoriasi. È pericoloso?

    Una delle malattie che causano un sacco di disagi a una donna incinta è la psoriasi. Probabilmente, in connessione con questa circostanza, molte potenziali madri si chiedono: quanto è pericolosa questa malattia durante la gravidanza, influisce sullo sviluppo del bambino?

    La psoriasi durante la gravidanza non è qualcosa di straordinario. Molte donne sanno di prima mano di cosa si tratta. Va detto che la psoriasi non è contagiosa. Pertanto, rispondendo alla domanda sul pericolo di questa malattia, è necessario dire con certezza: no, non è pericoloso. Questa malattia non può essere un ostacolo per il trasporto di un bambino e una maternità felice.

    Ricerche mediche condotte nel corso di decenni, suggeriscono che la psoriasi non interferisce con il trasporto di un bambino, e inoltre non viola la funzione riproduttiva del corpo femminile. Occorre solo dire che il rischio di trasmettere il gene responsabile dello sviluppo di questa malattia da madre a figlio, se diagnosticato in uno dei genitori, va dall'8 al 15%. In presenza di questa malattia in due genitori, la probabilità che il bambino ereditasse aumenta al 60%. In realtà, questa non è un'alta percentuale di infezione - il bambino ha un'alta probabilità di nascere senza questa predisposizione.

    Va sottolineato che non è la stessa malattia ad essere ereditata, ma solo il gene responsabile di esso, cioè il bambino, può nascere con questa predisposizione. Potrebbe anche non esserlo, e ancora di più, questi numeri non significano che il bambino nascerà malato di psoriasi! No, le briciole non avranno zone cutanee danneggiate - il bambino nascerà esattamente come chi non ha una predisposizione a questa malattia. Non aver paura e ti preoccupi troppo.

    Va detto che nelle donne in gravidanza, la psoriasi scompare senza caratteristiche evidenti. Il decorso della malattia e la sua dipendenza dalla gravidanza sono individuali.

    La natura dell'insorgenza della psoriasi è tale che si verifica:

    1. con vari disturbi nei processi metabolici;
    2. nella rottura del sistema endocrino;
    3. a seguito di esperienze nervose e traumi psicologici;
    4. con predisposizione genetica;
    5. con altri fattori esterni e immunologici;

    Con una predisposizione genetica alla malattia, la gravidanza più spesso allevia questa malattia. Uno studio condotto negli Stati Uniti ha mostrato che un terzo delle donne nei primi 3 mesi di gravidanza era migliorato, la malattia ha avuto un decorso molto più facile. Solo il 20% di tutti gli intervistati ha dichiarato che la malattia era peggiorata, il resto non ha notato cambiamenti radicali nelle loro condizioni. Un altro studio ha dimostrato che lo stato delle donne con psoriasi migliora in gravidanza del 63%.

    Nonostante questo, gli studi condotti dagli scienziati non danno una chiara idea di quali cambiamenti ormonali nel corpo "innescano" la malattia o contribuiscono alla sua estinzione.

    Trattamento della psoriasi durante la gravidanza.

    È noto che il trattamento di varie malattie in donne in gravidanza ha alcune difficoltà. Qualsiasi farmaco durante questo periodo viene usato con estrema cautela, molte persone lo usano - i medici rifiutano.

    In generale, il trattamento di questa malattia ha alcune difficoltà solo se una donna incinta ha una forma grave di psoriasi. Prima della gravidanza, si raccomanda che una donna venga avvertita da un dermatologo che già deciderà se continuare il trattamento con i farmaci usati o offrire un'alternativa a quella già prescritta.

    Il trattamento della psoriasi durante la gravidanza deve essere effettuato esclusivamente sotto la supervisione di un medico, non è possibile ricorrere al consiglio di amici o fidanzate e applicare compresse o crema, raccomandate in farmacia. Solo un medico, dopo aver analizzato il decorso della malattia e lo stato della donna incinta, dovrebbe prescrivere un particolare farmaco. La scelta di tali farmaci, purtroppo, è molto limitata in questa situazione, poiché sono tutti tossici e rappresentano una minaccia per il feto. A causa del fatto che durante la gravidanza abbastanza spesso c'è un miglioramento delle condizioni della pelle, il medico può ridurre la dose del farmaco o annullarlo del tutto. Una donna in questo momento è raccomandata per monitorare attentamente le condizioni della pelle e impedire che si secchi. La difficoltà di trattare la psoriasi durante la gravidanza risiede nel fatto che è piuttosto difficile scegliere un farmaco, dal momento che rappresentano tutti un pericolo per la madre o il bambino.

    Poiché i rimedi che consentono il trattamento della psoriasi sono tossici, il dermatologo prescrive più spesso la terapia topica. Tuttavia, molti dei farmaci topici hanno un effetto teratogeno, vale a dire in grado di causare anomalie e mutazioni del feto e, di conseguenza, sono controindicati nelle donne in gravidanza.

    Tra le preparazioni locali vietate durante la gravidanza, vanno segnalati i derivati ​​della vitamina A e della vitamina D. I primi hanno effetti teratogeni e sono molto pericolosi per lo sviluppo delle briciole.

    C'è una domanda naturale, come trattare la psoriasi durante la gravidanza? I medici possono utilizzare i seguenti strumenti:

    1. emollienti: idratanti, oli e lozioni;
    2. cortisone;
    3. vari agenti esfolianti come acido salicilico e urea.

    Va ricordato che gli ultimi due elementi nell'elenco possono essere usati occasionalmente e applicati solo su aree della pelle limitate. Pertanto, ancora una volta vorrei sottolineare il fatto che il loro uso senza prescrizione e controllo da parte di un medico specialista è inaccettabile!

    Poiché l'uso di molti farmaci durante la gravidanza è inaccettabile, il trattamento sistemico della psoriasi durante la gravidanza ha un elenco limitato di attività. Tra questi, l'uso della ciclosporina e della fototerapia con l'UV si distinguono V. La ciclosporina non è pericolosa per lo sviluppo del feto, ma ha anche un effetto collaterale sull'organismo della donna incinta nominato solo con una forma grave della malattia. La fototerapia è assolutamente sicura.

    Come accennato in precedenza, le cause della psoriasi nelle donne in gravidanza sono diverse e non completamente comprese. In alcuni casi, la malattia è esacerbata, in altri casi, al contrario, una donna incinta nota un miglioramento delle sue condizioni. Le ricerche riguardanti questa domanda sono attualmente condotte dagli scienziati. Una volta, ovviamente, i medici saranno in grado di dire chiaramente cosa e perché provocano il suo sviluppo, e ciò che, al contrario, è un deterrente.

    In conclusione, vorrei ricordare a tutte le donne con psoriasi che questa malattia della pelle non può e non deve diventare un ostacolo alla gravidanza e alla maternità. Una gravidanza felice e sicura è possibile con una diagnosi del genere. La cosa più importante è una visita tempestiva al medico, un trattamento adeguato e una diagnosi nelle prime fasi della psoriasi.

    Cosa può consigliare quelle donne in gravidanza che hanno la psoriasi?

    1. iscriversi a corsi per donne incinte o giovani madri (scuola di giovani madri). Frequentare le lezioni aiuterà a risolvere questo problema in dettaglio, dissipando la maggior parte dei dubbi e delle paure che sono insite in ogni donna incinta in questo momento;
    2. vivi appieno la vita, goditi il ​​tuo nuovo stato;
    3. cammina più all'aria aperta, rilassati;
    4. non appena arriva il momento del congedo di maternità - non tardando ad andare ad esso. Rimanda il lavoro e concedi a te stesso di concentrarti sul nascituro, di impegnarti solo in te stesso e di prepararti per il parto;
    5. cercare di eliminare ogni tipo di stress - in questo stato di ansia e le emozioni negative non porteranno nulla di buono. È necessario "riorganizzare" e non permettere che il negativo entri in vita.

    Un ruolo enorme in questa situazione è giocato dall'ambiente della donna incinta - suo marito, i figli più grandi, i parenti. In questo momento, una donna ha bisogno di emozioni positive e di uno stato calmo e pacifico.

    Quindi, una donna ha solo bisogno di aderire a un certo regime, minimizzare le emozioni negative e seguire rigorosamente le istruzioni dei medici. Aderendo alla raccomandazione, la futura mamma sarà felice di sopravvivere alla gravidanza e di godere delle condizioni attuali, senza prestare attenzione al disagio causato dalla psoriasi.

    Le malattie della pelle portano sempre un sacco di disagi e preoccupazioni. Ma una donna incinta che sta aspettando un miracolo non vale la pena enfatizzare questo disturbo. La medicina moderna, i medici qualificati e il cuore della mamma aiuteranno una donna a superare questo difficile, ma allo stesso tempo, un modo meraviglioso. La gravidanza dovrebbe portare solo impressioni positive e aiutare a prepararsi per il processo più responsabile nella vita di una donna - il parto.

    Popolarmente Sulle Allergie